Home / AMORE FINITO / Il primo amore non si scorda mai

Il primo amore non si scorda mai

È stato il primo amore per entrambi, durato per due anni.
Lui mi ha lasciata perchè era giusto che entrambi vivessimo anche nuove esperienze (in effetti avevamo solo 17 anni), non gli ho mai dato torto in questo, dal giorno in cui ci siamo lasciati non ci siamo mai più parlati se non per un breve periodo questa estate per poi essere di nuovo “scaricata” senza alcun motivo. Non esiste giorno in cui io non pensi a lui (sono passati altri due anni), entrambi non abbiamo avuto più storie. Adesso viviamo in due città diverse e lontane e ritornare nella mia città natale mi ha fatto un certo effetto dato che non lo vedevo più nei posti in cui lo incontravo solitamente. Nutro un senso di protezione nei suoi confronti, vorrei sapere come sta, cosa fa. Sento come se fossimo destinati prima o poi a rincontrarci.
Non so più come fare a levarmi questa convinzione di dosso, ogni giorno che passa diventa sempre più forte, combattuta invece dalla realtà che è un’altra, mi ha dimenticata e di me gli interessa più nulla.

da: Anonima

3 Commenti

  1. Cara Anonima è vero che il primo amore non si scorda mai, ma ultimamente in questo forum mi capita troppo spesso di sentire persone che dopo anni, ricordano un vecchio amore (anche se non necessariamente il primo). Ora io credo che se si ha la mente libera, se un amore è finito e si rimane delusi e quindi si rimane con un senso di vuoto, la nostra mente cerca di riempire quel vuoto. Ora cosa di c’è di meglio che ripensare a un momento in cui eravamo più giovani, a un periodo in cui c’era il fidanzatino di turno, o un legame speciale con una persona di cui ci fidavamo ciecamente? Razionalmente io credo che ci fissiamo perché siamo portati a pensare che la persona del passato sia migliore di quella del presente proprio per un processo che ci fa associare una persona già conosciuta (soprattutto se conosciuta da bambini o da adolescente) con qualcuno di più affidabile di altri.
    Detto questo, non so che pensare Anonima. Certo se lui non ti ha più cercato nonostante non fosse fidanzato, vuol dire che forse ha voltato pagina. D’altronde ho potuto constatare che vivere in due città diverse è un ostacolo oggi praticamente quasi insormontabile. E’ strano vederla così ora che abbiamo Skype, che si può stare ore e ore al telefono, che esistono le e-mail e anche whatsapp, facebook, e soprattutto adesso che abbiamo treni ad alta velocità e aerei in alcuni casi a basso costo. Eppure l’amore moderno non vuole lontananza oppure non vuole il sacrificio di stare da soli fisicamente per lunghi periodi.
    Comunque sai sono passati anni e non è detto che quel ragazzo sia rimasto la persona che avevi conosciuto tu. Le esperienze ci fanno cambiare. Ed è molto più facile che se tu avessi occasione di rifrequentarlo, tu possa rimanerne delusa che esserne felice. Io ti consiglio di distrarti. Esci con gli amici, iscriviti a qualcosa che ti piace particolarmente, viaggia un po’ se puoi, cercati un hobby. Vedrai che piano piano magari conoscerai nuove persone. Chissà qualcuno potrebbe soppiantare l’immagine di questo vecchio amore con uno nuovo. Ti auguro di ritrovare presto felicità e serenità.

  2. ciao,
    Daniela da consigli giustissimi, condivido molto i suoi commenti.Un amore vissuto da adolescenti rimane sempre nei ricordi più belli, sia perché era un periodo di spensieratezza, sia perché è stata la prima esperienza; rivivere un amore del passato pensando che sia sempre come lo ricordavamo noi è un errore, perché non sarà più così, le esperienze le idee e i modi di guardare le cose con il passare degli anni cambiano, così facendo si rischia di rovinare anche un bel ricordo.

  3. ciao, è vero, il primo amore non sii scorda mai. Volevo condividere con voi un pensiero che un po’ di tempo fa ho scritto, pensando proprio a questo:
    “Mi sono trovato quest’oggi ad analizzare la mia vita. Ho quasi 34 anni, una vita tranquilla, forse troppo. Poche storie, poche esperienze. Parliamoci chiaro, non rimpiango nulla, solo una cosa posso dire di rimpiangere, il primo vero amore della mia vita, quello che a distanza di quasi 20 anni ancora ti fa battere il cuore e che ancora ricordi in ogni minimo particolare, in ogni minimo dettaglio. Quella cosa che fino a quando non la provi, stenti a crederci e pensi siano solo cavolate. Ma invece, amici miei, è tutto vero!!
    Avevo appunto 15 anni, cominciavo il secondo anno dell’istituto tecnico e l’unica cosa che pensavo, era fare un po’ casino con gli amici. Non eravamo più noi i primini da prendere in giro, ma altri erano in arrivo a prendere il nostro posto! Pertanto, fra battute e scherzi con i nuovi “primini” conobbi LEI. Un bel caratterino, stava al gioco, ma rispondeva a tono e non si faceva certo “sottomettere”. Allo stesso tempo però aveva questi occhietti furbi, dolci come quelli di un cucciolo, e io, mi ritrovati completamente perso per lei. Per fortuna diventammo subito buoni amici, si prendeva lo stesso treno per andare a scuola, in fermate diverse ma vicine. Non sapevo come dirle ciò che provavo per lei, avevo 15 anni sì, ma molto timido ed esperienza zero! Comunque un bel giorno, preparai una vera e propria dichiarazione a tavolino, e le dissi “in queste settimane ci siamo conosciuti, siamo diventati amici, ma io non ho potuto non innamorarmi di te e volevo chiederti se ti piacerebbe metterti con me”. Il cuore batteva all’impazzata mentre le dicevo queste parole, cominciavo a sudare freddo e la paura di un suo rifiuto si faceva sempre più forte. Invece, ancora una volta rimasi sbalordito da lei, lei che mi prese la mano e disse SI. Ero in quel momento il ragazzo più felice sulla faccia della terra. Come era bello, romantico, dolce, tenerci mano nella mano a ricreazione, sedere vicino in treno, trovarti in aula magna a scuola per vedere una proiezione e stare tutto il tempo a tenerci ed accarezzarci la mano.
    Nel frattempo un mio amico, con un po’ più di esperienza di me, cominciò una storia con una amica di lei. Fu come si dice, una mano piovuta dal cielo. Potemmo cominciare le classiche uscite a quattro, una pizza, una cinema e passeggiate romantiche per il paese. Fu, se non ricordo male, alla seconda uscita, che diedi il mio primo bacio. Quella sera, c’era luna piena, ed i vicoli erano illuminati solo da quella. L’abbraccia sui fianchi, mi avvicinai a lei e finalmente, un po’ di coraggio in me venne fuori e finalmente le mie labbra sfiorarono le sue. Purtroppo questa mia felicità era destinata a non durare. Non so ancora cosa successe di preciso, soltanto che dopo le vacanze di natale, dove lei parti con la famiglia ed io non potevo né vederla, né sentirla telefonicamente (all’epoca i cellulare ancora erano un tabù) lei salì in treno una mattina, venne da me e mi disse che era tutto finito. Quello che mi parve strano, fu il modo in cui lo disse, una freddezza, un modo così distaccato, quasi arrogante che sembrava non pervenire da lei. In quel periodo, il mondo mi cadde addosso. Una disperazione, una tristezza, non riuscivo più a fare niente, tanto meno a studiare.
    Ma io dovevo sapere, dovevo capire cosa l’aveva fatta cambiare fino a quel punto. Durante l’ora di laboratorio, con la complicità di un caro amico, mi infilai furtivamente nella sua classe e portai via il suo diario dallo zaino. All’uscita da scuola, presi con il mio amico il treno subito dopo, in maniera da rimanere soli, lontano da occhi indiscreti. Aprì il diario, verso il periodo in cui l’avevo conosciuta. Prima tante pagine riempite con il mio nome, in cui diceva di amarmi tantissimo. Poi, all’improvviso, una pagina a caratteri cubitali, in cui mi definiva un “finocchio, non come ortaggio”. Tutt’oggi lei non sa quello che ho fatto. Negli anni successivi, ho provato di tutto per riconquistarla, lettere, rose rosse, di tutto, l’unica cosa che ho potuto avere fu la sua amicizia. E ragazzi, ho durato per quasi 3 anni, fino a quando a 18 anni, feci, diciamo così, esperienze diverse che per un attimo mi fecero non pensare più a lei.
    Ma comunque a tutt’oggi, a volte mi capita di pensare a lei, a volte addirittura mi è capitato di sognarla.
    Qualche anno fa, sono andato a trovarla, così, per scambiare qualche parola e ricordare i vecchi tempi. In un attimo, qualcosa si è fatta scappare, e ammise che fu colpa di una sua amica, che quasi le fece il lavaggio del cervello perché mi lasciasse. Un sorriso mi scappò, almeno capii dal suo tono di voce, che forse le era dispiaciuto comportarsi così, e che io non lo meritavo. Avrei voluto abbracciarla, baciarla, e dirle “riprendiamoci gli anni che ci hanno rubato”, ma lei era già sposata, madre, per cui, ho lasciato perdere. Ancora una volta, il destino era stato crudele e beffardo nei miei confronti. Almeno però, posso dire di avere provato il vero amore, quell’amore sincero, limpido, candido, fatto appunto di piccole cose, ma INDIMENTICABILI.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close