Home / TRADIMENTO / Lo squallore non conosce limiti

Lo squallore non conosce limiti

Buongiorno a tutti, più che di sofferenza mia qui parlerò dello squallore di certa gente e della sofferenza di mio figlio.
A maggio ho scoperto il tradimento di mia moglie  ma ho deciso di farmi forza ed andare avanti fino a luglio poiché mio figlio deve sostenere l’esame di maturità. Ma ieri pomeriggio è successo l’irreparabile. Mio figlio diversamente dai “piani” è rientrato prima a casa ed ha trovato la madre intenta a praticare sesso orale al suo amante. Mi ha subito telefonato, era devastato, sconvolto, ho avuto paura per lui. Sono rientrato a casa e non ho rivolto nemmeno la parola a mia moglie (disperata anche lei) ho preso le mie cose e qualche cosa di mio figlio e ci siamo trasferiti a casa di mia madre. Oggi dovrà sostenere la seconda prova, ma per la leggerezza di mia moglie tutto potrebbe essere compromesso. Oltre alla sofferenza che ha provocato a mio figlio.
Ora io mi chiedo cosa può spingere una donna (in questo caso) a comportarsi così? Sicuramente io avrò le mie responsabilità ma un simile comportamento fa passare il torto tutto su di lei.

da: Luca

6 Commenti

  1. caro Luca, mi spiace tantissimo per la tua situazione e per la sofferenza arrecata specialmente a tuo figlio.
    Voglio però dirti che tuo figlio sicuramente a 18 anni ha capito quello che è successo, chiaro che la botta è stata grossa e pensare che sua madre è solo una gran tr…. (scusami, ma la penso così) ha provocato in lui un grandissimo dolore e forte delusione.
    L’unica cosa che puoi fare è stare vicino a tuo figlio nel migliore dei modi. Non pensare perché una donna può comportarsi così. Sappi solo che molte donne fanno veramente schifo, per fortuna non tutte (almeno spero).
    Tu avrai le tue colpe, forse l’hai trascurata un po’, magari per il troppo lavoro o altro, ma non credo che tu abbia mai pensato di fare una cosa simile!!
    un abbraccio e ti sono vicino

    • Ciao Davide79, come ho già scritto dal 23 giugno mio figlio non ha più parlato con la madre. E quando ne parla lo fa con rancore, rabbia. Mi duole ammetterlo ma non è stata una madre molto presente, in primis per il lavoro, poi per altri impegni (ed a questo punto non metterei la mano sul fuoco che non mi abbia tradito altre volte).
      Per quanto riguarda me, ho parlato con lei solo tramite avvocato. C’è poco da spartire. Eravamo in separazione di beni, per sua scelta, lei era più ricca di me ;), la casa era sua, pertanto non abbiamo avuto tanto da dire.

  2. mi dispiace per tuo figlio, però se almeno avvisavi tua moglie del fatto che sapevi tutto e di non fare ka schifosa in casa per il bene di vostro figlio forse lei si dava una regolata. ormai il dado è trstto.
    mi dispiace per te e tuo figlio ma sono certa che lui sarà in grado di discernere gli esami dalla sofferenza arrecatagli dalla madre. vin bocca al lupo ad entrambi.

    • Ciao Mau! Rispondo con ritardo in quanto non ho più controllato il sito. Dirglielo avrebbe significato litigi, tensioni, e volevo evitare il tutto. E di contro mai avrei pensato che potesse arrivare a tanto. Io non ho più rivolto la parola a mia moglie, e ci può stare, ma il problema adesso è che dal 23 giugno neanche mio figlio ha rivoluto vedere/parlare con la mamma. Io dal canto mio tutti i giorni ho cercato di fargli capire che ciò che ha fatto la mamma non influenzerà mai il bene che lei prova, che la mamma darebbe la vita per lui, ma lui non vuole saperne. Fra pochi giorni si trasferirà in un’altra città per l’università, ed io mi ritrovo a 46 anni a vivere con mia madre.

  3. Signori, il modo perfetto per far uscire i ragazzi di casa non appena raggiunta la maggiore età. Mi auguro frequenti una università sita all’esatto antipodale rispetto a quella sottospecie di madre che si ritrova. Ad maiora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *