Home / CRISI DI COPPIA / Calore umano o sesso

Calore umano o sesso

Non so se si è per forza colpevoli.
Vivo con la mi compagna da 4 anni mi sento appagato in quai tutto tranne che in una cosa, il sesso o voglia di abbracci di sentire quel calore umano di cui non posso fare a meno.
Ora sento il desiderio di cercarlo al di fuori del nostro rapporto.
Mi frena l’amore che ho per lei e la consapevolezza che qualsiasi altra danna vorrebbe sicuramente di più.
Ho 49 anni e purtroppo è una strada che ho già percorso.
Quindi ho sono una cattiva persona ho non lo sono e vivo in silenzio la mia insoddisfazione.

da: Fabrizio

19 Commenti

  1. Scusate le h davanti le o ( correzione automatica)

  2. Fabrizio non si capisce bene cosa tu voglia. Forse ti sei spiegato un po’ sibillinamente. Dimmi se ho capito male: la tua compagna non è una bomba a letto e non è prodiga di carezze e coccole. E’ così? Perché mi sembra di aver capito che vorresti cambiare compagna, che non è la prima volta che ti trovi insoddisfatto. Oppure ho capito male e tu ogni tanto vuoi cambiare partner per avere una donna nuova che ti faccia sentire più amato in tutti i sensi?
    Spiegati meglio. In ogni caso se è un problema di scarsa affettuosità della compagna puoi sempre dirglielo e provare a farti coccolare di più o anche di fare più sesso. Se invece tu vuoi proprio un’altra compagna bè forse c’è qualcosa che non va nel vostro rapporto. Oppure tu sei volubile di natura e dopo qualche anno ti stufi e devi cambiare partner. Dubito che andando avanti nell’età tu possa però riuscire spesso in questo intento. Detto tra noi ti consiglio di tenerti la donna che hai adesso se lei ti ama e tu le vuoi bene. Oggi come oggi è difficile trovare qualcuno che ti ami. E magari sei un uomo fortunato che ancora non se ne è reso conto.

    • Ciao Daniela, cambiare compagna è proprio quello che non voglio fare.
      Si ci sono già passato.
      Sono innamorato e ne sono certo.
      Soddisfatto anche dei nostri momenti intimi.
      Il problema è che io ne ho bisogno con costanza mentre per lei non è così.
      Ne abbiamo parlato tante volte e per un po’ le cose vanno meglio ma poi tutto ritorna come prima.
      La tentazione nel guardarmi intorno è dovuta anche a come sono fatto io.
      Nel mio passato cambiavo spesso compagna.
      Sicuramente è anche un mio limite ma dovrei fare come nel passato e cambiare compagna rimanendo integro moralmente, cercare svago occasionale e mantenere il rapporto con la donna che amo o far finta di nulla e nascondere la mia insoddisfazione?

  3. Provato a parlarne apertamente con tua moglie?

  4. Sinceramente Fabrizio il fatto solo di aver considerato di soddisfare il tuo desiderio tradendo la tua compagna, non ti fa certo onore. Dici di amarla, dici che ne sei certo. Non ne sono sicura. Di certo c’è che ami molto te stesso. Scusami se l’ho detto. Comunque vorrei farti ragionare meglio su quel dici. Rivoltiamo la cosa. La tua compagna ti ama ma c’è qualcosa in cui non si sente soddisfatta da te. Te ne ha parlato e tu l’accontenti, ma poi piano piano ti stufi e continui a comportarti per come sei fatto. Quindi vista la situazione la tua partner sta pensando seriamente a cambiarti con uno che la soddisfi di più oppure, siccome ti ama, e proprio per questo non vuole lasciarti, sta pensando di prendersi un’amante e di tradirti. Bè così avrebbe risolto tutto, non credi? Lei sarebbe felice e soddisfatta e tu cornuto e contento. Ah guarda non credi sia la soluzione migliore? Scusa il sarcasmo.
    Ora Fabrizio vorrei capire una cosa: lei è stata così poco espansiva sempre oppure è una cosa che sta succedendo solo ora? Perché vedi bisogna vedere che se è la sua natura che la fa comportare così. In questo caso tu lo sapevi da prima che lei come era fatta e ti sei accontentato lo stesso. Se invece è un periodo in cui lei è solo stanca (il lavoro, la routine della casa) magari ci vuole solo una bella vacanza, o un po’ più di romanticismo da parte tua oppure la puoi accontentare in qualcosa che le piace fare per poi ben predisporla a coccole e sesso. In sintesi potreste parlarne di nuovo e venirvi incontro. Cioè tu potresti non pretendere troppo e lei concederti di più.
    Se anche questo sistema non va bene non so cosa consigliarti. Considera che cambiare partner in continuazione non è una soluzione che potrai perpetrare a lungo e che alla tua età ti consiglio di fermarti. La scelta infatti sarà sempre più limitata e seppure trovassi magari una donna che rispecchi le tue esigenze potresti poi non trovarti bene in altre (metti una espansiva con te ma anche con molti altri…). Ti auguro di trovare presto la soluzione e di essere felice con la tua lei.

    • Ti ringrazio Daniela.
      Credi nella mia buona fede, altrimenti non mi sarei confrontato qui avrei fatto ciò che mi rimane più facile.
      Forse è solo un momento, ma è sempre così, dopo qualche anno cala il desiderio del sesso mentre a me non capita e inizio a sentirmi insoddisfatto.
      Non faccio ragionamenti calcolando le probabilità di trovarne altre volte passare degli anni, ma il pensiero che non esista una soluzione mi delude nei confronti delle mie aspettative.
      Non escludo che possano esserci anche mie responsabilità.
      È forse non esiste una risposta magica ne qui né altrove.

      • Caro Fabrizio,
        evidentemente tu sei un uomo con un forte appetito sessuale mentre invece la tua compagna è una donna più tranquilla…niente di nuovo,sinceramente credo nella tua buona fede però più che altro ti inviterei a riflettere su QUANTO il sesso, il viverlo in un determinato modo siano importanti nella tua vita e per il tuo benessere psicofisico…perchè per quanto per alcuni possa essere un discorso da superficiali, nei rapporti è un fattore che conta molto e non tutti sono in grado di gestirla allo stesso modo…alcuni rinunciano a qualcosa perchè veramente innamorati, altri ci provano ma alla fine sorgono sempre delle frustrazioni, altri seguono il proprio istinto…tu devi capire cosa ti fa stare meglio, senza sentirti in colpa per questo pensiero…e bada bene, non ti sto dicendo di mettere le corna e trovarti una che tappi i buchi…
        però siamo tutti diversi e con sessualità diverse, cerca di capire se per amore sei disposto a smussare questo angolo del tuo carattere…

        • Grazie Claudia, la tua è la risposta più sensata ed è anche quello che penso io. È un qualcosa che devo risolvere da solo.

          • Si ovviamente, la comunicazione con l’altro è importante, però attenzione, sono argomenti estremamente delicati e il passo tra cercare di risolvere un problema e creare ulteriori complessi o sensi di inadeguatezza( sono troppo focoso quindi sono un maniaco\fissato…oppure sono troppo tranquillo quindi non riuscirò mai a soddisfarlo) è davvero brevissimo…
            forse non hai ancora incontrato una donna con una sessualità come la tua, ti ripeto, valuta, guarda sinceramente dentro te stesso e cerca di capire se la ami davvero…

            • Si la amo.
              Quindi da qui il mio quesito e la difficoltà.
              Devo comunque cedere o in un senso o nell’altro.
              E pensare che da bambino per me era tutto bianco o nero.

            • Allora caro mio, devi farti forza e tenerti la tua vita sessuale cosi com’è.
              Io sono una donna focosa, il mio ex era una persona moooolto dolce ma meno passionale di me e con meno “necessità”, quindi capisco benissimo tutto il discorso che hai fatto all’inizio, quanto possa essere difficile etc etc etc, ma non ho mai tradito, anche se l’insoddisfazione c’era, o sentirsi “troppo”, la solitudine…è una cosa su cui ho convissuto per anni…e quando seriamente( e conta che per me lui era l’unico da 8 anni e prima di lui avevo avuto solamente un altro ragazzo, quindi aggiungici anche la curiosità)sono stata tentata di farlo SERIAMENTE ho mollato perchè non sarebbe stato rispettoso nei confronti del mio ex… è facile dire che si ama una persona, molto difficile dimostrarlo, anche perchè io, se venissi tradita uscirei di testa, immagino anche tu, quindi non si possono avere due pesi e due misure.
              E scusami, ma non è questione di cedere ma bensì di SCEGLIERE cosa è davvero più importante… non siamo più bambini, iniziamo, tutti a prenderci la responsabilità delle nostre azioni, tutti abbiamo debolezze, tutti abbiamo bisogni, necessità e la vita è un continuo divenire di grigio, ma credimi, quando io ho iniziato ad avere voglia di altro, non ero più innamorata, perchè quando lo ero riuscivo a trovare comunque soddisfazione, una soddisfazione immensa nel rapporto e per il resto, scusa la franchezza, esiste l’autoerotismo.
              Ti auguro di capire cosa vuoi, prenditi un po’ di tempo e cerca di guardarti dentro davvero.
              Un abbraccio.
              C.

  5. Lo so Claudia, ma credimi il disaggio psicofisico è veramente importante.
    Mi condiziona la quotidianità.
    So anche ciò che perdo se mi lascio andare.
    La mi riflessione era appunto questa.
    Per rispettare ciò che ritengo giusto,
    Devo imparare a convivere con questa mia insoddisfazione,
    Che tra le altre cose, avendo 49 anni presumo si protrarrà per molti anni.
    Non so se è realmente giusto.
    Io ci proverò
    Un abbraccio anche a te
    F

  6. Fabrizio scusa ma io vedo in questo tuo modo di ragionare molto egoismo. Come se tu non ti preoccupassi assolutamente della tua compagna. Probabilmente tu avrai delle “mancanze” nei suoi confronti esattamente come lei ha delle “mancanze” (cioè sesso più rado) nei tuoi riguardi. Ora sinceramente questo mettere davanti le tue esigenze, mi fa pensare tante cose. Ci sono tanti motivi infatti per cui il problema “non facciamo abbastanza sesso” può essere così importante per te.
    Passiamo ad elencarne uno: non è che hai paura di perdere la tua potenzialità e per questo vuoi farlo così tanto (cioè esorcizzare così il problema)?
    Oppure: non è che nel vostro rapporto c’è qualcosa che non va e tu vuoi sopperire a questa mancanza con il sesso? O ancora: sei sicuro di non avere delle insoddisfazioni, che magari non c’entrano con lei ma con la vita (per esempio un lavoro che ti opprime o problematiche varie) che cerchi di annegare nel sesso (un po’ come si annegano i problemi nell’alcool)? O ancora di nuovo: sei sicuro di amarla o invece le vuoi soltanto molto bene? E se lei fosse un po’ civettuola di carattere, e tu geloso, non vorresti sempre fare sesso per “tenerla legata a te” o più semplicemente “marcare il territorio” (guarda che non ti sto assolutamente paragonando a un animale, ma il fatto è che per quel che riguarda il sesso siamo tutti guidati dai nostri istinti e quindi alla fine siamo animali)?
    Insomma quel che voglio dire è che sembri come “ossessionato” da questo problema. Al punto che ti fa scrivere qua e che ti fa pensare a varie soluzioni cui non vorresti nemmeno aver pensato.
    Vedi io penso che se si ama moltissimo la persona con cui si vive una sorta di soddisfazione la si trova lo stesso e l’appagamento c’è. E un modo per venirsi incontro c’è. La vita in due è anche fatta di compromessi. In modo da poter stare bene tutti e due e godere della reciproca compagnia.
    Ma, come dice Claudia, però questa soddisfazione scema quando non si ama più, o quando c’è qualcosa nel rapporto che non va.
    Sei sicuro di stimarla ancora, di essere veramente innamorato di lei? Non è che ti ha deluso in qualcosa? Magari ti senti poco considerato da lei?
    Cerca di riflettere sui tanti punti che ho elencato sparando a random cercando di trovare una ragione. Magari in quel che ho detto non c’è la tua motivazione, ma se rifletti a fondo forse una causa per cui questa esigenza è diventata ultimamente più importante per te c’è.

  7. Ah ovviamente io ho considerato che il sesso lo facciate abbastanza. Certo se mi dici che lei lo vuole fare una volta o due al mese, allora hai più che ragione, soprattutto se sei uno di una volta al giorno. Ma considero che si possa in qualche maniera venirsi incontro e sopperire con la qualità alla quantità.

    • Ciao Daniela.
      Nulla di tutto ciò.
      Appagato nel lavoro, non soffro di gelosia patologica e per quanto possa sembrare strano innamorato profondamente.
      A 49 so cos’è l’amore.
      Ai detto bene, 2 volte al mese.
      Per il resto sono felicissimo con lei.

  8. Fabrizio perchè non ti sei spiegato subito? Sono diventata scema per cercare una causa che in te non c’era mentre è nella tua compagna. E scusami se ti ho dato dell’egoista, ma da come avevi scritto sembrava che lei fosse normale e che tu pretendessi la kermesse a letto. Ora vediamo di capire dove sta il problema della tua compagna, perchè penso che una persona normale a 45 anni, e se ama il suo partner, non possa aver voglia di sesso solo due volte al mese. Quindi tocca ricercare la causa. Intanto ti chiedo: è stata sempre così? Perchè se è stata sempre così può darsi sia nella sua natura non amare il sesso, oppure non sopportare molto essere toccata (ci sono tante cose che possono portare a questo). Se è sempre stata così è difficile recuperare, ma se lei era diversa e ora è cambiata forse si può risolvere. Potrebbe essere depressa: è preoccupata dal lavoro, si sente insoddisfatta di qualcosa? E’ un periodo che non trova entusiasmo a fare nulla?. Oppure potrebbe essere troppo stanca. Per esempio se ci tiene moltissimo alla pulizia della casa potrebbe usare tutte le sue energie in quel campo e poi essere sfinita in quello che interessa te. Oppure: prende ancora la pillola? La pillola a volte toglie la libido. Altro ancora: è ingrassata ultimamente, ha preso male il fatto di avere 45 anni e si sente “vecchia”? Sta andando in menopausa anticipata? Con la menopausa non succede niente ma alcune persone la prendono male. Insomma Fabrizio le cause del suo disinteresse al sesso possono essere tante. Magari andate da uno psicoteraupeuta che possa aiutarvi. E’ vero peccato che una coppia che si vuole bene deve rinunciare al completamento della loro unione magari per una cosa che si può curare.

    • Cara Daniela.
      Lei ha due anni più di me.
      Non è stata sempre così.
      È soddisfatta del lavoro, sono certo che mi ami e molto.
      Ma credimi se ti dico che è sempre così, anche nelle mie relazioni precedenti.
      Dopo un anno si entra in una normalità relativa che non è la mia.
      Io sento il desiderio di sesso quotidianamente.
      Posso comprendere che un po’ devo adattarmi, ma non riesco ad accettare che questo diventi la normalità.
      Io mi guardo ormai troppo spesso intorno e mi freno perché so che il lasciarmi andare comprometterebbe il mio rapporto con lei.
      E se devo essere sincero a volte mi chiedo se avere una persona con cui condividere il letto ogni tanto è meglio o peggio che chiudere una relazione per me così importante.
      Dovrei controllare gli ormoni, accontentarmi, autoerotismo, apprezzare tutto il resto che questo rapporto mi da, pensare: e se lo facesse lei, ecc, ecc.
      Tutti ragionamenti che conosco perfettamente.
      il punto è che non siamo tutti uguali c’è a chi riesce di controllare situazioni, emozioni e a chi non riesce.
      Amo, mi sento amato ma soprattutto mi sento infinitamente solo.
      Fabrizio

  9. Fabrizio, mi sembra strano che tu abbia incontrato tutte donne che dopo un anno attaccano il sesso al chiodo e lo staccano due volte al mese. Non è una cosa normale. Cioè magari la tua compagna a 51 anni sta in crisi menopausa o quasi, magari ha problemi sessuali (secchezza vaginale o qualche altra cosa), magari è depressa o stanca. Come ho detto anche la pillola (se ancora la prende) può dare origine a un calo della libido.
    Detto questo mi sembra di capire che tu sei uno di una volta al giorno. Anche mio marito lo era. Io gli sono stata dietro per parecchi anni, anche se quando ho preso la pillola per me era uno sforzo tremendo. Ovviamente della pillola e del suo effetto collaterale me ne sono accorta solo dopo averla smessa. Dopo tanti anni ci siamo separati ma per tanti problemi che adesso non sto a raccontare. Con il senno di poi ho cominciato a pensare che questo suo farlo un po’ troppo spesso (considero normale 2 o tre volte la settimana) fosse perché non fosse soddisfatto (forse io non ero in grado di soddisfarlo abbastanza? Uno alla fine si fa mille domande). Tra l’altro vedi noi donne siamo strane perché a volte ho pensato che in me lui vedesse solo una con cui fare sesso. Si mi voleva bene e lo dimostrava ma io a volte avrei voluto un po’ di romanticismo in più e del sesso in meno. Una donna in certi casi si sente trattata come un oggetto o, scusami se lo dico, come un attrezzo con cui fare ginnastica. Per intenderci se io mi avvicinavo solo per un bacio o una carezza lui voleva andare subito al sodo. Ora per carità fa piacere, ma se è troppo alla fine è troppo.
    Diciamo che mi dispiace per questa tua situazione e non vorrei che tu gettassi la spugna o che alla fine non arrivassi a considerare altre possibilità, che ti porterebbero poi a essere più solo di quanto tu ti senta ora (e te lo posso assicurare che dopo saresti davvero molto ma molto solo). Quindi io cercherei una soluzione di compromesso. Se siete soli e non avete figli, continuo a pensare che predisporla meglio con qualcosa che le piaccia fare di più sarebbe auspicabile. E magari se lei è una molto romantica potresti provare a pretendere solo baci e carezze per un po’ fermandoti lì, come a tranquillizzarla che l’ami non solo perché ci fai del sesso. E’ difficile lo so, ma credo sia una soluzione migliore di quella di trovarsi un’amante o di trovarsi un’altra donna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *