Home / PROBLEMI DI CUORE / Voglio smettere di soffrire ma non posso

Voglio smettere di soffrire ma non posso

La mia storia non è una storia canonica. Scrivo qui perché non posso parlarne con nessuno ma ho bisogno di condividere i miei pensieri perché mi sembra di impazzire. Mi ha lasciato e mi sembra che la mia vita non abbia più alcun senso.
Ci siamo conosciute circa 10 anni fa all’università e da allora la nostra vita non è stata più la stessa. Dal primo istante c’è stata una sintonia unica, rara. Sembrava ci leggessimo nel pensiero, io sapevo cosa lei volesse o stesse pensando e viceversa. Sembrava che avessi incontrato l’altra metà della mia anima, ci compensavamo in tutto e da subito non siamo riuscite più a staccarci l’una dall’altra. A tutt’oggi io sento che lei è una parte di me.
Tutto è iniziato come un’amicizia, entrambe non eravamo mai state attratte da altre donne (e tutt’ora io non ne sono attratta), ma poi dopo circa un anno la complicità mentale ha iniziato a trasformarsi nel desiderio di toccarsi, di accarezzarsi, di sentire il corpo dell’altra oltre che la mente e così una mattina è successo: abbiamo fatto l’amore. Avevamo iniziato a dormire insieme, a toccarci, ad accarezzarci, ma senza malizia, senza pensare che tutto potesse trasformarsi in una storia, ma è successo ed è successo nel modo più inconsapevole e per questo più naturale. Siamo diventate un solo corpo e una sola anima.
Vivere una storia omosessuale non è facile. Non ne abbiamo mai parlato con nessuno, né con la nostra famiglia, né con i nostri amici. A me personalmente non importa nulla degli schemi mentali che ci impone la società ma non ho mai voluto dare un dispiacere ai miei genitori. Lei invece non è mai riuscita pienamente ad accettare di vivere una storia fuori dai canoni ed è per questo che sono stati 10 anni di momenti bellissimi intervallati a periodi in cui mi ha spezzato il cuore. È sempre tornata da me ed io la ho sempre perdonata perché con lei la mia vita è più felice, il mondo è più colorato, più bello.

Abbiamo vissuto tutto insieme, io avrei dato la mia stessa vita per lei. Subito dopo che ci siamo messe insieme lei è andata a lavorare all’estero mentre io sono rimasta in Italia. Anche stando in due nazioni diverse continuavamo a condividere la vita, passavamo al telefono più di 3 ore al giorno e ci vedevamo ogni volta che potevamo. Dopo qualche mese mi ha comunicato che aveva trovato un uomo che le piaceva, mi ha detto che il rapporto con lui non sarebbe mai stato come con me ma quella era la normalità ed era meglio che noi tornassimo a essere solo amiche. Io ho sofferto come un cane, ma ho continuato a condividere la mia vita con lei. Dopo un paio di mesi è tornata ed io la ho riaccolta. Ha passato all’estero diversi anni e altre volte lei mi ha detto che la nostra storia doveva finire e poi è tornata da me. Io ho sempre pensato che queste deviazioni dipendessero dal fatto che non è facile vivere una storia a distanza. Alla fine è tornata a Torino e siamo andate a vivere insieme.

Pensavo che sarebbe stata la volta buona, ma dopo qualche mese ha avuto un altro ripensamento. Io sono stata malissimo, ho smesso di mangiare, volevo andarmene dalla nostra casa per cancellarla dalla mia vita ma lei mi ha pregato di restare perché diceva che non poteva vivere senza di me e io sono rimasta. Ero quasi convinta di essere riuscita finalmente a impostare il rapporto in modo diverso ma dopo un po’ mi ha detto ti amo e io sono capitolata ancora. All’inizio ero diffidente ma poi ci sono ricascata senza rete di sicurezza. Diceva stavolta è diverso, non si vede dai miei gesti che ti amo? E io stupidamente le ho creduto, ho pensato che davvero questa potesse essere la volta buona fino a quando due settimane fa io mi sono accorta che c’era qualcosa che non andava e chiedendone i motivi lei mi ha detto che aveva dei pensieri per un’altra persona. Mi è caduto il mondo addosso.
Sto vivendo un periodo orribile da ogni punto di vista. Dal punto di vista lavorativo, l’impresa in cui ho investito negli ultimi 5 anni è naufragata. La persona a cui ho dedicato la mia vita negli ultimi 10 anni mi ha lasciato proprio quando ne avevo più bisogno. Viviamo ancora insieme anche perché io non so dove andare. Lei sostiene che comunque continua a rimanermi vicino ma non è questo tipo di vicinanza quello che potrebbe aiutarmi.
Vorrei odiarla anche perché io ci sono sempre stata quando lei ha avuto bisogno di me. Tra le varie cose ci sono stata quando è mancato suo padre, e quando è stata costretta a letto 3 mesi per un incidente. Ho passato giorno e notte accanto a lei, colpevolmente trascurando il lavoro. Ma il mio unico pensiero era che lei stesse meglio. La sua famiglia e tutte le altre persone che lei continua a reputare amici si sono volatilizzati. Solo io le sono rimasta accanto. Non so se sarebbe ancora qui se io non ci fossi stata nella sua vita.
Una settimana fa mi ha mandato un messaggio dicendo che avrebbe passato la notte fuori e il mio cuore è andato letteralmente in frantumi. Se fossi lucida e il mio cervello riuscisse a pensare razionalmente dovrei cancellarla dalla mia vita seduta stante ma non posso. Continuo a pensare a lei costantemente nonostante tutto il male che mi ha fatto. Non riesco a immaginare la mia vita senza di lei, penso che non sarò mai più felice senza di lei. Continuo a sperare che tornerà anche stavolta ma so che è sbagliato e dovrei chiudere.
Sono disperata.

da: Arja

8 Commenti

  1. Questa si che è una grande delusione! Non è facile smettere di soffrire in questi casi, vivete anche insieme e questo amplifica il dolore. Lo so, fare di tutto per amore e poi vedersi sbattere la porta in faccia fa male. Ma d’altronde parliamo d’amore, o c’è o non c’è, e poi sembra che mentre tu accettavi la situazione lei si sia sempre trovata in difficoltà verso il mondo esterno.
    Però..però…se davvero c’è stato amore questo non si cancella. Potrà avere anche un’altra persona ma si renderà conto nei momenti di difficoltà quanto tu eri davvero TUTTO rispetto all’altro. Penso addirittura che sarà lei a tornare da te al 100%

    • Ciao Matt, grazie per il commento. Anche io sono convinta che lei ritornerà, ma secondo te è giusto dedicare il mio amore incondizionato a una persona che mi fa soffrire fino a questo punto?

      • Chiaro che no, ma come fai in alternativa? Possiamo controllare il nostro amore? Sappiamo bene quando dovremmo arrenderci ma se non lo facciamo è perché dentro di noi c’è una spinta ad agire in maniera illogica. Cmq in bocca al lupo!

  2. Cara Arja, sinceramente io non sono così ottimista sull’eventuale ritorno della tua compagna. Vedi il problema è già complicato dal punto di vista affettivo, perché da quel che si evince, tra le due, quella più innamorata sei tu. Devi poi contarci la faccenda dell’omosessualità che a quanto pare la tua amica non ha mai accettato. Se infatti non accetta questa cosa (e sono dieci anni che vi frequentate), lei farà sempre di tutto per cercare di allontanarsi da te:Magari ritornerà a ogni delusione con l’altro sesso, ma questo non toglie che lei non accetti la sua condizione. Immagino anche che abbiate sulla trentina o quasi, e che non siate più delle ragazzine. Fra qualche anno ci si potrebbe anche mettere di mezzo l’orologio biologico che, molto probabilmente forse più in lei che in te, potrebbe far sorgere ancora più dubbi sulla vostra unione, e preferire una situazione più normale con un uomo invece che con una donna. Sinceramente io non saprei che consigliarti. Stare sempre ad aspettare una persona che prende molto di più di quanto non sia disposta a dare è difficile. Il vostro rapporto è sempre stato un po’ troppo sbilanciato e di solito in questa maniera non si va da nessuna parte. Conta anche che i dieci anni che avete passato insieme non sono poi “reali” in quanto è stato anche per molto tempo un amore vissuto a distanza. E’ vivere tutti i giorni a contatto insieme che fa uscire fuori l’instabilità della relazione. Quindi suppongo che se non ci fosse stato tutto quel tempo passato all’estero forse vi sareste già lasciate. Ma è solo una ipotesi e non una certezza. Cara Arja hai tutta la mia comprensione e mi dispiace tanto per la tua sofferenza. Sei una persona speciale e meriteresti davvero un amore altrettanto speciale.

  3. Senti , io ho fatto cazzate parecchio grandi per “amore” poi un giorno ho realizzato che quel che davo non tornava indietro in alcun modo; che l”‘amore” sia dare senza ricevere niente in cambio mi sembra una boiata da dodicenni, come mi sembra una boiata annullarsi per un altro essere umano! E’ una forma di schiavitù e nient’altro. Ora, puoi continuare a fare la schiava e soffrire come un cammelliere con le emorroidi oppure cominciare a volerti un attimino bene . Smettiamola co ‘ste storie che “NON POSSO VIVERE senza di lei\lui\il suo cane”, non è vero : la vita va avanti , sempre

  4. Quanto ti capisco… Io ho perso la testa per una mia amica, anche a me sembra proprio di aver incontrato l’altra metà della mia anima. Non ho il coraggio di dirglielo però, penso (eventualmente) a cosa potremmo andare incontro e come potremmo affrontare tutto questo. Credo che il problema della tua ex sia questo: essere condannate ad una vita “d’inferno”. Maledetti intolleranti.

  5. Ti capisco, vivo una situazione molto simile alla tua.
    Ho conosciuto una persona che vive con la sua ex, perchè non ha soldi.
    Sembrava ci tenesse un casino a me, io ho fatto davvero di tutto per lei anche se mi sembrava non ricambiasse mai davvero.
    Diceva che con la ex era solo sesso prima, ma mi è sempre sembrato che non fosse così.
    Mi ha sempre fatto soffrire, faceva cose che sembrava ci tenesse tanto a me ma nello stesso tempo la vedevo con quella tro.. e non capivo e tutt’ora non capisco e mi sembra di impazzire.
    Fa cose che mi fanno dire, perche caz.. lo fai se non te ne fotte di me? Ma se ti fotte perchè c’è quella?
    E nonostante tutti i miei amici mi dicono di dimenticarla, che è un anno che sto male un anno che soffro e che mi sono completamente annullata, io non riesco. Aspetto sempre che ritorna, un suo messaggio, una chiamata. Mi sembra impossibile andare avanti, prima c’era lei in ogni cosa mentre adesso sono sola. Sembra impossibile. Tutti i ricordi, ogni cosa mi fa pensare.
    e sento di voler reagire ma contemporaneamente non riesco a dimenticarla non voglio nemmeno. Ho sempre quella piccola speranza e l’amore è immenso. Dovrei provare solo odio e invece mi faccio schifo da sola perchè sono follemente innamorata di una persona che continua a confondermi e farmi del male.
    Sto passando un periodo che davvero non avrei mai immaginato che si potesse stare cosi male per amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *