Home / SOFFRIRE PER AMORE / Non si sentiva amato

Non si sentiva amato

Non credevo fosse possibile soffrire per amore con una intensità simile. Dopo otto anni di convivenza con L, un collega che ha 7 anni meno di me, che ha nutrito per me un amore unico, incondizionato e profondo, se n’è andato da casa, prendendosi le proprie cose. La motivazione è stata la mia scarsa capacità di farlo sentire amato come desiderava, di dimostrargli il mio affetto. Avrebbe superato tutto, diceva, dalla differenza d’età alla convivenza forzata con un mio figlio con il quale non hanno mai legato.

A tutto ciò ha unito il mio carattere forte, dominante, che l’ha fatto sentire sotto pressione, fino a farlo scoppiare in mille pezzi che ora, dice di voler raccogliere. Mi.ha anche accusato di essere eccessivamente gelosa. Insomma, detta così sembra che la relazione sia stata un disastro, in realtà è stata un’unione felice, con alti e bassi, ma in cui ci siamo davvero tanto amati. Ora lui però vuole solo vedere il brutto della cosa, rimuovendo il bello, che era la maggior parte del discorso. Abbiamo tentato di vederci ancora, mi cercava in continuazione ma solo per cene, pranzi, tramonti, diceva di non sapere se l’amore si fosse trasformato in affetto.

Negli ultimi tempi, esattamente una settimana fa mi ha bloccato da tutto, così, all’improvviso, senza nessun preavviso. Ho paura che abbia trovato un’altra e mi ha cancellato. Attualmente mi sento sfinita e senza speranze, non ho più voglia di ricominciare. Sto male, ringrazio chi vorrà rispondermi.

da: Cristina

5 Commenti

  1. Quanti anni avete?

    • Vorrei chiederti ma tu ad ogni post perché chiedi l’età degli interessati ? Se provavano amore l’uno per l’altra quale importanza ha l’eta???

  2. ciao Cristina, chi ha una carattere forte e dominante come il tuo purtroppo si accorge che le cose non vanno solamente quando non c’è piu speranza di riparare.
    Anche gli uomini hanno bisogno di sentirsi amati, hanno bisogno di essere coccolati, anche se può sembrare strano alcuni uomini non pensano solo ed esclusivamente al sesso.
    Capisco il tuo compagno. Io stesso sto vivendo una situazione simile da diversi anni, e vado avanti con moltissimi alti e bassi. In un rapporto di coppia, anche se può sembrare noioso, ci vuole anche stabilità, la certezza di arrivare a casa di dire “ecco, finalmente sono a casa. Lì c’è il mio amore che mi sta aspettando”.
    Purtroppo non è così, e dopo un po’ il vaso si rompe, appunto in mille pezzi.
    Coraggio, ti auguro di sistemare il tuo rapporto, anche se ci dovrai lavorare molto.

  3. Ciao Anonimo, io ho 46 anni e lui 39

    • Cara Cristina, capisco perfettamente come ti senti. Ci sono passata anch’io. Anch’io non credevo che si potesse soffrire per una persona con un’intensità simile. Mi ha amata profondamente, per tanti anni. Poi, improvvisamente, da un giorno all’altro mi ha lasciata senza preavviso. Si è innamorato di un’altra. È stato un dolore atroce, devastante. Ho vissuto un incubo sulla terra, giorno e notte a pensare, a soffrire. Ho passato anni terribili. Non c’è dolore più grande di subire da un giorno all’altro il voltafaccia di una persona che ci dimostrava amore. C’è modo e modo di comportarsi e di troncare una relazione. Chi fa così tanto male alla persona più cara meriterebbe solo di ricevere e di patire altrettanto dolore. È durissima, lo so. La speranza è per noi quella di riacquistare con il tempo un po’ di serenità e l’equilibrio perduto e che ci sia una giustizia divina anche terrena per chi disintegra senza pietà le vite altrui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.