Home / TRADIMENTO / Tradita dopo pochi mesi di matrimonio

Tradita dopo pochi mesi di matrimonio

Buona sera a tutti,
3 mesi fa ho scoperto il tradimento di mio marito che ho sposato 6 mesi fa. Appena l’ho scoperto l’ho affrontato, dopo un suo primo tentativo di minimizzare la cosa, cosa non riuscita in quanto avevo le prove, da quando l’ho scoperto è diventato uno zerbino. Gli ho chiaramente detto che per me lui può andare via di casa, ma dopo tre mesi si ostina a rimanere in casa. La casa in cui viviamo è mia, l’ho rassicurato sul fatto che non chiederò nulla, pur non lavorando non ho bisogno dei suoi soldi. Ma lui niente. È pentito questo lo so per certo. Ogni giorno mi prega di perdonarlo, ma io proprio non riesco a dimenticare. In pratica viviamo come due coinquilini. Dormiamo in camere separate, io non preparo più la cena per lui, i suoi genitori hanno capito che qualcosa non va, in un primo momento hanno provato a prendersela con me, poi hanno capito che razza di uomo è il figlio e ora sono diventati suoceri perfetti. I miei genitori dicono che se è pentito dovrei almeno cercare di riprovarci.
Io ho dato un ultimatum a mio marito. Entro il 31 agosto deve lasciare la mia casa. Con le buone, o con le cattive.
In tutto questo nessuno pensa a me. A quanto io stia soffrendo, a quanto io stia male. Ma proprio non riesco a perdonare e ricominciare. Non riesco.
Per quanto riguarda l’altra, non sapeva della mia esistenza.

da: Glenda

19 Commenti

  1. Ciao.

    Il tuo dolore è assolutamente comprensibile. Hai già preso la decisione perché non te la senti di continuare e probabilmente è giusto così.

    Però valuta bene tutte le cose. Non esiste un essere umano perfetto e l’errore è elemento della nostra esistenza. Il tradimento può anche essere un errore come gli altri e qualche volta dagli errori si impara e ci si migliora.

    Se sei determinata vai avanti per la tua strada.

    Io sono uno di quelli che ha sbagliato ed ora ho capito perfettamente l’errore che ho fato. Non ho tradito, quindi probabilmente non è la stessa cosa ma comunque sono stato capace di distruggere una relazione importante.

    • Sandro io non dico di essere perfetta, ognuno commette errori, ma ci sono errori ed errori! Lui sapeva il mio pensiero sul tradimento, e dopo tre mesi di matrimonio non è giustificabile. Lui mi ha chiesto di sposarci, io ero favorevole alla convivenza, lui è sempre stato quello più geloso,.
      Pur soffrendo non riesco ad andare avanti. Il 1 settembre la mia vita sarà senza di lui.

  2. Antonella Fabiani

    Se non pui perdonare o dimenticare questa cosa potrebbe uscir fuori in continuazione nei momenti di ira…quindi mandalo dai suoi e poi vediamo cosa ha capito
    se si ricomincia di deve ricominciare in maniera diversa no da quel punto che per te è incancellabile

    • Antonella con una bestia così non riuscirei a ricominciare nulla. Nulla. Io da oggi sarò in ferie, ferie che dovevamo fare insieme, e quando rientro non lo rivedrò più in casa mia.

  3. Scusami ma tuo marito ha la merda al posto del cervello…ma perché ti ha sposata se dopo 3 mesi già ti tradiva?
    Fai bene a mandarlo via, pensa se ci stavano in mezzo dei figli…
    Inoltre se non lo scoprivi lui sicuramente sarebbe andato avanti.

    Ma quando ha fatto il corso prematrimoniale dormiva? Io lo avrei preso a martellate nelle palle, veramente non riesco a concepire il perché di certe azioni.
    Schifo schifo e ancora schifo. Neanche il tempo di tornare dalla luna di miele… in caso di ripensamento pensa se vorresti uno così come padre dei tuoi figli e sono certa che ti passa la voglia di perdonarlo.

    • Ciao Mau!!
      Il solo pensiero di riaverlo nel mio letto mi fa schifo, e dicendo quello che sto per scrivere verró giudicata male, ma vedo che sta soffrendo e non mi dispiace. Perché anche io sto soffrendo.

  4. Ti parlo da uomo.,. anche io ho passato a so tempo la tua esperienza, con momenti molto difficili, sembrava che il mondo mi fosse caduto addosso, ma poi ne siamo venuti fuori. sai come ? parlando, parlando e parlando, senza acrimonia, accettando il punto di vista dell’altro e rispettandolo. E ricorda che chi sdrammatizza vince sempre, alla fine.
    Piano piano il rapporto si è rinsaldato su nuove basi, e ho riscoperto il piacere di riaverla, una donna diversa, più libera, ma con tante cose da dirmi.
    Sii serena, accetta a dialoga serenamente, ce la farai, e riprendi a dividere il letto, serenamente…
    in bocca al lupo

  5. Lo so che ti sembra assurdo, sembra che ti dica che hai torto tu, ma non è così.
    Sbagli a dire che non riesci a perdonare.
    E’ che tu non stai dicendo niente sul perchè lui lo ha fatto…
    Perchè lo ha fatto ? Incomincia da qui e consenti che possa succedere. non devi rinfacciare, devi accettarlo, e lui dovrà accettare te e imparerà quando è importante vivere vicino a una persona che sa accettare
    Tra due che dividono la propria vita non c’è da perdonare … c’è solo da capire. Capiterà anche a te in futuro di avere cose di cui farti perdonare … e scoprirai che con questa logica di chi ha ragione e dei chi ha torto, non si va avanti, non si fa strada insieme.
    Vivere insieme non può significare

    • Caro il mio Andrea497, qualsiasi problema ci possa essere nella coppia non si risolve andando a scopare con un’altra. Non tutte sono come tua moglie, e ringrazio di non essere come tua moglie. Chi tradisce ha torto. Chi tradisce sbaglia. Io non voglio e non intendo capire il tradimento. Alla fine del mese cascasse il mondo lui va fuori da casa mia e dalla mia vita per sempre. E sta pagando caro il suo errore. Lo percepisco che sta male. E non mi dispiace. Pur amandolo ancora, ma io sto soffrendo troppo. Io soffro per causa sua, lui si è andato a cercare il tutto.
      Risparmiami risposte se sono sul tenore delle precedenti.

      • Vedo che non sei disposta a riflettere, e alla fine è giusto che tu faccia quello che ritieni giusto.
        Ma dal tono così perentorio delle tue risposte, credo si incominci a vedere che non solo tuo marito non era pronto e maturo per il matrimonio, ma neppure tu. Ti faccio molti auguri

        • Andrea perdonami ma il matrimonio non si basa sul tradimento coniugale che poi deve venir perdonato.
          Il matrimonio cristiano, cattolico o civile che sia si basa sulla monogamia.
          I triangoli non sono ponderati.
          Il tradimento non è ponderato.
          Chi tradisce è una merda e non va perdonato perché siamo esseri senzienti, capaci di ragionare e di capire i meccanismi causa ed effetto.
          Se io amo un uomo non lo tradisco perchè so bene che è sbagliato e che se lo scopre lo perdo.
          Uno che tradisce dopo 3 mesi di matrimonio o è un ritardato mentale con problemi cognitivi o è una merda. Non ci sono attenuanti in sto caso. Capissi dopo 20 anni, una sbandata può succedere, ma dopo 3 mesi è roba da chiedere l’annullamento!
          Poi ognuno si racconta le favole che vuole e si porta le corna come meglio crede. Namaste

          • Certo che il matrimonio non si fonda sul tradimento, ed è evidente che chi tradisce dopo tre mesi quanto meno non è maturo per affrontarlo. Ma ci sono tante ragioni per tradire, dopo tre mesi o dopo venti anni, e il matrimonio si fonda, a mio parere, sulla capacità di capire, non sulla semplice decisione che l’altro è una merda. E poi, se io ho sposato una merda, come mai non me ne sono accorto e, appunto, l’ho sposato? se fossi stato più matura non avrei dovuto capirlo prima ? Io faccio molta fatica a pensare che la persona che ho sposato sia una merda, in ogni caso, non solo per rispetto nei suoi confronti, ma anche nei miei

            • Rispetto? Di quale rispetto parli Andrea497? Un persona che tradisce dopo tre mesi per me è portato al tradimento. Chissà se lo ha fatto anche prima e sicuramente, visto che è stato scoperto, l’avrebbe fatto anche dopo. Un uomo così non lo voterei a miglior candidato per essere il padre dei mie figli. Certo poi non si può mai sapere nella vita e si può prenderne un altro, peggio di questo, ma visto che il destino a Glenda glielo ha fatto scoprire prima che fosse troppo tardi, io sono d’accordo sul darci un taglio netto. Esattamente come ha fatto lui quando, non avendo nessun rispetto per una neo moglie, ha deciso di andare con un’altra donna.
              In ogni caso proprio non condivido il tuo modo di ragionare. Che adesso la colpa di un tradimento è della persona tradita perchè non ha capito in tempo con chi aveva a che fare? E’ una idea davvero ridicola. Troppe volte sto sentendo dire da uno/a che tradisce “E’ colpa tua se ti ho tradito”. Questo è un modo terribile e colpevolizzante per sottrarsi alle proprie responsabilità. E quel che voglio sottolineare è che stiamo parlando di gente adulta, nè di bambini e nè di adolescenti.

            • andrea497 12 agosto 2016 at 10:30
              La mia esperienza è diversa. Quando mia moglie mi ha tradito mi è sembrato che crollasse il mondo addosso, poi ho incominciato a parlare della cosa con lei, e la cosa ha preso un latro aspetto. non mi stimava di meno, non mi amava di meno, non intendeva offendermi, aveva avuto una forte attrazione, che come era arrivata all’improvviso è sparita come una fiammata, e non aveva saputo/voluto dire di no, perché la vita va vissuta, e se non avesse fatto le sarebbe sempre rimasto l’interrogativo, e il dubbio.
              Le dispiaceva darmi un dolore, ma la sua viat era sua, e su questo ero d’accordo.
              Mi è sembrato che il tutto avesse un senso e la nostra vita è cambiata,anch’io mi sono guardato intorno, e non mi sono tirato indietro se e quando mi è capitato, senza esasperazione e il dialogo tra noi non è mai finito, ha fatto un salto di qualità ed è diventato molto più profondo. Qualcuno può condividere?

              Caro Andrea ed io dovrei fare questa fine? Ognuno fa quello che vuole e poi ci raccontiamo le nostre avventure?? No grazie. Sola a vita. Preferisco..

            • Ciao Daniela!
              Grazie per aver risposto.
              In questo caso lui non ha nemmeno osato dire che è colpa mia.
              E pur avendo i miei difetti non mi capacito del perché lo abbia fatto. Secondo me, pensava di avermi in pugno, secondo il suo modo di ragionare visto che io non lavoro (per scelta) io non avrei potuto lasciarlo.
              Sono in ferie al mio rientro non lo ritroverò più in casa, e forse lo rivedrò nel momento della separazione. Anche se lui ancora proverà a farmi cambiare idea.

        • Mi fa le corna dopo 3 mesi di matrimonio ed io non sono pronta?? Ma come ragioni?

  6. Brava, hai fatto benissimo.

  7. Hai fatto bene a cacciarlo di casa. Il mio è andato via salvo poi voler ricominciare dopo 6 mesi…ma naturalmente non l’ho rivoluto. Assolutamente no! La casa è sua quindi appena mi ha mollato io mi sono trasferita in un’altra casa, anche io come te non lavoravo, ora lavoro, ho la mia casa, e lui invece non riesce nemmeno a pagare il mutuo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close