Sofferenza d’amore

12 maggio 2011

SOFFERENZA AMORE

Sofferenza d’Amore

IL LATO POSITIVO DELL’ABBANDONO

Sofferenza d’Amore
Non è stato invano questo addio anche se ormai lo immagino completamente distratto da me. Non è stato invano perché ho passato questo tempo a buttare cose vecchie, a fare spazio, dentro e fuori di me, a pensare a cosa voglio fare di diverso nella mia vita, a provare paura anche per possibilità cui prima non avevo dato nome: e se mi licenziassi e cominciassi a fare altro? Se finalmente decidessi di seguire il mio antico desiderio e partire per i paesi lontani, sfruttando il mio diploma di infermiera e lavorando per una Ong? Paesi lontani, avventura, romanticismo, essere di aiuto agli altri, sentirmi importante, non mi dica che sono romantica….(pausa)…….. Non lo ritengo il mio persecutore, non mi ritengo vittima. Siamo ambedue contemporaneamente persecutore e vittima. Se questo è vero, diventa necessario un cambiamento del mio atteggiamento, l’uscita dalla colpa, dal rancore, dal desiderio di vendetta.Ho capito che questo periodo, se pur duro, mi sta facendo bene, sto imparando a centrarmi di più, a contare su di me, a imparare che ciascuno si costruisce la propria vita minuto per minuto; la separazione mi ha permesso di occuparmi di me, di imparare che non muoio malgrado la tristezza e il dolore, che ho emozioni e posso unire la forza alla debolezza. Mi sto ritrovando e spero di utilizzare questa delusione per crescere, per cambiare, per aumentare la mia sensibilità. Mi piacerebbe fare un lavoro su di me e mettermi a fuoco maggiormente, accentuare la mia spiritualità, smettere di rifugiarmi nel razionale; forse anche ampliare le mie capacità di guaritrice e per primo di guaritrice di me stessa….. Ma quanta paura!

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter e-mail per ricevere gli aggiornamenti.

3 Risposte a “Sofferenza d’amore”

  1. Fabio Dice:

    Sono in una situazione per ora quasi impossibile da superare dopo quasi 8 anni sono stato lasciato da chi diceva di morire per me cosi senza motivo.
    Non so se ho sbagliato e se ho sbagliato dove ho sbagliato. Vorrei trovare la forza di reagire ma al momento non ci riesco.
    Credo che chi lascia in un modo o nell’altro dovrebbe aiutare chi è stato lasciato ad uscire da questa situazione e la cosa che mi fa più rabbia e che chi lascia decide per entrambi Non so provare odio a rancore, forse nella mia vita ho sbaglito tutto oppure cosi doveva andare prego Dio affinchè possa far continuare da dove è finita ma al momento non ho più voglia di mangiare,ne di andare avanti,mi sento inutile dentro ma devo comunque ringraziarla perchè con lei ho conosciuto l’amore,ora non so più se esiste o se la felicità e solo una cosa effimera nella mia vita.

  2. Piero Dice:

    Ciao Fabio, ho letto il tuo commento e sono rimasto colpito perche’ ho rivisto me stesso nella stessa situazione di qualche anno fa. Ora ho superato il periodo nero (anche se mi trovo ancora pero’ in un periodo “grigio”) e volevo dirti di avere pazienza, di resistere. Anche se in questo momento ti viene di pensare che a te non succedera’ mai di uscire da questo periodo nero ti esorto nel non ascoltarti, di diffidare dei pensieri negativi che inevitabilmente ti verranno in questo periodo. Vedrai che ne guadagnerai, fidati

  3. LUCIANA Dice:

    ANCHE IO SONO STATA LASCIATA , SONO RIUSCITA AD RIALZARMI DOPO LA SEPARAZIONE DI MIO MARITO, E DOPO ANNI HO CONUSCIUTO UN AMICO E CI SENTIVAMO IN SINTONIA POI CI SIAMO MESSI INSIEME E DOPO POCO E’ VENUTO FUORI CHE IO SONO IL 22 PER CENTO , I FIGLI SONO LA SUA PRIORITA’ E LA SUA LIBERTA’, UN ANNO MEZZO DI SOFFERENZE E ANCHE QUALCHE BRICIOLO DI FELICITA’ O. ORA MI HA LASCIATO ED IO FACCIO FATICA A VENIRNE FUORI LA MENTE E IL CUORE E’ SEMPRE LI’ LUI MI HA GUARDATO L’ULTIMA VOLTA COME SE FOSSI UN’ESTRANEA . QUANTO MALE CHE SI STA’ SPERO DI ALZARMI E USCIRNE DA QUESTO BUCO NERO. CIAO

Scrivi un Commento