Home / TRADIMENTO / Confessare o no un tradimento?

Confessare o no un tradimento?

Grazie a chiunque vorrà leggere il mio post e soprattutto non mi criticherà eccessivamente. E’ da tempo ormai che vorrei confessare a mia moglie un tradimento avvenuto  2 anni fa, ma non ci riesco, ho poaura delle consequenze. Dentro di me mi sono pentito amaramente di quello che ho fatto, vorrei rivolgere il nastro e cancellare quel periodo dalla mia vita, ma non ci riesco. 2 anni fa era incinta, siamo spostati da 5 anni e quel periodo è stato il peggiore della nostra relazione. Era cambiata, sempre nervosa, esigeva tutto. Ero passato dall’essere il suo uomo al suo tutto fare. So che gli ormoni in gravidanza giocano un ruolo importante sulle reazioni di una donna ma davvero è stato troppo per me.

In quel periodo frequentavamo molte coppie di amici, tra loro c’era una ragazza che ho sempre saputo di piacergli. Quando era lontano da suo marito mi riempiva di complimenti ma fino ad allora non era mai successo nulla. Poi è successo, non voglio scendere nei particolari,  però ho tradito mia moglie. La nostra relazione clandestina è durata un mese, ci vedevamo in un hotel a 50 km dal nostro paese. Vivemo un’enorme confusione nella mia testa. da una parte la voglia di lei, di leggerezza ed anche di sesso. Dall’altra l’enorme responsabilità della mia nuova famiglia. Rientravo a casa e stavo male, in quella fase mia moglie era tremenda, così l’altra rappresentava uno sfogo. Ho posto fine al tradimento quando ho capito che non ci avrebbe portatoa  nulla, non avrei mai lasciato mia moglie mentre lei stava iniziando discorsi strani, lei non stava bene con suo marito.

Ad ogni modo sono passati due anni da allora, mia moglie è tornata la ragazza che ho sempre conosciuto, solare, bella, sorridente e siamo davvero una bella famiglia. Ma sto male dentro, ho un peso enorme di cui voglio liberarmi e so che confessare quel tradimento significa porre fine al nostro matrimonio ed alla nostra famiglia. Significa allontanarmi di casa, non vedere più tutti i giorni mia figlia. La conosco, so quanto è orgogliosa e non me la farebbe passare liscia.

Come posso agire? Avete vissuto qualcosa di simile? Confessare o no? Sucire le consequenza del mio gesto oppure far finta di niente? Grazie a chi mi risponderà.

da: Ale

11
Lascia una recensione

8 Comment threads
3 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
10 Comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami
Iuna

Ciao Ale, chi ti parla è una moglie tradita che purtroppo non ha accanto a se un uomo come te….non confessare vi fareste solo male inutilmente è una parentesi chiusa vissuta in un periodo particolare. Ti alleggerirersi la coscienza ma a che prezzo? Se davvero è tutto finito porta da solo il peso di questo errore e che ti sia di monito in futuro…un abbraccio

speranza

No Ale non concordo invece con chi ti dice di tacere e nemmeno con chi ti accusa. Sono anch’io una moglie tradita. Magari mio marito avesse avuto lo stesso rimorso di coscienza! Bisogna esser onesti e rischiare anche il prezzo da pagare! Confessa tutto a tua moglie non per sentirti più leggero ma per amor suo affinché lei ti ami per quel che SEI con tutte le tue fragilità NON per l’idea che ha di te. Sarà dura, durissima soprattutto per lei ma se ti AMA saprà poi capire, apprezzare e PERDONARE di cuore! L’amore vero é umiltá, riconoscere i propri errori e rimediare. Confessa col cuore in mano e falle vedere tutto il suo pentimento proprio come fece quel figliuol prodigo citato in una parabola. Non so se sei cattolico ma leggi la parabola del Figliuol prodigo e mostrati marito prodigo. Esordisci con: ” Moglie non sono degno di te, perdonami perché ho peccato e sbagliato contro di te e questa figlia frutto del nostro amore… ero confuso smarrito e non pronto al tuo repentino cambiamento di umore… Sono caduto ma presto mi sono rialzato e ho sdegno di me stesso perché non mi sento degno di te. Trattami come l’ultimo degli uomini… fai adesso di me quello che vuoi e che ti dice il cuore ma ti ho confessato tutto col cuore in mano perché questo cuore appartiene solo a te e vorrei cancellare le pagine della mi vergogna… Aiutami tu se puoi. sono pronto a fare quello che vorrai tu. Scegli e decidi tu ora cosa farne di me ma sappi che ti ho aperto il mio cuore perché tu e nostra figlia neritate un UOMO non un verme. Oggi sono un uomo perché con queste parole mi assumo TUTTA la responsabilità del mio grave errore… Io… Leggi il resto »

Semakin

Dunque, hai tradito tua moglie mentre era incinta, ripetutamente dato che la cosa e’ andata avanti un mese, perche’ eri sessualmente frustrato e sentivi la pressione delle responsabilita’ familiari.
Hai assurdamente distrutto la tua famiglia perche’ ti spaventava avere una famiglia, ma ora non vuoi perdere la tua famiglia.
Mi verrebbe da dirti “meglio tardi che mai”, e mi verrebbero anche in mente un’altra dozzina di insulti vari, eri sposato da solo 3 anni, con una donna impegnata a portare avanti una gravidanza, con tutti i problemi e lo stress che questo comporta, e non sei stato in grado di prevedere che in futuro il tuo comportamento sarebbe potuto diventare un’enorme pietra tombale sulla vostra unione ?
Non vedo alternative, se prima sarebbe stata una cosa saggia parlare con tua moglie, sia delle tue difficolta’ che del suo temporaneo modo di fare, ora, per come vedo io il matrimonio, e’ imperativo.
Non riesco a coniugare l’idea di un rapporto che potenzialmente dura una vita con la menzogna, ti restano solo poche cose da fare, strisciare come un verme chiedendo perdono e pregare che quella donna sia davvero innamorata di te.
Per quanto mi riguarda non lavoro ad Amazon, non accetto resi, quando la mia ex moglie ha preso la decisione di tradire sapeva che ne avrebbe pagato le conseguenze, ma la tua potrebbe stupirti, tanto, in ogni caso, prima o poi lo scoprira’, e sarebbe decisamente peggio.
Giocati questa carta, la tua voglia di liberarti la coscienza potrebbe pagare.

barbara

invece io la penso esattamente al contrario…se è stata una parentesi lascia perdere….

OceanoBlu

Ma scherzi?! Siamo esseri umani! Si può sbagliare! Te ne sei pentito! Avete recuperato il rapporto. Perché dirglielo? Non ti guarderebbe più con gli stessi occhi, non potrebbe più fidarsi, sarebbe la fine della vostra complicità! E’ vero che sarebbe peggio se fosse lei a scoprirlo, ma dopo due anni una storia di un mese non credo che verrà fuori. Ti ripeto, hai sbagliato, ma è stato un errore fugace di cui porti il rimorso. Io come donna chiedo massima sincerità al mio uomo ma dopo due anni mi chiedo se una confessione così abbia senso.

Semakin

Non lo so Oceano, credo sia soggettiva la cosa, io avrei voluto sapere tutto, senza scoprirlo dopo da solo, ci avrei potuto ragionare sopra anche a costo di impazzire per il dolore, perche’ a mia moglie affidavo non solo il cuore ma tutta la mia vita.
Posso credere al momento fugace di debolezza, ma non ad un mese, avrebbe dovuto combattere dentro il matrimonio e non cedere a quanto trovava fuori, se prendi la via piu’ facile poi non ti devi lamentare se la coscienza brucia (e almeno lui dimostra di averne una).
Ale ha un vantaggio enorme rispetto a tanti di noi, puo’ confessare spontaneamente, puo’ assumersi ogni responsabilita’ del tradimento e da li’ ripartire.
E’ chiaro che la fiducia in lui crollera’, sara’ tutto diverso, chi tradisce non comprende un concetto basilare ossia che non si torna indietro, e’ un qualcosa di incancellabile, se sara’ bravo avra’ un nuovo rapporto, seppure differente, con la moglie, il dubbio e’ che alle prime difficolta’ ripeta gli stessi comportamenti, per quanto mi riguarda chi scappa una volta tende a farlo anche una seconda.

Rado

Se sei uno cazzuto devi dirle tutto

Alberto

Purtroppo non ti fa onore quello che scrivi anche perchè immagino che vostra figlia l’abbiate desiderata entrambi. E’ riprovevole il tuo atteggiamento, anche perchè è risaputo che durante la gravidanza, lo squilibrio ormonale porta alcune donne a cambiare totalmente il loro modo di essere, ma esserti sentito il “tutto fare” non doveva essere la giustificazione per un tradimento. Che fare ora? Capisco bene che ti senta sporco e sbagliato, ma compiere il gesto di raccontare tutto a tua moglie, ora, dove vi porterebbe? Perchè al di là del carattere di ognuno di noi, io se la mia ragazza mi raccontasse ora un tradimento nei miei confronti di 2 anni fa, minimo la spedisco fuori casa all’istante, se va male si becca pure due schiaffi. Tu ami tua figlia e pensi di amare ancora tua moglie? Bene se la risposta è affermativa, DEVI vivere con questo rimorso senza dichiararlo, purtroppo ogni azione prevede una reazione, e il tuo modo di purgarla deve essere il senso di colpa. Perdona la franchezza, ma parlarne ora, vorrebbe solamente dire distruggere la tua famiglia e non avrebbe assolutamente senso. Una amica si è trovata nella stessa situazione, il marito si era invaghito della collega e quando lei ha partorito la loro seconda bambina lui ha pensato bene di regalare un gioiello anche all’altra…. la cosa è saltata fuori subito e sebbene ci siano stati momenti duri, entrambi si sono impegnati nel recuperare il loro rapporto. Dovevi pensarci due anni fa ora è troppo tardi per non avere conseguenze pesanti, che tu in parte meriteresti, ma tua figlia direi che tra tutti è quella che meriterebbe di meno. In bocca al lupo, alle volte si sbaglia, già il fatto che la cosa sia durata solo un mese e che sia stata troncata da te, dimostra che… Leggi il resto »

dave

Forse io sarò troppo diretto ma voi sicuramente pensate che questo ragazzo provi veramente rimorso per le corna messe a sua meglie? In quell’anno in cui si è scopa.. un’altra se n’è ben pensato di avere rimorsi e se l’amante non avesse cominciato con discorsi strani probabilmente lui sarebbe ancora lì a portarsela a letto.
Alla faccia della moglie naturalmente.
Mi spiace, ma non credo che ci siano consigli da dare in questo caso. Anche perché una moglie incinta, del loro figlio, merita un po’ più di rispetto e merita di essere aiutata in tutto e per tutto senza pretendere nulla in cambio.

David

Concordo pienamente con il commento di Dave, fino a quando gli ha fatto comodo si è tenuto un’amante per sollazzarsi, appena la mogliettina è ritornata docile e l’amante faceva discorsi strani ha pensato bene di scaricarla, credo che non serva aggiungere altro sulla persona che ha pubblicato il post, mi dispiace solo per quella povera moglie.

Rosa

Ciao Ale, so benissimo come ci si sente a tenersi tutto dentro, ci si logora dai sensi di colpa, non si riesce a godere a pieno di tutte le meraviglie, perché ci si sente un po’ marci dentro. Io ho rivelato tutto al mio compagno 6 anni dopo. Ho sentito un grosso sollievo, all’improvviso mi sono sentita leggera, pulita. Però il risultato è che oggi lui non riesce a starmi vicino. Mi accusa di aver scelto per lui la vita, di averlo costretto a restare con me. Oggi abbiamo una figlia di 15 mesi, che nonostante l’infinito amore che prova per lei, sostiene che sia stato un errore, il mio modo per tenerlo legato a me. A sapere le conseguenze, avrei negati fino alla morte, anche difronte a prove evidenti. Oggi l’ho perso per un errore di sei anni fa