Home / SOFFRIRE PER AMORE / Non capisco perché è entrato nella mia vita

Non capisco perché è entrato nella mia vita

Non avrei mai pensato che capitasse a me, invece. ….
Mi sono sposata molto giovane, 18 anni, incinta, quanto ho amato mio marito,  tantissimo. 19 anni più grande di me,  con una cultura diversa dalla mia, ho superato tutto,  tante difficoltà. La sua gelosia al limite della pazzia, ma ho sopportando tutto,  pensando di non poter vivere senza di lui.  Con il tempo lui è migliorato, ma non ho mai potuto essere libera del mio tempo, della mia vita. Dopo il primo bimbo,  è  arrivato anche il secondo, ma lui non lo voleva, mi ha fatto sentire una mantenuta.  Dopo anni dove io ho dovuto sempre dire di sì,  dove lui comandava e io ubbidivo, qualcosa si è rotto. Ho trovato tutto così noioso, sempre gli stessi discorsi. Quando è dovuto stare a casa per 3 mesi, per un’operazione alla spalla,  è stata la fine. La mia libertà era uscire alle 5 di mattina con il mio cane e camminare anche per 3 ore , che incubo.

Ecco che ho fatto entrare nella mia vita un uomo, erano mesi che mi salutava e io all’inizio pensavo fosse antipatico,  lo vedevo quasi ogni giorno,  poi qualcosa è  cambiato,  quel saluto con il sorriso  piano piano mi è piaciuto sempre di più. L’amicizia su fb,  due parole,  lui ama i cani e il mio pastore tedesco,  diffidente e mordace con tutti,  con lui diventa un tenerone.  Dopo un po’ , iniziamo a salutarci con due baci sulla guancia quando ci vediamo e quando ci salutiamo con un abbraccio lungo dovevo lo stringo e lui ricambia. Me ne innamoro  e capisco che non posso continuare così,  decido,  chiedo la separazione,  il finimondo, mio marito non capisce.
L’altro fin da subito è chiaro,  non  intende stare con me, ma il suo comportamento è uguale al mio. Mi cerca, mi abbraccia intensamente, mi aspetta. Messaggi su fa e avanti. … faccio la domanda ” ho una possibilità con te?” e lui mi risponde di no, è separato in casa,  ma il problema è che ha 13 anni più di me. Secondo lui , adesso sarebbe fantastico, ma fra 20 anni lui fisicamente non sarebbe più alla mia altezza. Sto male,  il cuore sembra che si spezzi ,  vorrei allontanarmi, ma  lui quando mi vede si ferma e ricomincia tutto,  l’aspettarsi,  gli abbracci che lasciano senza respiro ,  gli scherzi, le risate …. però mi ricorda che è solo un amico.
Intanto a casa ho un terremoto,  mio figlio 20 anni si droga,  ha una denuncia per furto,  un casino,  affronto tutto da sola con mio fratello,  mio marito dice ok lo aiuto anch’io,  così ci riproviamo.  Gli voglio ancora bene e accetto. Accetto e allora devo allontanare l’ altro dalla mia vita. Gli scrivo un messaggio,  in cui gli dico che non l’aspetterò’ più,  io devo andare avanti.
Dopo un po’  di giorni lui mi cerca e io accetto di salutarlo e così si ricomincia.  A casa le cose non funzionano ,  mio marito non affronta i problemi di mio figlio che sono tutti sulle mie spalle. Decido per la separazione.  L’altro sento che mi ama, non può essere diversamente, il suo comportamento,  i suoi abbracci.  Lo affronto e mi dice che lui prova quello che provo io , la situazione fa soffrire,  ma  lui non vuole.

A me sembra che lui abbia paura ,  paura di soffrire. Il fatto che provi quello che provo io mi fa toccare il cielo con un dito, penso che si convincerà di vivermi, invece il giorno dopo mi dice che mi vuole bene,  ma non è innamorato di me.  Fa male,  cavolo se fa male … però ha piacere di salutarmi, come sempre.  Già,  ma  tra noi c’è qualcosa,  l’ intesa c’è,  quando mi guarda , io suoi occhi mi vorrebbero mangiare… di punto in bianco  mi tratta male, non parla e frettoloso, non capisco e sto di nuovo male. Chiedo se è arrabbiato con me e mi dice che la situazione sta sfuggendo ed è meglio allontanarsi.  Quante lacrime,  quel dolore allo stomaco.  Cambio strada, non voglio nemmeno vederlo ,  ma  il destino me lo fa vedere lo stesso,  allora sorrido,  non deve capire il mio dolore, ma non mi fermo  non posso.  Dopo un mese è lui che si ferma, mi bacia sulla guancia e cerca insistentemente i miei occhi, ma io ho le lacrime e allora lo saluto in fretta, ma ha capito il mio dolore.  Dopo pochi giorni lo rivedo con un suo amico,  mi chiede se può salutare il mio cane e io gli dico di sì.  Anche il suo amico vuole accarezzare il mio cane, ma lui gli abbaia contro e l’altro fra poco fa i salti di gioia e gli dice ” mica puoi accarezzarlo, dovevi chiedere il permesso a me” . In quell’occasione ero tranquilla.  La sera lui mi manda un messaggio scusandosi per la mattina,  sperando di non aver causato problemi, ma la scena del mio cane gli è piaciuta tantissimo.
Mi fa piacere, ma non serviva il messaggio,  mi fa star male di nuovo.
Quando mi vede inizia a salutarmi con lo stesso entusiasmo di prima.  Tre giorni fa, mi manda un altro messaggio,  dicendomi che sta andando fuori di testa, perché gli hanno cambiato il giorno dell’operazione  ( deve togliere dell’ernie alla schiena )  , rimango stupita. Perché mi manda ancora messaggi,  passi quello per il cane, ma l’altro  così  personale?  In un momento di disperazione pensi a me?
Lo amo molto e sto soffrendo e non lo capisco.
In vent’anni di matrimonio non ho mai guardato nessuno,  non ho mai fatto posto a nessuno e allora perché ho permesso di fargli spazio, perché? Perché  mi ha cercato? Solo per farmi male? Secondo voi la sua è paura o è meglio che mi allontani per sempre da lui?

da: Silvia

3 Commenti

  1. Cara Silvia, quest’uomo mi lascia molto perplessa.
    Ora come è successo che tu ti sia innamorata di questa persona è facile. Tuo marito lo hai sposato perché eri incinta, quando eri troppo giovane. E’ chiaro che il vostro non è stato proprio un matrimonio eccezionale, e tu piano piano, crescendo, ti sei accorta che tuo marito non era l’uomo adatto a te. Autoritario e troppo più vecchio di te, ti ha trattato più come una bambina cui dare ordini che una moglie. Ovvio forse che non ci fosse molto dialogo, che non ti sia sentita un uomo al tuo fianco ma solo un “padre” cui obbedire.
    Quando tu hai smesso di amare tuo marito comprendendo che nella vostra unione non c’era più amore, senza rendertene conto sei divenuta recettiva e ti sei guardata intorno: e hai trovato il tipo con il cane. Sempre un po’ più vecchio di te (evidentemente preferisci gli uomini più maturi) è uno con cui ti sei sentita molto più in sintonia che con tuo marito. Naturale che tu ti sia innamorata.
    Il problema è però che questo signore non sembra sia interessato. Cioè se tu ti sei separata alla fine eri libera, e lui ha detto di essere separato in casa. Quindi libero anche lui. Ora se avesse voluto, anche ognuno vivendo in case diverse, un po’ di amore avreste potuto viverlo. Ora mi dispiace dirlo, e questa è la mia sensazione, poi posso anche sbagliare, ma quest’uomo davvero ti vedeva come un’amica. Perché se voleva, e un uomo se vuole può, la vostra storia sarebbe decollata. Tu dici che potrebbe aver paura? Si dell’operazione, mi viene da rispondere, non di altro. Ed è per questo che ti ha cercato. Perché era preoccupato per l’operazione e voleva parlarne con un’amica.
    Ora il mio consiglio è che forse ti conviene allontanartene. Sono sicura che se lui avesse voluto, non si sarebbe tirato indietro. Vedi io non credo molto nell’amicizia tra uomo o donna. Perché prima o poi, vuoi o non vuoi, il sesso ci si mette di mezzo (per dirla come dice Harry nel celebre film “Harry ti presento Sally”). E uno dei due è amico mentre l’altro innamorato. Nel tuo caso sei tu l’innamorata e tu stai soffrendo. Mi dispiace. Il consiglio che mi sento di darti è di cercare di dimenticarlo e di guardati ancora intorno. Vedrai che un altro uomo che sappia farti battere il cuore di nuovo lo troverai. Ti auguro di essere presto felice.

  2. Forse Daniela hai ragione tu, ma allora perché continua a cercarmi. Io non sono ancora separata, mercoledì andrò a firmare. A volte penso che lui voglia essere sicuro che io sia libera. Io non cercherei mai una persona innamorata di me, ne prenderei le distanze prima di tutto per me stessa e poi per l’altro. Lui ha sofferto molto nella vita, è stato alcolizzato per un lungo periodo è ora sono 3 anni che ne è uscito. Il tuo consiglio è giusto. Ho così tanti casini che non posso pensare ai “se” e ai “forse”. Ma lui non si rende conto che cercandomi mi fa male? Io non gli ho più scritto da quando mi ha detto che mi vuole bene, ma non mi ama, ogni volta che lui è carino mi ricordo queste parole. Mi chiedo anche se sia giusto preoccuparmi per lui, per le sue operazioni o fare l’ indifferente

  3. Silvia purtroppo al mondo ci sono persone che vogliono essere amate ma non sanno amare. Oppure hanno tanti problemi che non riescono ad amare perchè prima purtroppo devono mettersi in pace con se stessi. Quest’uomo non mi sembra adatto a te. Vedi sicuramente ha una personalità fragile. Chi cade nella rete dell’alcool o della droga, purtroppo difficilmente è forte. Certo in questo caso l’uomo di cui tu parli ha avuto la forza di smettere e sono tre anni che è sobrio, ma mi pare di aver letto da qualche parte (e perdonatemi se sbaglio) che ci vogliono più anni per disintossicarsi completamente. In ogni caso ci può essere sempre un trauma scatenante che può far ricadere la persona. Ora io non dico che chi ha sbagliato una volta non deve essere aiutato o amato. Ma la persona in questione mi sembra non abbia trovato un suo equilibrio stabile. Quando queste persone stanno male diventano troppo egoiste per amare gli altri. In sintesi secondo me lui ha bisogno di qualcuno che lo ami (e quindi ogni tanto ti cerca) ma non può innamorarsi. Credimi lascialo andare. Ti farà solo soffrire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close