Home / TRADIMENTO / Un cane per amico al posto della moglie

Un cane per amico al posto della moglie

Il cane come mezzo per conoscere altri uomini.
Sposati da 4 anni , ambedue al secondo matrimonio, 59 io 53 lei , un bimbo di otto. Convivenza di sette anni prima del matrimonio.
Vengo sollecitato sei mesi fa all’acquisto di un cane di una razza specifica; io contrario, data una eperienza precedente di un anno con un altro cane, alla fine, per il bimbo cedo. Il nuovo cane ancorché bello, è problematico, è un cucciolo che socializza prevalentemente con altri cani, avendo terrore degli umani. Mia moglie si occupa dell’incombenza delle uscite del cane , come da accordi. Anche io saltuariamente la accompagno al parchetto sotto casa. Conosciamo diversi cani e padroni, con cui si instaurano nuove “amicizie”; uno dei quali, avendo due cani che si trovano benissimo col nostro, diventa il riferimento delle uscite serali.
Come dicevo, sporadicamente uscivano insieme. Una sera di gennaio ci troviamo in più cani e padroni, io a giocare e far giocare proprio i cani del tipo; quando mi riunisco a loro (mia moglie e l’altro), mi rendo conto che il tipo le parla d fronte, quindi in modo confidenziale, ma , di più, la guarda con occhi ed atteggiamento eccitati. Lì per lì, dato il soggetto, estraneo al cliché di mia moglie, forse anche più giovane di un paio di anni, penso che lui nutra inutili speranze, anzi, lo compatisco pure, pare uno sfigato; comunque mi da fastidio questo quadretto e me ne vado lasciandoli tranquillamente continuare la conversazione.

Alcuni giorni dopo, controllando online le telefonate di una mia utenza utilizzata da mia moglie, che ne ha una anche sua sullo stesso telefono, mi accorgo che  un numero viene chiamato diverse volte al giorno, anche per 50 o più minuti , o solo pochi secondi. Non ci faccio caso, credo che sia  della sorella, cognate ecc. Mia moglie, c’è da dire che ha avuto una vita sessuale molto disinibita da giovane, con molte relazioni, anche fugaci, così come anche dopo il suo  primo matrimonio. Io all’opposto, sono più calmo e ho avuto meno esperienze. Ha mai potuto avere figli, nonostante non usasse precauzioni, anche nei rapporti occasionali, io le ho dato figlio a quasi 45 anni, in modo naturale (caso eccezionale), quando pur volendolo, ma non potendo, fino ad allora diceva in giro che non voleva figli. Dico….’miracolo’ del figlio, esperienze fatte….ad una certa età , sarà appagata e dovrebbe stare tranquilla!
Il nostro rapporto non funziona molto almeno dal matrimonio, difficoltà fisiche nei rapporti sessuali, raffreddamento nei rapporti quotidiani, il solito tran tran, penso alla menopausa. Mi rinfaccia da anni di non considerare il bambino, cui  lei è l’unico riferimento. Non è vero, io lavoro, lei no. O forse, non condivido il metodo di educazione, e così, lascio a lei il timone. Poi forse troppa TV, internet…..mancanza di ascolto e relazione, empatia calante……Ma non riesco a rimediare.
Periodicamente mi dice “che vogliamo fare,così non può andare avanti”. Io ho sempre ritenuto che non essendo economicamente indipendente, il suo fosse uno sfogo inutile, anzi,non le davo retta, così come ,purtoppo, non ho mai intavolato una discussione per approfondire. Arriviamo a  tre settimane or sono; si rende necessario un ricovero per lei, io approfitto della sedazione per controllare la rubrica del telefono, scopro così che quel numero tanto gettonato corrisponde allo “sfigato’ dei cani. Ricostruisco date ed eventi degli ultimi mesi,confronto messaggi inviati a me e chiamate al tipo ,orari e circostanze, e trovo conferme ai miei dubbi.
L’affronto duramente, l’accuso con sicurezza, lei nega, ma non in modo convinto, quasi fosse un evento atteso; non si offende alle mie ingiurie, ma non confessa. Ora lo sa tutto il parentado, da lei, che ho chiesto la separazione; io ho detto nulla delle motivazioni, per pudore,vergogna, orgoglio. Le ho chiesto subito la separazione, già sentito mio avvocato, dovremmo andarci insieme in questi giorni.
Ma continuo ad amarla, anche se capisco che chi ti tradisce non ti ama. Mi rode dentro e vorrei non mandarla via. Se continuerà non sarà per il figlio che vivrebbe male con due genitori che si odiano, ma stanno assieme per lui o per il mutuo. Meglio separati e più sereni. Se continuerà sarà perché ci sono i presupposti per farlo ed un nuovo inizio tra noi. Ma non so, sarà dura, molto dura.
Per adesso mi sono rovinato le mani contro il muro per non  spaccarle la faccia.
Esito prevedibile: io solo con un cane problematico che non volevo, col quale sto passando due ore tutti i giorni, per farlo uscire delle sue turbe, a cui mi sto affezionando, visto che lei lo darebbe via senza problemi. Un cane che mi ricorderà sempre di essere stato il mezzo ed il pretesto per mia moglie per farmi arrivare dove mi trovo oggi.

da: Stany

15 Commenti

  1. Che dirti, meglio il cane a una moglie che ti tradisce. Forse non avrei corso come te, gli avrei parlato più apertamente. Gli avrei chiesto cosa le manca tra voi due, perchè è arrivata a questo punto. Anche se sono domande che gli hai fatto di fatto hai già chiuso con lei correndo dall’avvocato per le pratiche.
    Se ci tieni a lei dovresti indagare su questo suo malessere e su questa mancanza di comunicazione

    • Sbagliato. Il tuo è un ragionamento egoista.
      Sposare un adulto non significa automaticamente trasformarsi nel badante di un adulto.
      Lei ci teneva a lui? A quanto pare no.

      • Penso che ci tradisce non ami l’altro; e comunque, per esperienza, dopo il rapporto non potrà mai più essere come prima (che non era il massimo). A meno di accantonare orgoglio e dignità,ma non ne sono capace. .Quando avrò bisogno della badante non esisteranno più questi travagli, ma ora voglio vivere dignitosamente questi ultimi scampoli di vita in salute,senza macerazioni, ammesso di non averne comunque anche in solitudine.

    • É dura ma sicuramente lo sarebbe di più procrastinare il rapporto,con gli spettri notturni per tutta la vita. Stanotte ho dormito forse un’ora! Mi costa ma devo farlo….ho riflettuto, e per rispetto verso me stesso ritengo sia la soluzione migliore. Almeno lei se é una storia seria avrà accanto qualcuno. Le ho scritto che paradossalmente la invidio e le ho augurato buona fortuna.
      Domattina andremo a sentire l’avvocato.

  2. Ciao Stany, rispetto la tua decisione e la condivido. Ciò che stai facendo è giusto, fa parte della normalità delle cose.
    Trovo ridicolo chi invece resta con la moglie o con la fidanzata malgrado abbia scoperto il tradimento. Questo si che è davvero fuori da ogni regola. E mente a se stesso chi crede che lo fa per amore, perché la verità è che se avesse un po’ d’amor proprio mai resterebbe con una che lo ha tradito. La verità è che molti hanno paura della solitudine, si abituano e per questo accettano di essere trattati come delle mer..

    • Ma che ne sai tu dell’amore che provano due individui, l’uno per l’altro?? Mica siamo tutti uguali!
      In una lunga relazione un errore ci può stare, non dico che tutti debbano perdonare un tradimento, ma non è nemmeno vero che c’è una regola IDENTICA per tutti…

      • Questo è vero…..dipende molto dall’orgoglio e dalle aspettative di ciascuno di noi….

      • Mi è partito un commento come “gringo” ….la mia e-mail….ma son sempre io!
        Come dice Marco Ferradini non esistono regole in amore…

    • Anche io la penso così, anche se è dura.
      Grazie

  3. Quello che tu definisci errore io lo trovo come il fallimento di una relazione. Da quel momento in poi tutto sarà diverso. Poi si potrà perdonare o meno, io non ci riuscirei e per questo capisco perché ha reagito così Stany. E poi ho detto la mia personale considerazione, cioè che in questi casi chi decide di non lasciare la partner, malgrado il tradimento scoperto, lo fa solo per Paura e non per Amore.

    • Renditi conto che cio che sostieni è in piena contraddizione.
      Prima dici che TU non ci riusciresti, e poi che chi decide di non lasciare dopo un tradimento lo fa solo per paura.

      Quindi, secondo te, il tuo caso è IDENTICO a quello tutti gli altri? Le situazioni, le persone…sono tutte uguali? Mi pare un ragionamento presuntuoso, oltre che contradditorio, superficiale e poco sensato.

  4. Non vedo la contraddizione. Io non generalizzo, esprimo il mio parere. Ho detto che come Stany io non perdonerei una che mi tradisce (dov’è la contraddizione)?
    Ho aggiunto che chi perdona lo fa per paura! Un concetto chiaro che non si presta a contraddizioni e che non pretende di essere una legge universale, Ciao bad, buona serata

    • Chi perdona lo può fare per mille motivi.
      In primis perchè non si smette di amare automaticamente dal momento che si scopre il tradimento.
      In secondo luogo anche perchè chi tradisce si può rendere conto di aver fatto una cazzata e cercare di riconquistare il partner.
      Inoltre possono esserci figli nel mezzo, oppure può trattarsi di tanti anni di relazione e un pò di routine capita.

      E queste sono solo alcune casistiche tra migliaia.
      Hai voglia tu di comprendere le leggi universali caro mio…

      • Certo, così come esistono mille colori, mille caratteri e via dicendo. Il mio è un giudizio personale, ognuno faccia quello che vuole nella propria vita, se vuole perdonare la moglie che lo tradisce è libero di farlo. Io non lo farei esattamente come Stany. Poi ho aggiunto un mio pensiero, che chi perdona lo fa per PAURA. Ti da fastidio così tanto questo mio pensiero?
        Vedi, credo che tu abbia un problema, vuoi avere ragione a tutti i costi anche quando non c’è ne assolutamente bisogno, e di persone così ne conosco e se posso…le evito

        • Sì guarda mi dà un fastidio tale da non dormirci la notte…
          Non capisco questa presunzione che va al di là dell’argomento in discussione. Sei tu che hai problemi a non accettare cio che ti viene contestato.

          Ma d’altronde siamo alle solite, la gente scrive cose discutibili in pubblico sul web…ma non vuole assolutamente essere contestata!
          Facile così eh? E’ anche un po’ infantile.
          Tu puoi scrivere cio che vuoi esattamente come posso farlo io. E non ho fatto altro che discutere cio che tu hai scritto pubblicamente, poichè secondo me hai scritto una sciocchezza superficiale. Ti piaccia oppure no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *