Home / CRISI DI COPPIA / Come superare il tradimento di una moglie

Come superare il tradimento di una moglie

Buongiorno, vi prego di dedicare  2 minuti alla mia storia, aiutandomi a risolvere un dubbio che praticamente sta caratterizzando ogni minuto della mia vita. Ho scoperto che mia moglie mi tradiva con il marito di quella che diceva essere la sua migliore amica.

C’era qualcosa che sentivo nell’aria già da qualche mese e non facevamo più l’amore da quando aveva iniziato ad essere strana. Ogni volta una scusa diversa pur di non farlo, ma dopo quasi due mesi ho capito che c’era qualcosa sotto. Gli ho scoperti nella maniera peggiore, a casa mentre cenavamo mia moglie entrava in cucina e lui a seguirla dicendo che voleva vedere come preparava da mangiare, essendo lui un esteta della cucina. Sono entrato all’improvviso e si stavano baciando fregandosene che a pochi metri c’eravamo io e la moglie di lui. Una scena che mi ha paralizzato, che ha fatto fare un urlo a mia moglie, che ha colto di sorpresa anche la moglie di lui. Di li a poco una scena da film, lei si è rinchiusa al bagno, lui con la voce tremante che cercava di giustificarsi con delle stronzate assurde, e poi io e sua moglie feriti nell’animo. Poi lei mi ha confessato che erano due mesi che aveva questa relazione clandestina, cominciata per le continue avances del tipo a cui non ha resistito, anche ovviamente a causa delle mie mancanze.

Se ne è andata a casa dei suoi genitori ma ci vediamo sempre per nostro figlio. Io vedo mio figlio che ha 8 anni  sofferente, ha capito quello che è successo e sta male. Gli manca la sua famiglia. Non so se perdonarla per il suo bene, non so come superare il tradimento di mia moglie, non so più che fare! Mi manca lei, la nostra famiglia, ma dal suo tradimento è tutto cambiato. Come posso credere che lei è pentita è mi ama ancora?

Il mio dubbio non è se perdonarla per il suo tradimento, ma se dopo questo si può tornare a vivere una vita normale di coppia. Aspetto le vostre risposte e vi ringrazio in anticipo.

da: Enrico

197 Commenti

  1. Salve a tutti. Ho scoperto questo sito navigando nel web per una sofferenza incredibile che mi sta spaccando l’anima.
    Ho 43 anni, mi chiamo Stefano e tempo fa, quando ero sposato ho conosciuto una ragazza che poi e’ stata la causa della fine del mio matrimonio nel senso che per lei ho divorziato. Vivo con lei da sei anni, abbiamo due fogli piccoli e da qualche mese la vedevo cambiata. A letto non si avvicinava piu’ a me, durante il giorno le sue telefonate al mio posto di lavoro erano sempre piu’ scarse…..non mi chiamava piu’ amore ed a casa era sempre strana, assente, e non faceva piu’ nulla con me ma usciva sempre e sola con i due bimbi in giro o andando a casa dei suoi. Ho cominciato a chiederle cosa non andasse e lei dopo molte mie pressioni piangendo mi ha detto che non mi amava piu’ e comunque aveva bisogno di tempo per capire e stare sola…ma al tempo stesso mi diceva che aveva paura di lasciarmi per paura poi di pentirsene. Ogni volta che le chiedevo se ci fosse un altro si innervosiva molto e mi diceva di no….ma ogni giorno la vedevo sempre assente…sempre con il suo maledetto cellulare …..fino a auando un giorno mi disse che voleva vivere da sola con i bimbi e che era stanca di me e di tutto. Continuava pero’ a giurarmi che non ci fosse nessuno. Un pomeriggio ha messo a letto i bimbi e mi ha detto che sarebbe uscita sola a fare una passeggiata al centro commerciale nei vari negozi. Io le dico ok….vai ….ma attenzione attenzione cosa succede? …..entra in bagno a lavarsi…poi entra in camera a prepararsi e quando esce fuori la vedo super tirata! Pantaloni stretti, elegantissima, tacchi, profumo e rossetto rosso super sexy!!!! Sonomrimasto a bocca aperta….ero morto dentro! Tristissimo! Lei e’ uscita…..e vedendo il mio stupore mi ha chiamato ogni mezzora per rassicurarmi ma io non le ho risposto! Adesso lei vuole lasciarmi…io mi sento triste e solo…soffro come un cane….non dormo la notte…non mangio…non riesco ad andare al lavoro perche’ soffro e non mi va di far finta di niente con i colleghi per otto ore….. Ho paura di restare solo …non ho amici….. Ho solo i due bimbi…..cosa dovrei fare? Dovrei soffrire solo in silenzio per metabolizzare tutto fino a quando mi lassa? O dovrei andare da uno psicoterapeuta per curarmi? O dovrei fare chiodo scaccia chiodo e quindi conoscere qualcun altra via chatt…o iscrivemi a qualche corso di ballo ler cercare nuovi amici? Aiutatemi….. Grazie a chi vorra’ rispondermi …almeno questo mi fa sentire meno solo. Grazie!

  2. Damiano mi chiedo cos’altro dovresti sapere che già non sai?? Tua moglie ha avuto un’amante, punto, il resto sono solo dettagli inutili. Per le responsabilità, penso che se tua moglie non avesse voluto non l’avrebbe fatto, quindi che responsabilità vuoi dare a lui, di averci provato?? La vendetta non serve a nulla, se non ad acuire il tuo dolore, metteresti solo altra benzina sul fuoco. Hai deciso di continuare con tua moglie, allora buttati questa triste storia alle spalle e viviti la famiglia e non pensarci più. Un forte abbraccio e non farti divorare dal rancore, ne usciresti distrutto.

  3. Caro Damiano, lungi da me il volerti consigliare delle cose di cui potresti pentirti ma, per la mia esperienza di “cornuto di lungo corso” (prima l’ex fidanzata storica e poi, recentissimamente, l’ex moglie), credo che una donna quando non vuole che tu affronti la situazione per farla (giustamente) pagare al suo ex amante vuol dire che ha qualcosa da nascondere. Per carità…è la classica situazione in cui la moglie ha il 90% di responsabilità e l’amante il 10% però è comprensibile che tu voglia far “assaggiare” un pò di inferno anche a lui. Per quanto riguarda il terrore di incontrarlo beh…pensa che dove lavoro io lavora anche il suo “nuovo/vecchio” uomo (26 anni più di lei) ed è frequente che lo incontri per i corridoi, in mensa e nell’ascensore. Anche io ho avuto ed ho spesso le mani che mi prudono (ànche perchè lui prima ha fatto i comodi sui ed ora fa il coniglio che quando mi incrocia abbassa lo sguardo e si allontana velocemente) ma poi mi dico che non vale la pena perdere il lavoro per colpa di una che mi ha già distrutto la vita. Valuta bene i pro e i contro…non siamo tutti uguali e quello che tu puoi sopportare magare io non potrei accettare è quello che io farei tu no lo faresti mai. Un abbraccio

  4. Grazie luky per queste parole,ogni storia purtroppo non è uguale all altra…
    Ma c’è una cosa che voglio chiedere a tutti voi,e spero che qualcuno mi dia un vero consiglio,e cioè
    Da quando è successo il fatto 6 mesi fà c’è una cosa che non mi fa dormire la notte, e cioè la vendetta che vorrei avere con l ex amante di mia moglie,che è un gran figlio di ……. vorrei dire tutto alla moglie perchè non è giusto che io e mia moglie abbiamo passato momenti terribili mentre lui è felice e spensierato con la sua mogliettina…Quando ne parlo con mia moglie va su tutte le furie perchè dice che ci potrebbero essere delle conseguenze negative,ha paura che la moglie del suo ex amante possa aggredirla o secondo me ha paura che che io possa scoprire altre cose che sicuramente mi ha tenuto nascosto.secondo voi cosa devo fare…. non ci dormo la notte, a volte vorrei andare da lui e spaccargli la testa ma poi penso al mio lavoro (militare) e poi ci ripenso e lascio stare… quando sto nel paese ho il terrore di incontrarlo perchè potrei avere un comportamento da pazzo e potrei non rispondere delle mie azioni,anche se so che lui cerca di evitare qualsiasi nostro incontro…perchè ha paura di me…questo lo so per certo.
    Cosa devo fare… ora la mia situazione famigliare è a dir poco perfetta,mia moglie è una meraviglia su tutti i fronti e ho paura che se confesso tutto alla moglie di quella merda potrei rovinare tutto…
    AIUTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

    • Damiano il mio consiglioi è di lasciar perdere. Se ti vuoi sfogare vai in palestra, metti su un punching ball la faccia dell’ex di tua moglie e prendilo per ore a cazzotti ma poi finiscila lì. Hai detto di aver superato la cosa, che con tua moglie siete ritornati d’amore e d’accordo quindi mettici davvero una pietra sopra. Per come la penso io credo che quando uno/a tradisce un coniuge l’altro non centra. Cioè chi tradisce è tua moglie o tuo marito, e nessuno l’ha obbligato a farlo. Quindi è responsabile lui o lei della cosa. L’altro o l’altra può essere stato/a subdolo, aver approfittato del momento di debolezza, ma la responsabilità nei tuoi confronti l’ha solo lei. Quindi andare a prendere l’altro a mazzate è sbagliato. Tu hai perdonato tua moglie, vi siete ritrovati. Va bene così. Non rovinare tutto. Sicuro se tu facessi qualcosa di brutto nei confronti di quell’uomo (che sia prenderlo a botte o riferire tutto a sua moglie) perderesti tua moglie e tutta la serenità che hai faticosamente riconquistato.
      Per l’altro stai tranquillo che ci sarà un giustizia divina. Sicuro se ci ha provato con tua moglie ci proverà con quella di qualche altro marito. E non gli andrà ancora liscia per parecchio tempo. Vedrai che prima o poi il cadavere del tuo nemico ti passerà accanto e la vendetta sarà più bella proprio perchè non sarai tu ad averla perpetuata e quindi non ne pagherai le conseguenze.
      Sei riuscito a sopportare quel che hai sopportato. Sono sicura che riuscirai a non pensare alla vendetta. Non ora. Tanto tranquillo, l’avrai.

  5. Damiano, sono felice per te, stai dimostrando grande forza, forza che dovrai avere anche quando ci saranno ricadute psicologiche, ricadute che ti faranno rivivere tutto come se fosse accaduto ieri. Io non ho avuto la stessa tua forza, forse non ho mai voluto perdonarla, ma di questo non me ne faccio una colpa, sono fatto così. In bocca al lupo e goditi tua figlia.

  6. Caro Giuseppe io la pensavo come te fin quando non ho avuto questa terribile esperienza,fin quando ho realizzato che stavo perdendo la famiglia e la gioia di non poter vedere crescere la mia piccolina.I suoi occhi d amore per il papà hanno fatto il miracolo. Un po di rabbia ci sarà sempre verso di lei ma chi nella vita non ha mai sbagliato? L importante è capire che è stato un atto incosciente senza fini.Se non si sa cosa è il male non puoi mai sapere cosa è il bene…

  7. X me quando la moglie tradisce il suo uomo, significa che non ama il marito e la sua famiglia.Mia moglie lavora in un centro commerciale, ho avuto sempre il dubbio che fosse ĺamante del principale, non vivo bene, sè fossi sicuro gli darei subito un calcio nel di dietro.Come fanno quelle persone a perdonare il suo partner, scusatemi x me è una cosa che non accetterei, meglio divorziare.

  8. Ciao ragazzi è da un po che non scrivo,sono passati già 6 mesi da quel brutto giorno,e vi dico che piano piano il tempo sta ricucendo quelle ferite che sembravano mesi fa impossibili da ricucire…non ci nascondo che ci sono piccoli momenti in cui mi viene di pensare e mi gira la testa ma poi basta un abbraccio con moglie e bimba che mi passa tutto…e per dire che volevo farla finita…mia moglie non mi ha mai nemmeno per un secondo tolto gli occhi di dosso,mi coccola,mi fa sentire unico ed è diventata una mamma perfetta…a letto è fantastica… Da sei mesi lo facciamo ogni giorno,ed è tt un altra cosa…addirittura stiamo cercando di avere il secondo figlio…non so se è vsbagliato o no,lei lo vuole più di qualsiasi altra cosa a l mondo io sto facendo posto alla gioia e sto cacciando piano piano il dolore…tra la gioia e il dolore sta vincendo decisamente la gioia… È difficile lo so ma nulla è impossibile….nella vita non dobbiamo dare mai più nulla per scontato…se una persona merita i l perdono bisogna impegnarsi…per farlo…e se poi ci sono bimbi allora è tt un po più facile…non prendete decisioni affrettate…tutto passa. Basta credere in ciò che si vuole veramente….

  9. Luky sei un grande

  10. La devi lasciare immediatamente, sensa rancore, non prenderla a male ci sono passato prima di te, credimi è l unica decisione che può farti stare bene ci serviranno mesi sarà dura ma ne uscirai alla grande. Sono sicuro che prima di questo ne ha avuti altri e ne avrà ancora, sono donne fatte così, non credere a tutte le cazzate che ti racconta, pentimenti, tentati suicidi e chi più ne ha più ne metta, per queste femmine ( le chiamo così perché si deve sempre distinguere tra donna e femmina le prime gli devi potare rispetto alle seconde te le devi solo scopare e mandare subito a cagare, carne da macello come praticamente è tua moglie) non hanno dignità, semplicemente non la conoscono, e se non la conoscono non puoi avere fiducia in loro sono capaci di fare ogni cosa. se hai figli goditeli ma lontano da lei, un giorno capiranno.

  11. Ho scoperto in maniera traumatica che mia moglie ha avuto una relazione con un altro uomo per 16 mesi, dico traumatica perché e stata la moglie di lui a dirmelo .
    Mia moglie inizialmente non ha fatto una piega anzi diceva di essere innamorata di lui. Io in un primo momento l’ho cacciata di casa visto che lei ha ripetuto piu’ volte, davanti a mio figlio di 15 anni e davanti a una nostra amica comune che e avvocato che lei era innamorata di lui.
    La sera stessa che ha dormito fuori io mi sono prostituito supplicandola di tornare per provare a continuare il nostro matrimonio in primis per nostro figlio.
    Sono ormai due mesi dall’accaduto, che io non sto bene sono molto confuso, lei ha troncato la relazione, dice che ha commesso un tremendo sbaglio e che ama solo me, siamo perfino ricorsi alla terapia di coppia, ma ad oggi io non so ancora bene se continuare o troncare il nostro rapporto. il mio orgoglio ferito grida vendetta, ho perso totalmente la bussola, sono disperato !

  12. Caro Fab ti sei risparmiato un bel pò di tempo perso, quando si è traditi meglio chiudere subito, non si riesce a perdonare e continuare a stare con la fedifraga non fa altro che accenture il dolore. Un consiglio, ci sono passato prima di te, sfogati, urla, piangi, fai uscire fuori tutta la rabbia che hai dentro, non soffocarla, falla sfogare, poi pian piano inizia a metabolizzare il dolore, non ritenerti responsabile di nulla, la colpa non è tua, vedi che dopo un pò inizierai di nuovo ad apprezzare la vita, le donne, ma soprattutto inizierai a riapprezzare te stesso. Roberto tua moglie, scusami se mi permetto, è una seriale, quindi non cambierà mai. Pertanto, prima di prendere una decisione pensa che in futuro ti troverai ad affrontare altri tradimenti, hai la forza di sopportarlo? Allora fallo, altrimenti lascia perdere, ci rimetteresti la tua intera vita.
    P.S. la mia exmoglie è tornata strisciando da me, adducendo tutte le più banali scuse al suo comportamento, dicendomi che dovevamo riprovarci nell’interesse dei bimbi, capite, mi dice nell’interesse dei bimbi, come se fossi stato io a fregarmene, a tradirli, a correre il rischio di farli perdere la loro famiglia solo per sentire le farfalle nello stomaco. Le ho risposto: “Cara mia, tu hai voluto sentire le farfalle nello stomaco ed io dovrei digerirle? No cara, la c’è la porta, la strada la conosci, qundi, fammi la cortesia, togliti dai c….”.
    L’altro ha mangiato la carne ed io dovrei accontentarmi dell’osso.

  13. Anch’io faccio parte del club. 6 anni che stiamo assieme, poi nell’ultimo anno una serie di strane scuse : feste di ufficio a cui non potevo partecipare , viaggi di lavoro. Lei nega tutto ovviamente ma alla fine prendo il telefono e scopro la verita’ .. una serie di amanti .. io vorrei saper perdonare ma non riesco . La verita’ e’ che le persone non cambiano. Non ho detto a lei come lo ho scoperto , lei mia promesso che nn era vero , che erano soltanto uscite con vecchi amici magari con qualche ammicammento di troppo e che non lo avrebbe piu’ comunque fatto perche’ mi ama .. dopo un mese ricontrollo il telefono e tutto come prima .. altra lite , altri pianti e promesse .. ma qualcosa si e’ rotto dentro me , non ho neppure piu’ rabbia solo una grande stanchezza e voglia di una persona migliore al mio fianco.. capisco che non sia facile essere monogami ma stare assieme e’ una scelta che io ho fatto in sincerita’ e volgio avere accanto una persona degna di questo nome , non una ipocrita e vigliacca al mio fianco .. anche se le credo quando dice che mi ama e che in quel momento probabilemente davvero si pente di quello che fa .. semplicemente non mi basta e semplicemente chi tradisce continua a tradire ..

  14. Vi capisco perfettamente solo che, diversamente da molti di voi, non c’è stata nemmeno la possibilità, di riprovarci per capire se c’è l’avrei fatta o meno. Circa 3 mesi fa, senza che io fiutassi qualcosa (difficilmente dò fiducia agli altri ma una volta che la dò me la si può fare sotto al naso senza che me ne accorga) sono stato scaricato da mia moglie per uno che potrebbe essere suo padre. E, nonostante abbia casualmente scoperto che la relazione con l’altro andava (e va) avanti da mesi, lei continua a negare anche ora che (ahimè) si sta procedendo con la separazione.
    Però una cosa la posso dire…
    Posso perdonare (ma non dimenticare) il momento di sbandata con un bacio o poco più ma nel momento in cui supera il confine e si consuma un rapporto fisico (anche uno solo), vuol dire che si sono messi in atto tutta una serie di comportamenti che non appartengono più al momento di “irrazionalità emotiva” ma sono propri dei comportamenti razionali perché per arrivarci e tradire bisogna progettare la cosa.

  15. Chi ama non tradisce e non perdona, dice un proverbio. Cinque anni insieme, una convivenza serena, un rapporto intenso sotto tutti i punti di vista. Poche settimane fa mi dice che un tizio che ha conosciuto per lavoro si è innamorato di lei e che è diventato ossessivo, ma lei non ha mai dato adito a nulla. Passiamo alcuni giorni che definire folli è dire poco, fin quando di fronte alle ripetute chiamate del tizio, che la veniva a cercare anche a casa, capisco che c’è qualcosa che non mi ha detto e pretendo di sapere tutta la verità. Mi confessa il tradimento con costui, e che questi sapeva anche di un precedente tradimento. Torno seduta stante a casa dei miei, la mattina dopo porto via tutte le mie cose e pongo fine alla relazione. Senza mai considerare l’ipotesi di tornare indietro, nonostante i suoi tentativi che l’hanno portata a dire di volermi concedere qualsiasi cosa. Perché tanta risolutezza? Semplice: io le ho dato fiducia, totale e incondizionata, ma ovviamente fino a prova contraria. E la prova contraria c’è stata. Ora non posso avere fiducia in lei: non voglio vivere una vita in cui debbo pensare chissà cosa quando parto per lavoro o vado a giocare a calcetto. Eppure avevamo tanto in comune, passioni, interessi, visione della vita, intesa sessuale. Il punto è che io non tradisco: qui si è parlato dei tradimenti delle mogli. Nessuno ha citato i propri, se ce ne sono stati oppure no. Io di occasioni ne ho avute, senza mai cercarmele, e rifiutandole tutte, anche le più intriganti o “comode”, perché avevo sempre in mente ciò che avrei perso cedendo alla tentazione. Voglio, semplicemente, una compagna che la pensi e si comporti come me. Alla pari, niente di più. Pensavo di averla trovata, invece non era così. E allora basta: ogni tanto piango, penso che rivorrei indietro la mia vita, perché ero felice e non lo sono più. Ma razionalmente mi rendo conto che la donna che amavo esiste solo nella mia testa, quella persona nella realtà non è come credevo che fosse. Questo è il consiglio che do a tutti: rifletteteci bene, probabilmente pensate di amare ancora la moglie fedifraga, ma in verità amate solo l’immagine che vi eravate fatti di lei. E una volta che accettate il tradimento, accettate anche che possa rifarlo, perché le avete concesso di superare una soglia, e avete spostato il confine in avanti. Di sicuro ci sono altre donne, leali e sincere, a cui potete dare il vostro amore sincero.

  16. Ho voluto raccontare la mia storia perché, purtroppo, ho letto storie di uomini, che come me, avevano investito la loro vita in qualcosa in cui credevano, avevano investito in un sogno che è crollato come un castello di sabbia al primo soffio di vento, capisco la loro amarezza ed il timore che hanno a risvegliarsi e rendersi conto che era solo un sogno ed il risveglio lo porterà via, ma mai capirò il timore che hanno di restare soli, nessuno rimane solo se non lo vuole, per tutti c’è una seconda opportunità, basta crederci e cercarla. Bisogna vivere senza il rimpianto di pensare a quello che sarebbe potuto essere se l’avessimo perdonata, questo tormento lasciamolo alla fedifraga, lasciamole anche il rimorso per il disastro che ha “volutamente” combinato. Del resto quale dovrebbe essere il nostro rimpianto? quello di aver fatto un bel sogno e di averlo vissuto con tutti noi stessi? Capisco le paure, riorganizzarsi la vita non è mai semplice, specie quando ci sono di mezzo i figli , ma bisogna pur sempre ripartire per non rimanere impantanati per tutta la vita in una storia che non è più la nostra. Ho deciso di dare una svolta alla mia vita quando ho preso coscienza che per me i giorni erano tutti uguali, che passavano come se non fossero mai venuti, quando vivevo di rimorsi e di rimpianti che non dovevano essere e non erano miei. No, non le avevo affidato la mia vita per farmela distruggere, ma per renderla migliore e lei aveva miseramente fallito , quindi ho capito che era meglio riprendermela per ridarle nuova linfa, costi quel che costi. Da questa triste storia non ne esco con le ossa rotte, anzi, ne esco più forte di prima, ne esco con la consapevolezza di valere tanto e che ho solo l’imbarazzo della scelta, ne esco con la consapevolezza di non rimpiangere nulla di quello che avevo fatto per lei, lo avevo fatto con sincerità e con amore e non per dovere o per prassi, e questo non è una colpa, anzi, questo e viversi sinceramente, infine, ne esco con la consapevolezza che chi ci ha perso di certo non sono stato io, perché non ho vissuto desiderando qualcos’altro o accontentandomi di quello che avevo. Quindi, amici miei, forza e coraggio, voltate pagina, di certo sarà più bella di quella che l’ha preceduta, per me e stato così non perché io sono stato fortunato, ma perché ho fortemente voluto che fosse così.

    • LUKY SEI VERAMENTE UN MITO. Infatti non capisco gli altri. Anch’io ho FIGLI e PER IL LORO BENE non ho perdonato.
      Al contrario di quello che quasi tutti scrivono e cioè di aver perdonato per amore dei figli. Avete fatto una cazzata e vi siete presi in giro da soli. Ma a chi la date a bere? Siate onesti e soprattutto tirate fuori le palle che se le aveste tirate fuori prima, ora non sareste stati separati o divorziati!!! Almeno tiratele fuori adesso per dare una taglio netto ad una storia che vi ha umiliato e distrutto dentro.Che schifo!
      Il divorzio non è una tragedia, uomini. Una tragedia è rimanere in un rapporto infelice insegnando ai propri figli cose sbagliate sull’amore!
      Meditate gente, meditate…

      • Io è da poco che ho scoperto il tradimento della mia compagna con il mio migliore amico….ho due figli piccoli e mi sta scoppiando il cervello al pensiero di cacciarla e vedermi portare via i miei due bimbi …che mi adorano , non so piu cosa fare.

      • Se non riesci a gestire la situazione da solo puoi provare a farti aiutare da uno psicologo (anche se a me non è servito a molto), magari, se è d’accordo, andandoci assieme a tua moglie.
        Preparati però ad affrontare un lungo e difficilissimo cammino.
        Ti faccio i miei più sinceri auguri affinché tu riesca a ritrovare la tranquillità.
        Solo chi ha vissuto o sta vivendo questo trauma (se pensate che il termine trauma sia esagerato cercate su Internet “Post Infidelity Stress Disorder”) sa cosa si prova, tutti gli altri non possono nemmeno immaginarlo (esperienza personale).

      • Sono d’accordo in parte con te, nel senso che non è sempre così. Si può (se ci si riesce) veramente stare assieme per il bene dei figli. Non sto dicendo che si perdona per i figli, perché il perdono è una cosa strettamente personale e non può dipendere dalla presenza di figli. Se un marito/moglie riesce (sopportando solo lui/lei sa quale inferno e per quanto tempo) a perdonare il tradimento del proprio coniuge io dico che insegna ai figli una preziosissima lezione sul valore del perdono.
        E se continua a stare insieme alla fedifraga/o nonostante non riesca a perdonarla/o (cosa ancora più difficile, lo dico per esperienza personale) senza far vivere ai figli la sofferenza che porta dentro di se allora tanto di cappello!
        In ultimo vorrei dire che il perdono NON è un obbligo e NON è da biasimare chi non riesce a perdonare un tradimento, anche se ci sono di mezzo dei figli.
        Ricordatevi che la colpa NON è di chi non riesce a perdonare, ma di chi ha volontariamente mandato all’aria la famiglia!
        Spero che quanti stanno soffrendo per un tradimento (tra questi ci sono anche io) riescano a trovare pace in se stessi, continuando assieme alla propria compagna/o oppure prendendo un’altra strada.

      • Anche mia moglie è stata con altri uomini. Più di una volta. Il nostro rapporto però è solido e ci amiamo come prima. Conosco tutti i dettagli delle sue relazioni così come lei conosce le mie. Era parte dei nostri accordi iniziali. Sapevamo che prima o poi sarebbe successo, a lei o a me, o a tutti e due. E ci siamo detti che non volevamo bugie. Non siamo contenti quando le corna appaiono. Ma proprio non capiamo cosa possa esserci di così grave in una scappatella. Cos’è che vi fa così male? Le reazioni sociali? Il fatto che il vostro compagno o la vostra compagna sia toccato da un altro/a come se non lo avesse già fatto in passato. Suvvia è solo una scopata fuori dal matrimonio, se non via amate, se vi mentite questo è il problema vero.

      • Ognuno ha le sue idee. Per me non è vero amore (non mi intrometto nel vostro matrimonio parlo per come la penso io) se la coppia si permette delle scappatelle. Dal mio punto di vista posso dire di non aver mai tradito mio marito (finchè siamo stati sposati, ma anche dopo, ma questo è perché non ho trovato nessun altro che mi facesse innamorare) e non ho fatto nessuna fatica nè sacrificio. Per me è sempre esistito solo lui e avrei avuto dei problemi a fare del sesso con un’altra persona. Forse certo fa parte della mia educazione e della mia età che mi ha sempre fatto collegare il sesso con l’amore e non solo sesso per sesso. Ma trovo un po’ contraddittorio dire che si ama una persona e andare a letto con un altra. Certo è che questo modo di ragionare è il frutto del nostro tempo, che si traduce nel “non rinuncio a niente per nessuno”. Bè sei stato fortunato a trovare una compagna che la pensa come te.

      • Ma come puoi dire di amare davvero qualcuno se non sai accogliere i suoi desideri? Vivere l’esperienza delle corna è una cosa bellissima che ti fa conoscere in profondità la persona che hai accanto. Amare qualcuno vuol dire sentirsi liberi con lui/lei, non vuol dire rinunciare a qualcosa per l’altro. Vuol dire fare sentire l’altro libero di esprimensi in tutti i modi. L’altro ha sempre desideri diversi dai nostri (e non parlo solo di sesso) ed è quella la vera sfida dell’amore. Sapere che l’altro è diverso da noi, anche se talvolta fa male, questo è amore. Ovviamente questo vale se chi “ci mette le corna” continua ad amarci, se non quando lo fa non sta fuggendo, ma ha un vero desiderio verso qualcun altro (che non è quasi mai solo sesso). Non c’entra “il nostro tempo”, storicamente parlando al fedeltà sessuale è un piccolo fenomeno che dura da poco più di un secolo e forse è destinata a scomparire come è apparsa. Amare è la cosa vera!

  17. Ciao, come capisco purtoppo tutti gli scritti, avendo provato l’amaro gusto del tradimento. Sono sensazioni che ti provano all’inverosimile. Anch’io ho cercato di ricostruire, ma sinceramente ti accorgi che lo fai per altre motivazioni, la vita coniugale non è più come prima, quello che credevi nella famiglia non esiste più. Si perché il matrimonio l’avevi costruito con ben altre aspettative. Il dover constatare determinati schifosi fatti, ma più che altro renderti conto che la persona che amavi, con cui ti confidavi, e avevi piena fiducia, è stata capace di farti morire dentro, con tanta determinazione. Oltretutto quando poi hai pure due figlie ancora in tenera età e, direi con tranquillità, la consapevolezza del male che stai dando a queste creature innocenti senza assumerti le responsabilità o perlomeno il coraggio di preventivamente parlare di quello che non funziona con la persona che ami, diventa il tutto diabolico per utilizzare un eufemismo. Le scuse poi sono sempre a portata di mano. Questo mondo non è fatto per gli onesti, anche se vien mandato avanti da loro/noi. Auguri a tutti e grazie per avermi lasciato sfogare.

  18. Luky, ti comuinico che ufficialmente da oggi tu sei il mio mito!!!

  19. E’ capitato anche a me di scoprire che mia moglie mi tradiva, lo ha fatto per quattro mesi, lo ha fatto con un bidello, lei insegna, 10 anni più vecchio di me, bruttino, anzi, decisamente brutto, io sono un libero professionista, laureato col massimo dei voti, un uomo di bell’aspetto, guadagno molto bene, sempre attento ai suoi bisogni, a quelli dei suoi parenti, gli ho messo a lavorare il fratello che senza arte ne parte guadagna più di 2.500,00 euro al mese, ma questo non l’ha persuasa a non vivere il brivido del tradimento. Le donne sono così, quando vogliono qualcosa non si ricordano di niente e di nessuno, non si fanno scrupoli, vanno avanti per la loro strada e se vengono scoperte trovano sempre la lacrimuccia che ci fa commuove e ci fa credere al loro reale pentimento, cioè, alla fine ci prendono anche per il culo. Fatto questa piccola premessa dico che un tradimento non può mai essere accettato, io l’ho capito dopo due anni d’inferno, non può essere accettato manco per l’atto sessuale in se, ma per il ricordo delle sue parole, del suo viso che vivevi nel quotidiano e ti rendi conto di che vipera era, ti guardava e ti parlava come se nulla fosse, invece…. nel frattempo mi sto divertendo un po’, mi sono scopato anche la moglie dell’amante di mia moglie, l’ho fatto chiudendo gli occhi, un cesso, ho venduto tutte le proprietà, ho ridotto all’osso i mie introiti ufficiali ed ora la sbatto fuori dalle palle e le chiedo anche il mantenimento, dato che ufficialmente lei guadagna più di me ed ha alcune proprietà che le intestai. Non è un fatto veniale, dei soldi me ne sbatto, ma in dieci anni di matrimonio non hai mai cacciato un centesimo, ha sempre preteso ed ora è giusto che paghi con quello che ha di più caro, i soldi. p.s. abbiamo tre bimbi che adoro e non posso vederli crescere nell’inferno, le ho chiesto se li affida a me, ora vediamo. Cari amici chiudo con un detto antico: la carne si butta è il pesce che va caro. Buona vita a tutti

    • Premesso che non voglio giudicare né te né altri, la vendetta è un sentimento umano in queste circostanze, che però non credo ti possa portare ad essere più felice con te stesso, né tanto meno a farti dimenticare l’umiliazione subita.
      Riuscire a lasciarsi alle spalle il tradimento subito, riuscire a fare in modo che questo non condizioni più la propria vita, solo questo porta ad una serenità interiore.
      Se ci vendichiamo ma continuiamo a pensare al male che ci è stato inflitto non abbiamo fatto grossi passi avanti, io la penso così.

  20. Aveva sempre avuto un atteggiamento troppo aperto, senza rendersi conto che mi metteva in imbarazzo. Poi, dopo i 40 anni, la ricerca di libertà con amiche senza vincoli. rimostranze, ripicche, delusioni ed un rapporto che diventa sempre più freddo e distante. Io sempre ad aspettare che capisse che la vita non era quella di tornare a casa tardi dopo una serata in discoteca o essere compiaciuta dei molteplici apprezzamenti maschili. Gli esempi, anche vicini, si sprecavano. Negli ultimi tempi un rapporto morboso con il telefonino mi fa insospettire e continua ad essere un elastico che si avvicina ed allontana a suo piacimenti. Decido di chiarire e mi dice che non sa se mi ama ancora, giurando che non c’è nessun altro nella sua vita. Si prova a ricucire il rapporto, ma sono ferito, intanto lei continua a vivere perennemente con il telefonino e rivendica sempre maggiore spazio per la sua libertà (che non gli è mai mancata). un giorno mi dice testualmente che è finita, allora vado via non più sospettoso ma certo che ci sia un altro, individuato con nome e cognome. Nega tutto, ma dopo una settimana scopro il tradimento nel peggiore dei modi, tradimento che era già da circa due mesi. trova alibi stupidi e ritiene di essere innamorata follemente, ma dopo 15 giorni comincia a rivolere la sua famiglia. Dice di non saper se ama quell’altro, ma la famiglia è più importante. io, trattato come una merda, umiliato, deriso, perchè tutti sapevano, vittima di una separazione pilotata, a tratti vorrei, ma so che non è più possibile ritornare indietro. non ha avuto rispetto, se è indecisa vuol dire che non mi ama, ed allora non ha senso ritornare per poi avere di fronte sempre una nemica ed un’immagine che non potrai cancellare dalla mente. Ormai ho deciso e spero che un giorno mia figlia capisca. Ma vivo una vita che peggiore non potrebbe essere ed in certi momenti vorrei spaccare il mondo. Una cotta ha distrutto la vita di tane persone.
    come vedi non ho soluzioni da darti, anche perchè ho solo rabbia, odio, e desiderio di vendetta. l’unica certezza è che se penso alle sofferenze che mi ha dato, alla totale sfiducia che ho per lei, alla mancanza di rispetto per avermi umiliato come un coglione, allora preferisco vivere questo inferno che viverne uno peggiore.

  21. Enzo, ti faccio compagnia in questo tragitto di dolore. Di tanto in tanto sbirciavo i messaggi sul telefono di mia moglie (lo so che non si fa) e lo facevo quelle poche volte che lasciava il telefono a vista. Stranamente mai un messaggio, ma in realtà cancellava sempre tutto.
    Una settimana fa l’amara sorpresa, evidentemente si era dimenticata di cancellare i messaggi del giorno e… fa male anche raccontarlo, perché rivivo tutto il momento.
    Lui gli diceva che non poteva fare a meno di lei, che ha voglia di lei tutti i giorni e non solo quando lei può, e lei che gli rispondeva che lo amava ma al momento non sapeva cosa fare.
    Da una settimana da allora, dopo avergli detto tutto (all’inizio negava anche l’evidenza) mi ha detto che mi lascia e che devo andare via di casa, perché abbiamo un figlio di 7 anni.
    Che lei non mi ama più, mi ha mentito spudoratamente dicendomi che con l’altro non è successo nulla e che non mi ama e basta.
    Sto facendo di tutto per recuperare questo rapporto. Lei e mia figlia sono tutto per me…perché vuole mandare tutto all’aria?

  22. Cari ragazzi ho scoperto di essere stato tradito da mia moglie 15 gg fa; lei fa l’infermiera e ha avuto una relazione extra durata 2 mesi con un suo collega spostato e con due figli; sono sposato da 11 anni, ho due splendide bambine di 10 e 4 anni; sicuramente ho fatto delle grosse mancanze nei suoi confronti; io posso anche perdonarla, ma lei non ne vuole sapere di ritornare da me; al momento viviamo ancora nella stessa casa…mi parla in continuazione di separazione…cosa posso fare per riconquistarla?
    Attendo con fiducia qualche vostro consiglio.

  23. Io credo che se non ci fossero stati di mezzo i figli, piccole creature che ti amano, tutti questi discorsi non ci sarebbero mai stati. Un taglio e via! Ma come tutti sappiamo vedere una bimba di quattro anni che piange disperatamente perché non vuole perdere il papà è la cosa più distruttiva del mondo. Io a mia moglie questo forse non la perdonerò mai, colei che ha cancellato la fiducia e la tranquillità della mia famiglia senza scrupoli.
    A distanza di 4 mesi comincio ad apprezzarla per tutto quello che fa per noi, ma l’amore credo sia ancora lontano. La mia più grande soddisfazione e vedere mia figlia felice, anche soffrendo, qui non si tratta di perdonare o no, qui si tratta di angeli infanti che non possono soffrire per colpa di gente immatura.
    Penserò più a me stesso e di certo penso già adesso che il matrimonio sia una grande cazzata…

  24. A massimo voglio dire che il punto non è l’amore che tu hai per tua moglie, ma l’amore il rispetto è la stima che lei aveva nel momento in cui si intratteneva nell’intimità con il suo bello. Quelli erano momenti che lei doveva riservate ESCLUSIVAMENTE a te, per amore e rispetto verso di te e per onorarti ed onorare il patto x la vita fatto con te. Lei è stata di un altro uomo che ne ha approfittato umiliandoti e lei lo ha permesso. Ti ama ? Sarà si è pentita? Forse. Ma basta pentirsi e la cosa finisce lì ? Non credo sia così semplice perché se a te è bastato questo … Non so l’amore è reciprocità aspettativa di comportamento garanzia di fiducia. Tu hai tutto questo?
    Auguri

  25. Caro Damiano, come vedi, purtroppo, le cose non vanno perché la tua signora, malgrado le rassicurazioni sul suo pentimento, non fa seguire le parole ai fatti. Intanto, se avesse avuto un po’ di sensibilità, avrebbe dovuto capire che tu nel tuo stato psicologico avevi bisogno di sapere da lei tutto: ma proprio tutto, e lei senza alcuna reticenza e avrebbe dovuto raccontarti TUTTO quello che tu, giusto o sbagliato, le chiedevi. Questo avrebbe fatto si che ti avessi avuto la reale percezione del suo REALE pentimento. Ma invece lei continua s tenerti al di fuori, escludendoti volutamente dalla sua esperienza. Si vergogna? Cazzi suoi, deve avere la forza di affrontare questa prova, per amore tuo, se è vero che ti ama come dice. Queso è un passaggio obbligato, una catarsi, che ti consentirà’ di capire bene cosa vuoi fare. Troppo comodo ( per lei) dire che devi guardare avanti.
    Pondera bene questi particolari che faranno la differenza nelle tue scelte, non ti fare intenerire da atteggiamenti che le donne sanno ben utilizzare; valuta razionalmente ed in maniera distaccata, oltre che con il cuore.
    Ti faccio ancora i miei auguri
    Giuseppe

Rispondi a carlo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.