Home / SMETTERE DI SOFFRIRE / Mi sento morire

Mi sento morire

Sto soffrendo terribilmente, mi manca da morire, come l’aria che respiro,  mi sembra di non avere piu’ un futuro. Mi sono chiusa, spenta ero una donna solare ed ora vivo nell’ombra. Lo vorrei di nuovo con me ma lui non mi vuole piu’, lo vedo ogni giorno e non riesco andare avanti a vedere un po’ di luce. Come si fa a dimenticare una persona con cui ho condiviso 5 anni di vita? Veramente a volte vorrei sparire e non tornare piu’. Il dolore è lancinante e anche fisicamente mi sto lasciando andare.
Non ho piu’ socpo di vivere

da: Roberta

56 Commenti

  1. NoMoreIllusions

    Ciao Roberta. So bene cosa provi, purtroppo. Quel macigno sullo stomaco 24 ore al giorno, quel senso di sconforto che ti assale prima di coricarti e soprattutto al mattino, appena sveglia. Anche io come te ero una persona solare, piena di vita, sorridente, con la battuta sempre pronta. Oggi, come mi ripetono spesso anche i miei amici, sono l’ombra di me stesso, mi sono indurito, vivo alla giornata, non mi fido più di niente e di nessuno. E pensa che è passato più di un anno e mezzo da quando dopo ben DIECI anni la mia ex mi ha sbattuto via dalla sua vita senza mai voltarsi indietro, sparendo nel nulla. Hai posto la domanda da un milione di dollari: Come si fa a dimenticare una persona con cui hai condiviso tanti anni? la risposta è semplice: non si può. Devi solo attendere che il tempo decorra, che faccia il suo lavoro. Non sarà ne breve ne facile, ma questo lo sai già. Poi a quanto racconti sei anche costretta a vederlo tutti i giorni, che non aiuta affatto. La forza di andare avanti è dentro di te, anche se non lo sai ancora. C’è un mix di orgoglio, vita, speranza, coraggio e fiducia che ribolle in un angolino del tuo cuore che pian piano ti risolleverà, anche se in maniera lenta ed impercettibile, giorno dopo giorno. Non so i motivi per cui è finita, ma fa sempre male leggere di storie come la tua, come la mia, come tante altre su questo sito ed altrove. Fa male per chi conosce il dolore di cui parli, per chi non l’ha mai provato sarà sempre tutto un esagerare. Forza Roberta, sei nel momento peggiore ma fatti forza pensando che d’ora in avanti potrà solo migliorare. Un consiglio: anche se lo vedi tutti i giorni, per quanto difficile, ignoralo. Non cercarlo, bloccalo dovunque, su whatsapp, su quei dannati social. Metti un muro alto quanto la Torre Eiffel tra lui e te. Ogni tuo gesto ti farà stare solo peggio, almeno salvaguarda te stessa, la tua dignità. Ti sono vicino.

    • Buongiorno NOMOREILLUSIONS le tue parole sono bellissimi , mi danno sperenza, speranza di sapere che ci sara’ una fine a tutto questo dolore. Ma nel frattempo lo vivo e lo assecondo non voglio nascondere a me stessa la sofferenza che provo.
      Ti ringrazio tanto

      • Ciao Roberta. Le parole di NoMoreIllusions hanno colpito anche me. Io sono una moglie di 39 anni delusa e lasciata. Sono passati 15 mesi da quando mio marito mi ha detto che non mi amava più e ancora sento quel vuoto dentro. Eravamo innamoratissimi. Ci invidiavano tutti. Poi la crisi da parte sua, dopo il terzo anno di matrimonio, e alla fine mi ha lasciata. Viviamo ancora insieme, siamo separati in casa, e qusto probabilmente accentua il mio dolore. In questo anno ho toccato il fondo, non sapevo come risalire. Ho provato un dolore ed uno sconforto, che solo chi ci è passato può capire. Ho dovuto rimboccarmi le maniche. Ho fatto diverse esperienze lavorative, mi sono messa in gioco, ho cercato di sconfiggere le mie paure. Oggi, penso di essere più forte, so quello che voglio da un rapporto. Forse conosco di più me stessa. Sono una brava persona, questo è quello che conta. Mi sento spesso vuota e triste, perchè avrei voluto una famiglia con un marito amorevole e dei figli. Purtroppo si vede che non era il mio destino. Così sono qui, un pochino sola, ma forse più forte. Oggi è una di quelle giornate in cui la tristezza si affaccia e le lacrime scendono. Domani forse, come molti giorni, andrà meglio. Il mio cuore è chiuso. Purtroppo non ho avuto storie in questo periodo e non credo ne avrò. Non lo so. Con gli altri non parlo dei miei problemi, a parte la mia famiglia, pertanto mi sento sola. Il week end sono sola, la sera a volte mi sento molto triste, ma proseguo e spero…che questa esperienza mi sia stata imposta per qualcosa di meglio. Ti auguro ogni bene…a tutti voi. A volte vorrei avere il coraggio di innamorarmi di nuovo, ma ho paura, non ne sono più capace. Gli anni passano e il mio orologio biologico avanza. La vita non ci da quello che vogliamo. Ci forma e ci rende forti.

        • NoMoreIllusions

          Ciao anche a te, Michela. Si avverte la sofferenza che stai provando, le tue parole ne sono pregne. Fa male da cani, quella maledetta frase che ti colpisce alle spalle magari senza alcun preavviso: “Non ti amo più”. Vedere la persona che è stata per anni compagna di una vita cambiare da un giorno all’altro. L’indifferenza al dolore, poi. Quella è micidiale. Ti chiedi perché, come sia possibile che i suoi occhi, addirittura anche la sua voce siano cosi diversi. Come avrai capito, il copione è sempre lo stesso. Anche io, come te, non ne parlo e non ne ho parlato con nessuno. Ma l’ombra che mi trascino dietro da un anno e mezzo ahimè si vede, e faccio fatica a nascondere il cambiamento che questa mazzata mi ha provocato. Vorrei avere come te il coraggio di innamorarmi ancora, ma mi rendo conto che ormai mi fido solo di me stesso, non credo più ai sentimenti, alle parole, alle persone. Sbaglio, sbagliamo. Chissà, magari la felicità è proprio li, dietro quell’angolo, in quella strada, a quella festa a cui neanche vorremo andare. Dobbiamo crederci, anche se è dura. Fai bene a fare nuove esperienze, continua. La solitudine, quei maledetti weekend un tempo attesi una settimana intera per poterci dedicare ai nostri ex compagni. Come ti capisco. Ma come dicevo a Roberta, sono proprio questi momenti che ci servono, per non permettere più a niente e a nessuno di ridurci cosi. Dicono che per poter amare qualcuno bisogna prima saper amare sé stessi. Sacrosanta verità. Ti auguro ogni felicità Michela, la auguro a tutti noi. Da qualche parte, ne sono certo, c’è la nostra rivincita, il nostro riscatto. Non è oggi, probabilmente non sarà domani. Ma arriverà, forse proprio quando non ce lo aspetteremo. Oggi, amiamo noi stessi. E soprattutto, lo ripeto anche a te, lasciamo il passato dove sta. Non merita nessun gesto da parte nostra, nessuna parola. Hanno scelto, niente di noi deve essere più affar loro. In bocca al lupo 😉

          • Le tue parole NoMoreIllusions sono veritiere e scandiscono perfettamente ogni sensazione provata da chi, come noi, soffre per amore. Qualcuno diceva:
            “A un Cuore in pezzi
            Nessuno s’avvicini
            Senza l’alto privilegio
            Di avere sofferto altrettanto”.

            E’ dura, ma bisogna assolutamente credere in se stessi.
            Per molto tempo ho pensato che la mia vita fosse finita.
            Ho supplicato mio marito che non mi lasciasse, ho supplicato amore ad un uomo che mi aveva promesso amore eterno.
            In ginocchio ho chiesto di aspettare, di provare a salvare questo matrimonio.
            Il suo sguardo gelido, così lontano da me, così indifferente.
            Quanto rimpiango il fatto di essermi resa così ridicola, così fragile, strisciante come un verme. Mi sono fatta schifo da sola. Nessun uomo o donna ha il dovere di ridurre la sua vita a nulla per colpa di qualcuno che non ci merita.
            Eppure, in questi giorni, forse perchè oggi è il nostro anniversario di matrimonio, sono ripiombata nella tristezza e ho dentro un dolore che spacca tutto. Lui, non è nemmeno tornato a casa stanotte. Fa la sua vita, fatica a salutare. Non credo di meritare tutto questo. Mi domando perchè ora con gli altri è attivo, gira parecchio, non è mai stanco, rincasa a notte inoltrata, o non rincasa, mentre con me faceva esattamente l’opposto. E’ questo vuoto, l’angoscia che a volte è insopportabile. A volte vorrei solo che qualcuno mi stringesse forte e mi dicesse che tutto andrà bene. Buon sabato a tutti.

            • Ciao Michela,
              ti capisco, ci sto passando anche io.
              Se si comporta così ha un altra, o altre.
              Se ti posso dare un consiglio, se vuoi avere una speranza, buttalo fuori di casa.
              Non continuare a fargli da mammina, caccialo fuori ed esci anche tu.
              Vedrai che le cose cambieranno, fagli sentire che vuoi riprenderti in mano la tua vita.
              Lo so che non è facile, io ci sto provando, ma alla mia età e con un figlio, le cose non sono così semplici.
              Non supportarlo in questa follia, se siete sposati o conviventi non importa, lui non ti può trattare così.

          • Io sto davvero male.Lui mi ha lasciata dopo 4 anni trovando il pretesto che avendo io già tre figli non era più possibile andare avanti.
            Solo scuse visto che i figli celi avevo anche quando ci siamo conosciuti. Infame se ne è andato nonostante li a massi tantissimo.

      • NoMoreIllusions

        Roberta, non ringraziarmi. Conosco fin troppo bene lo stato d’animo in cui ti trovi, perciò mi fa piacere poterti dare in qualche modo una speranza per il futuro, quel futuro che oggi ti appare nero come non mai. Hai scritto che il dolore lo vivi e lo assecondi e non vuoi nascondere a te stessa la sofferenza. Forse non te ne rendo conto ma in queste parole hai segnato il tuo cammino dei prossimi giorni, dei prossimi mesi. Perché il dolore di cui parli non puoi né ignorarlo né nasconderlo, deve fare il suo decorso, devi lasciarlo fare. Il segreto è proprio questo. Tutti inizialmente abbiamo provato con tutte le nostre forze a scacciarlo via, a piangerlo via, ad urlarlo via. Poi però capiamo che non si può, e ce lo facciamo amico. Se oggi sto meglio, certo la serenità e la spensieratezza sono ancora un miraggio, è perché ho scelto di viverlo appieno, quel dolore. Perché se lo lasci scavare nella tua anima, se lasci che ti accompagni per il tempo necessario, lo lasci decantare, dai inizio a quel processo di fortificazione personale che prima o poi, quando meno te lo aspetti, ti farà stare meglio. Stai creando una bella corazza intorno al tuo cuore sanguinante. Dalle tue parole si evince che sei una che combatte, che non ci sta a perdersi per colpa di chi ha scelto di abbandonarti. Bene. Vedrai che in queste settimane a venire troverai nuovi stimoli, tu assecondali. Inizia a godere di quelle piccole cose che prima davi per scontate, datti dei piccoli obiettivi durante le tue giornate. Che sia il guardareuna serie tv o un film stesa sul letto, un gelato con un’amica, una passeggiata, un bicchiere di vino. Inizia a ritrovare entusiasmo partendo da cose un tempo banali, che facevi senza goderle appieno. Vedrai che ti aiuterà a sentire la vita, a sentire il tuo cuore riprendere a battere normalmente. Cara Roberta, ce la farai. E ti auguro di trovare, quando sarai pronta, qualcuno che ti amerà e rispetterà per quella che sei, senza mai farti soffrire come oggi. E vedrai che proprio questo percorso che stai facendo ti farà godere moltiplicato per mille tutte le gioie che la vita ti riserverà. Perché quando conosci la sofferenza, quella vera, dopo anche la più piccola gioia ti sembrerà il paradiso. Un abbraccio.

        • Buongiorno NOMOREILLUSIONS. Sai qual’è il problema che lui mi ha lasciato perche’ dopo 5 anni si è reso conto che la vita con me e con le mie due figlie non faceva per lui. Praticamente quando la sua vita era nella melma gli andava bene che io ci fossi ora che la sua vita sta andando meglio ha deciso di fare la vita da uomo libero senza vincoli schemi ed orari. Dovrei odiarlo per questo e invece non riesco , non riesco a non pensare a lui ma spero che subentri in me un po’ di razionalita’ e mi aiuti a superare tutto ciò.

          • Stefano Pillai

            Le cause per quanto assurde possa sembrarti la mia risposta, cercale nell’alimentazione nutrizionale e nel dormire, probabilmente i tuoi orari siano sfasati e non vedi di buona luce la cosa. Se lui poi non vuole vederti, lascialo stare, cerca la tua oasi, la tua siesta di pace, uno spazio nel tuo giorno dove nessuno puo cercarti dove nessuno puo sentenziarti, in quell’ora o manciata di ore trova da dormire, a mente lucida e riposata poi riprendi il tuo vivere!
            Trova un ruolo e,o un obiettivo occupazionale nella tua vita, anche io sto facendo cosi, buon inizio! Ciao cara Roberta! Ciao!

      • Antonella Fabiani

        Ciao , so esattamente come ti senti, quando è successo a me ero
        Completamente sola in una grande città, senza amici se non in comune quindi….capirai…e con la famiglia lontana che cercavo con il mio sto bene tutto ok di non far preoccupare.Non sono una dura anzi né so dare lezioni di vita devo ancora io imparare tanto…elo sboglio difficilmente mi abbandona come tutti credo.Ma io per carattere per andare avanti dovevo trovare il lato positivo anche in quella tragedia per me affettiva e alla fine sono venuti fuori da soli.E mi permetto di dirti quello che ho fatto io poi non so se ti sarà utile, ma spero tanto di sì:) primo ho capito che in quello stato non potevo né riconquistare qualcuno né garantire delle cose per il futuro.Se c è stato un fermo è perché era necessario per cambiare in un verso o nell altro e cosa più importante il mio dolore non potrà mai essere sentito come vorrei da chi ha deciso di andare, quindi inutile inseguire, chiarire far capire se tu per prima sei al momento emotiva provata debole e disperata.Mettiti nei panni di chi decide di lasciare e metti che fossi tu a farlo, tu lo vorresti un uomo disperato che ti chiede il perche che ti controlla ovunque se tu non vuoi? Qual è il risultato di farsi vedere disperata o male? Sensi di colpa all altro chehanno la durata di una notte.E sopratutto il pensiero data la
        Reazione, che si è fatta la cosa giusta e che meriti di meglio…
        ma no quella che vorremmo.
        Tu se hai dato tutta te stessa a lui ora da tutta te stessa a te.Aspetta non fare quella faccia:) ogni giorno fa qualcosa per te per prenderti cura di te anche cose stupide come un massaggio una passeggiata e…prendi una macchina fotografica e fotografa nuovi posti diversi da quelli fatti con lui e vedi quelle invece di quelle insieme, perché l unica che non ti abbandonerà mai sei tu.Allora proteggiti come hai protetto lui amati e dedicati tempo come lo hai fatto verso lui.e quando penserai a quello che sta facendo e
        E con chi pensa ad una cosa che ti piacerebbe fare e falla.A volte il lasciarci è l unico modo per rinascere no per star così. Un uomo ha bisogno di vedere cosa ha perso no dall aspetto fisico, madalla dignità e dalla maturità in cui si fa vedere nell affrontare la cosa. E ti assicuro che è più facile avere vicino un uomo se ci vede dignitose che se ci vede pronte a tutto pur di averlo.e col tempo capirai se sei una persona bisognosa di affetto o di una persona di cui aver bisogno per essere un uomo felice:) ps il mio ex è tornato non è una regola ma ora so che da sola ma dola veramente io posso farcela.un abbraccio.
        A.

        • Ciao Antonella, ti ringrazio per la tua esperienza. Anch’io per mio marito ho cambiato città, ho lasciato lavoro, famiglia ed amici. Ed ora, anche se la mia famiglia mi è vicina affettivamente, sono comunque sola in un’altra città. È per questo che probabilmente mi sento più triste. Comunque, ho trovato lavoro anche se a tempo determinato e pian piano sto cercando di ristrutturare la casa per poter tornare nel mio paese. I miei vorrebbero che io fossi già tornata, ma preferisco aspettare e non tornare a casa dei miei. Mi sentirei più fallita di quello che già mi sento. Un progetto ce l’ho. La mia casa. Ho conosciuto colleghe che ogni tanto vedo. Cerco di tenermi su. Con lui, abitando ancora insieme, faccio fatica ad essere sorridente, non ci parliamo nemmeno. Forse un giorno capirà il male che mi ha fatto o firse no. Io voglio solo tornare a vivere. Non voglio più sentirmi così disperata da pensare di non avere più cose belle da vivere. Vorrei già essere uscita da questa situazione. Grazie di cuore.

          • Solo mio pensiero ma se stai bene con colleghe ecc
            Non tornare a casa o almeno non farlo per questa situazione. Forse continueresti a vivere in funzione alle tue scelte. Valuta bene tanto la tua famiglia ci sarà sempre ma non permettere che le scelte di tuo marito abbiano solo una soluzione. Un abbraccio.

        • Sono certa che ce la faremo . Siamo donne forti e sicuramente tutto passera’ dobbiamo solamente credere in noi stesse ed amarci di piu’

    • Ho 32 anni, l’unica domanda che mi pongo è solo una. Come si fa? Come si fa ad andare avanti. Sono passati solo 5 giorni da quando lui mi ha lasciata così su due piedi dall’oggi al domani dopo 5 anni. Freddo, impassibile, come se nulla fosse, litigavano raramente. Era tutto perfetto, mi coccolava, mi adorava, accontentava adulava tutto. Mi sento triste, vuota e spenta come se non avessi più l’anima.
      Come si può da un giorno all’altro buttare via così tutti questi anni? Continuo a guardare le sue e le nostre foto, sui social continua tranquillamente a pubblicare foto mettere mi piace alle sue colleghe come se nulla fosse. Non si cura del mio dolore,non si cura del fatto che mi ha distrutto la vita, non credo che riuscirò a superare questo dolore immenso

  2. Cara Roberta,

    Ti capisco benissimo. Sono nella tua stessa situazione, purtroppo ogni volta che penso di aver raggiunto una certa stabilità, mi viene a mancare la testa sotto i piedi.
    NoMoreIllusions le tue parole in parte mi rincuorano, ma per ora sono state fatte passare così. …… ora il nero è il protagonista della mia vita.

    Un abbraccio

    • Ciao Roberta io so esattamente cosa stai provando perché io sono nella tua stessa situazione …. Non mangio piango sempre non sto dormendo. E in più io sono sola qua non ho un amica con cui parlare perché sono tutte lontane.
      Devo affrontare tutto da sola. Io sto aspettando una sua decisione che non arriva mai. Ed è capitato tutto all improvviso dalla mattina alla sera. Ieri mi ha chiamato dicendomi che anche lui sta soffrendo per questa situazione. Una situazione che ha creato lui.
      È lui che ha deciso di prendersi un po di tempo non io. Io non so come tu fai a vederlo tutti i giorni. Io non c e la farei mai. Infatti io me ne andrò via. Per iniziare una nuova vita e riprendermi non devo più vederlo. E se tu hai la minima possibilità di farlo credo. Che sia la soluzione migliore. Ti sono vicino

    • Carola , perdona la mia franchezza ma un uomo che decide di andarsene così dall’oggi al domani non ha scusanti . Non apsettare la sua decisione, decidi tu e fai la tua vita.
      Ti sono vicina anche io

  3. ti capisco perfettamente come ti senti io dopo 7 anni e mezzo sono stato lasciato e gia pubblica foto in compagnia di un altro a nemmeno una settimana che mi ha lasciato poi ti domandi ma tutto questo tempo con che essere di persona sei stato? loro stanno bene e noi male

    • Antonella Fabiani

      FALCO
      fa male altro che male
      ma vedi chi ha deciso di andare ha un dolore diverso.
      Il fatto che fa male è vedere che con quella foto vedi morire la speranza che ci ripensi…ed è quello che fa star male.
      Incominciamo a vedere quella foto come l ultima pagina di un libro.
      E quando si finisce a leggere un libro…si chiude e magari ti vai a fare un buon caffè pensando a cosa farai tu farai di bello per te:) perché il tuo libro è tutto tranne che finito;)

  4. Falco,

    Non so cosa rispondere alla tua domanda.
    Il mio lui se n’è andato dicendomi tra l’altro, dopo 10 anno ed una figlia, ho bisogno di stare solo per capire se sono fatto per la famiglia!
    Poi lui stesso, dopo un incidente nel quale ha distrutto la mia macchina, mi dice che vuole conoscere una ragazza (23 anni lei e 37 lui).
    Allora è una putt****Ta che vuole stare solo e capire se è fatto o meno per la famiglia!!!

    So solo che io, come tutti voi sto soffrendo, sto male.. e per cercare di uscire da questo baratro e riuscire ad aiutare mia figlia ho chiesto aiuto ad una psicologa…
    Spero un giorno di tornare a sorridere… purtroppo ora non riesco, mi illudo di esserci riuscita e poi ogni volta che lo sento o viene a casa e poi se ne va, sto male malissimo, perché ancora lo amo e vorrei che tornasse indietro.
    So che passerà, ma ora vedo ancora un tunnel nero!

    • Ciao Ilaria, mi dispiace tantissimo per la tua situazione. Mi dispiace, so cosa provi. Facciamoci forza tutti insieme. Parlarne e sapere di non essere soli è molto importante e aiuta. Anche mio marito non è fatto per la famiglia. Frequenta gente di internet, donne, uomini. Nei miei confronti è ghiaccio, come se fossi la peggiore delle creature. Io non ho figli e forse non ne avrò mai, ma tu hai la tua bimba..ed è la cosa migliore che potesse capitarti nella vita. Gli uomini se ne vanno…i figli sono la oarte migliore di noi. Ti auguro di trivare la forza per ridere e ridere e ridere…

  5. ciao amici
    (vi leggo quasi tutti i giorni e vi ritengo quasi degli amici di vecchia data).
    Michela, Ilaria, Nomoreillusion etc…vi capisco. eccome se vi capisco. lo conobbi nel 2008, ma avevamo già prima amici comuni. bello, alto, intelligente e colto. tutti mi dicono “è un indeciso”, ma a me non sembra. ci frequentiamo per un anno, ma la relazione rimane clandestina per molto tempo, anche con la mia complicità. nel mio gruppo c’è il mio ex fidanzato – e qua sbaglio enormemente- non voglio farlo soffrire, ma è una vera put….ata. e lui un po’ forse se ne approfitta. Morale: dopo due anni mi dice che è innamorato di un’altra. va e viene, mi lascia e ritorna. dice la mitica frase: “ma noi non stiamo insieme…”. com’è possibile…lui, il principe azzurro per antonomasia, si nasconde dietro queste frasette da medio man? eppure è cosi. nel tempo tutto precipita, io divento isterica, piango, lo imploro…vado dallo psicologo, vado dalla cartomante, ci manca che chiami un esorcista ed ero a posto (tutto il repertorio Michela…tutto) non me ne frega niente dell’orgoglio. vado con lui in vacanza per ben due volte. l’altra dice di non sapere se la ama veramente. mi chiede di fidanzarci. insomma …dovrei scrivere proprio uno spazio, se avrete voglia di sapere tutto. morale: una settimana fa..gli dico…non voglio più essere solo una amica, voglio che tutti sappiano. lui dice di no e allora lo mando via. passano due settimane in cui ogni tanto mi scrive frasette tipo: c’è della roba a casa mia, oggi andiamo in piscina.?..ma io intanto prendo altri impegni. ieri sera mi scrive a mezzanotte”dove sei?”. ero in giro come lo sarò stasera. come vorrei che fossimo assieme. a queste persone mai obiettive, mai altruiste. donne, uomini non fa differenza. piene di egoismo, di narcisismo. dove la colpa per cui la relazione è finita, è tua. perchè cosi dicono: sei tu, non sono io. e anche io, in mezzo a whattsap a facebook…in un modo o nell’altro so sempre cosa – forse-fa. in qualche modo bisogna uscirne. non so come però. un abbraccio. forza

    • Cara Barbara, Ti auguro di poter uscire presto da questa situazione. Fai benissimo ad uscire. Io non volevo più saperne di nulla, poi piano piano si va avanti. Come dici tu bisogna uscirne. Io non so esattamente cosa ancora mi leghi a lui. Lui non è più l’uomo che ho sposato, è un altra persona. Non credo nemmeno che mi voglia bene. A volte mi chiedo cosa mi lega a lui. I ricordi? Un progetto di vita andato in fumo? Lo amo? Non credo di amare una persona che mi ha calpestata senza riguardo. Se lo amassi significherebbe che non ho rispetto per me stessa. Forse l’insicurezza, quella gioca brutti scherzi. La paura di rimanere soli? Cosa ci lega ad una persona che ci ha trattato come uno straccio vecchio. Questo mi chiedo. Eppure prego per lui, perchè quando non rientra, non sia successo nulla. Io so che se dovesse avere un problema serio di salute lo assisterei, nonostante tutto. E’ questo l’amore? Oppure è la paura di ricominciare? Io a volte me lo chiedo. Mi chiedo il perchè io non riesca a staccarmi. Molti mi dicono perchè abitiamo ancora insieme. Ma anche altri che non abitano più insieme sono ancora innamorati della stessa persona dopo anni. Ho paura di non riuscire a ricominciare. Vorrei dimenticarlo per sempre, vorrei toglierlo dalla mia mente, ripulire le mie energie, strappare l’album di nozze e iniziare da capo. Ma non ci riesco. Ancora nego che sia successo. Ancora non ne parlo con gli altri. E tu cara Barbara non puoi, a mio parere, fidarti nuovamente di una persona che non sa cosa vuole. Io credo che quando si ama non ci sono dubbi. Se ci sono dubbi non è più amore. Esci, goditi la vita, e spero che all’angolo incrocierai uno sguardo che ti farà dimenticare tutto. Io lo spero, per te e per tutti noi. Per coloro che, nonostante la sofferenza, nell’amore ci sperano ancora. Ci deve essere un’anima gemella per ognuno di noi, che custodisca il nostro amore e lo protegga.

  6. Cara Michela,

    Tutti voi mi fate coraggio! Coraggio ad andare avanti, perché pur soffrendo, ci facciamo forza a vicenda..
    Vero io ho un bellissimo meraviglioso aiuto che è mia figlia, per lei ho deciso di chiedere aiuto ad una psicologa, perché se non riesco a ritrovare me stessa, non sarei in grado di essere di sostegno per lei.
    Michela, io credo che tu ancora stia in questo limbo perché non accetti la situazione ma la stai subendo! E questo lo capisco benissimo, perché purtroppo anche io ancora non accetto la decisione del.mio lui. .. non lo accetto perché lo amo ancora.
    Michela prova a fare come Barbara, so che è difficile! Perché anche io sto cercando di uscire, soprattutto quando.la.bimba è con lui…
    Ancora non ho una risposta alla domanda di Barbara, perché anche io tentenno e vado così. .. però già cercando.di volerci bene siamo sulla strada giusta.
    Un abbraccio calorosissimo, un abbraccio per tutti quei momenti che ci si sente soli e si vorrebbe un semplice abbraccio

  7. Antonio
    spesso mi ritrovo a leggere le vostre storie per cercare di capire la mia sofferenza. Perchè mi sembra di avere qualcuno con cui parlare, disposto ad ascoltarla questa sofferenza infinita e profonda che non smette di bruciare nonostante il tempo. MI viene voglia di essere solidale con voi anche se così preso dal mio dolore non riesco. Cerco solo degli spunti che mi facciano capire i perchè di chi sparisce da un giorno all’altro e non si volta indietro.

  8. Roberta io ti capisco e se vuoi un amica con cui parlare io sono qua … Dove vivi?

    • CIao Carola io abito in Lombardia , sai sono molto sola , gli amici che avevo erano in comune e ora non voglio piu’ vedere niente e nessuno che me lo ricordi quindi passo le mie giornate e serate a casa .

  9. Vi prego di aiutare anche me.Sono rimasta sola e mi sento molto triste.Il mio compagno mi ha lasciata dopo 4 anni con la scusa che avendo io già figli non era possibile continuare. A me sembra assurdo il suo comportamento considerato che mi ha conosciuto insieme a loro e dopo tutto quello che abbiamo vissuto insieme non si spiega questo suo abbandono.
    Resta il fatto che mi sento davvero male,avevo fatto tanti progetti con lui e improvvisamente tutto è cambiato.Mi sento depressa.

    • Cara Ersilia, probabilmente lui si è legato a te per comodo, nel senso che magari aveva una vita di merda, sei arrivata tu e l’ avrai traghettato fuori dalla melma.
      Poi probabilmente avrà incontrato un’altra donna, senza figli, single ed ecco spiegato il suo abbandono.
      Sarà uno di quelli che sotto sotto non accettano la presenza di figli altrui all’interno della relazione.
      Lui sicuramente è un gran egoista perché è rimasto con te finché non ha trovato ciò che è meglio per lui, ovvero una che può sposare (per la gioia di mammà) e che sia di primo pelo.

      Io la vedo così.

      • Cara Mau le tue parole fanno male ma temo sia proprio questa la verità.
        Sei molto sveglia.
        Mi auguro solo di riprendermi , la storia con lui è finita lo devo accettare.
        Intanto mi sento tanto sola 🙁

        • Sono certa che ti riprenderai alla grande, la mazzata è dovuta al fatto che non te lo aspettavi però tempo qualche mese e metabolizzerai questo lutto.
          Sei già sopravvissuta al distacco dal padre dei tuoi figli, supererai anche questa.
          Resta da sola per un po’, concentrati su te stessa e a quello che ti appassiona. Il resto verrà da se 🙂

    • ciao Ersilia
      dopo 5 anni la sua sscusa per andarsene e uguale a quella del tuo lui.
      E sono convinta che cio che dice MAU è esatto. Fino a quando aveva bisogno di me io ero il suo amore ora che è uscito dalla depressione ha deciso di fare lo scapolone e vivere senza schemi e vincoli.
      Questo mi ha molto delusa e cara Ersilia prova a pensare che un egoista cosi’ non merita il tuo amore
      Ti abbraccio e sii forte

      • Ciao Roberta,La cosa che mi fa più male è che non ero preparata ,non me lo aspettavo. Io per lui ci sono sempre stata,ho fatto l’impossibile per renderlo felice mentre lui ha dovuto tirare in ballo i miei figli per uscirersene pulito.
        Ha rinunciato al mio amore chissà per cosa o per chi…Forse un altra potrà pure non avere giá dei figli ma non sarà in ogni caso perfetta.
        Tra l altro mi ha lasciato in un periodo in cui avevo problemi di salute e in due mesi non ha nemmeno chiamato per sapere come sto…Silenzio assoluto.

        • Scusami Ersilia ma è veramente una persona senza alcun spessore. Lascialo andare e pensa a te e ai tuoi figli e’ dura lo so e piango ogni giorno ma non meritano il nostro dolore. Dobbiamo vivere abbiamo dei figli e questa deve essere la nostra forza

  10. Giusto Roberta,è sempre stato un uomo senza spessore ed ingenuamente è stato proprio per questo che mi sono legata a lui.Credevo avesse bisogno di affetto sincero ed incondizionato…Magari qualcuno può pensare che sia andato via per responsabilitá di figli non suoi…Assolutamente falso visto che non si è mai occupato di loro,non ha mai fatto niente,fortunatamente hanno il padre che provvede economicamente a loro quindi non può lamentarsi di nulla.
    È un indeciso e un inetto ed io una stupida perché soffro ancora la sua mancanza.

  11. Sono stata lasciata anche io dopo 4 anni senza un apparente motivo, ma con 4 informazioni ho scoperto che il motivo c’era ed aveva nome e cognome. Nonostante la sofferenza, ho cercato di reagire subito. Ho avuto la fortuna di trovare subito un lavoro, ho trovato una sistemazione da sola, ed ho reagito. In alcuni giorni era una reazione finta (mi sentivo morire) in altri giorni capivo che dovevo andare avanti. Dopo sei mesi la nuova fiamma lo molla, lui torna da me, come un cane bastonato, uno zerbino pronto a tutto, in questi sei mesi ero stata male, ed avevo capito che non meritavo ciò, nessuno merita di soffrire, ebbene non l’ho più rivoluto. Da circa un mese lui continua ad insistere, mi invia fiori, lettere.
    Io ieri sera sono uscita col suo datore di lavoro, con tanto di foto pubbliche su fb…
    Più volte durante la nostra vita matrimoniale mi ha rinfacciato il fatto che io non lavorassi, ma ora lui si ritrova a pagare il mutuo da solo e versa in difficoltà economiche. Non nego di amarlo, ma non riesco a perdonare. Io mai mi sognerei di far soffrire una persona che amo.

    • Ieri sera sei uscita col suo datore di lavoro?
      E lui come l’ha presa?
      È uno smacco non da poco, una sorta di vendetta tremenda vendetta!

      • Ciao Mau!
        L’ha presa malissimo, molto male, ma ormai non abbiamo più obblighi…indubbiamente non nego che la mia uscita ha avuto un secondo fine, sapevo che ci sarebbe rimasto male, ma nel post precedente non ho detto che il suo datore di lavoro lo conosco da prima di lui, lui lavora lì per merito di mio padre….quindi ora dovrà rigare diritto se vorrà mantenere il suo posto di lavoro.
        Ha avuto il coraggio di scrivermi che quelle foto lo hanno ferito…capisci….lui ora è ferito. Povero tesoro.

  12. Brava Beatrice,ti ammiro tantissimo!

    • Ersilia devi reagire. L’amare una persona non vuol dire annullarsi. Anche io lo amo, ma appena penso a ciò che ha fatto mi passa tutto e dico a me stessa reagisci.
      L’idiota del mio ex (che naturalmente verrà a leggere questi post) non si è preoccupato minimamente di nascondere la sua amante, sicuro com’era di se…ma si sbagliava, si sbagliava di grosso.

  13. ciao ragazzi/e volevo ringraziarvi per le belle parole. scusate è passato un po’ di tempo, ma ho avuto diverse controversie e adesso sono qui.
    prima o poi scriverò tutta la storia (che ha dell’incredibile, ma al contempo stesso tanto tantissimo qualunquismo) e mi direte cosa ne pensate.
    il mondo purtroppo è dei lascianti e non dei lasciati.
    la colpa però non è dei lascianti in senso stretto, ma da come lasciano.
    sapete che vi dico? forse da stronzi è pure meglio, così uno se la può pure prendere
    io sto cercando di ricostruire un po’ i cocci della mia vita….

    • Barbara raccontaci cosa ti è capitato

      • è lunga da raccontare, è difficle da analizzare. appena starò meglio racconterò. queste persone non sono “classificabili”. egoisti è troppo poco, superficiali anche. semplicemente noi eravamo di passaggio. purtroppo

  14. Sono d’accordo con te.
    Io sto male per l’abbandono di un uomo che a 50 anni si comporta come un ragazzino. Povera la prossima che si innamorerá di lui.Non è degno di essere amato!

  15. Ciao Roberta anche io sto vivendo un momento simile, sono a pezzi sia fisicamente che moralmente. Purtroppo non ho nessuno con cui parlare, che possa darmi un aiuto per superare questo momento. Se ti va puoi contattarmi privatamente, per email. Un saluto

  16. …mi colpisce quanta sofferenza c’è dietro queste storie. mi rattrista e mi chiedo quale sia il senso.

    • Tu come stai barbara?

      • …nè più nemmeno. ci siamo ritrovati , ma lui vuole rimanre “amico”. gli ho detto di lasciarmi stare. ha risposto “ok” e stasera eccolo, prontamente, con un messaggino di saluti. bohhh . una sola parola: egoismo.
        ps. come si fa a sapere quando c’è una risposta da parte vostra? io ho messo il forward di verifica sulla e – mail, ma non arriva l’avviso….

  17. Ciao Barbara,io apro la pagina ogni giorno per avere vostre notizie,non so se è possibile essere avvisati quando riceviamo risposta….
    Il mio ex a differenza del tuo non si è fatto sentire nemmeno per il compleanno…che umiliazione!
    Tu invece sei fortunata che il tuo si fa sentire,perché sai il silenzio è davvero deprimente!

  18. Ciao a tutte. Sono nella stessa situazione di molte di voi. Sposata da 5 anni, una bimba di 4. Le cose non andavano benissimo, dopo la nascita della bimba ci siamo lasciati andare, e siamo diventati amici, conviventi. I rapporti erano rarissimi, ci dicevamo che dovevamo fare qualcosa, ma nessuno ha fatto niente per migliorare le cose. Al lavoro da lui a gennaio è arrivata una sua collega e da li lui è cambiato.
    Abiti nuovi, profumo anche per lavorare in magazzino, dieta, palestra. Il suo cellulare, che una volta prendevo in mano senza problemi, è diventato un fortino, password, impronte digitali, impossibile accedervi, anche perchè credo che se lo infilasse nel culo per non farmelo trovare (scusate il francesismo) e io a chiedergli scherzando se aveva l’amante, ma no, anzi si incazzava pure.
    Poi mi capita di beccarlo che si sta scrivendo con lei e quando arrivo io di scatto nasconde o gira il telefono, perchè non veda.. ok è chiaro!
    Ma lui nega, nega sempre, e usa la scusa che per lavoro sono sempre tutti raggiungibili e reperibili, a tutte le ore. Vero, passa ore al telefono a scrivere, siamo sul divano con la bimba e lui sta al cellulare, cosi a me viene il nervoso e pian piano smetto di parlare con lui, tanto ha da fare e gioco anche io con il mio telefonino, o con mia figlia quando è sveglia. A luglio mi dice che secondo lui non siamo più innamorati. E mi tocca dargli ragione, ma abbiamo una figlia, dobbiamo provare. Peccato che due giorni dopo va a cena coi colleghi e torna alle 4 del mattino.
    Racconta una serie infinite di balle, finché lo scopro che ha passato la serata con la sua collega , in macchina a “parlare”. Interviene anche lei, mi scrive che ha dei principi e non tocca le cose degli altri, che ha le sue figlie che sono importanti (separata questa) provo a crederci, ma sotto sotto…. andiamo in vacanza, lei c’è sempre, telefonate,messaggi, in un modo o nell altro lei c’è. Vacanze di cacca, mi si ammala pure la bimba. Torniamo e lui va via di casa, di comune accordo per capire come stiamo. Soffro, soffro molto, per me, noi e soprattutto per mia figlia.
    Due sere fa accendo il suo telefono vecchio e mi crolla il mondo addosso. Foto di questa a seno nudo, più di una da maggio! Gliele giro, prova a fare finta di non sapere cosa siano, poi mi chiama, mi sente che non sto in me e viene a casa. Confessa, ha una storia con lei. La ama. Voglio morire, non so cosa fare, mi sento sola, abbandonata, mi sento una schifezza.
    Lei è pure più vecchia (e anche più cessa!) ma io le foto porno a lui non le ho mai mandate, sarà brava sta zoccola, che mi ha pure preso per il culo. La vorrei vedere per chiedere come si sta a rovinare una famiglia.
    E’ vero che saremmo arrivati alla fine lo stesso ma io gli stavo chiedendo di provare, perchè non sono certa che sia finita. Adesso invece, cosa mi rimane? Ho perso mio marito, la mia famiglia, devo dividere mia figlia e non ho fatto niente.
    Mi incolpo perchè ho messaggiato con un collega che mi dava attenzioni, ma col quale non è successo niente, perchè sono sposata e ho una famiglia, e penso che se non lo avessi fatto magari mi sarei concentrata più su di noi.
    Lui invece ha fatto, eccome. lo imploravo di tornare presto per aiutarmi, mi vedeva alzarmi la mattina alle 6 per pulire casa, preparare la bimba, andare a lavoro 8 ore. E lui usciva o tornava dopo per andare a scoparsi questa ma come fai a farlo? A guardarmi in faccia, a guardare tua figlia? Ammetto che pensavo di non amarlo più, addirittura mi auguravo che trovasse un’altra e se ne andasse, cosi sarebbe stata colpa sua. Per assurdo adesso che è successo sto malissimo, tipico, non apprezzo mai quello che ho e rovino tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close