Home / SOFFRIRE PER AMORE / Situazione complicata

Situazione complicata

Ciao a tutti
spero abbiate la pazienza di leggere tutto questo testo. Lo so che è molto lungo e che forse il racconto vi potrebbe sembrare difficile da comprendere, ma scrivete se posso chiarificare qualcosa.
Ultimamente ho letto molte cose su internet e a dire il vero non ci sto capendo più niente e quindi ho pensato di scrivere in questo sito.
Lei ha 10 in più di me ed è stata sposata per 8 anni (io 26, lei 36). Con il marito sono venuti qua dalla Spagna dopo che lui aveva trovato lavoro qua. Arrivati qua lui voleva a tutti i costi formare una famiglia e lei non se la sente ancora di formare famiglia. Allora si sono lasciati e hanno convissuto come amici, per un’anno. Lui se ne era andato da casa verso Ottobre per lavoro e cose varie. Ed è tornato verso la fine di gennaio con l’intenzione di scusarsi per non aver rispettato il volere suo, ma lei non ne ha voluto sapere.
Adesso sta traslocando in un nuovo appartamento e lui le ha chiesto se la poteva seguire, ma anche qui lei li ha detto di no.
Io e Lei lavoriamo nella stessa azienda e qui é vietato avere relazioni con colleghi di lavoro e quindi fin’ora abbiamo dovuto fare tutto di nascosto (Baci, molti baci). Siccome anche uno dei manager suoi è amico del marito lei voleva evitare di suscitare troppi sospetti perché il marito non sa niente di me e lei non vuole perdere il lavoro
E settimana scorsa ho fatto la gran caz… di fare il geloso e di suppore che sia andata a pranzo, non con la signora che diceva lei ma con uno. Appena le ho scritto avevo capito di aver scritto una gran caz….(Ci scriviamo tramite Skype del azienda) e Lei ne era rimasta male e ha scritto che non le piace la mia attitudine e ad essere sincera non le piaceva cosa stava accadendo e che è come se non mi fiderei di lei. Io mi sono subito scusato e lei mi aveva scritto che ne parlavamo più tardi. Ma io avevo un appuntamento nella nuova palestra e dovevo partire verso le 17:05, ma che se voleva potevo chiamare e disdire l’appuntamento, invece di disdirlo e basta(che cog….). Allora Lei mi rispose di non disdirlo e di andarci. E io allora ci sono andato.
Perché ho reagito così? Perché sono andato in mensa e quando ho visto arrivare i colleghi con cui va sempre a mangiare e non ho visto lei, in un primo momento ho pensato che forse è dovuta rimanere in ufficio per completare qualcosa e quindi non ho pensato niente di male. Poi sono tornato nel mio ufficio e guardando fuori dalla finestra che si affaccia al parcheggio delle bici non vedevo la sua di bici. E da li sono entrato in una specie di panico e quando l’ho vista tornare la sua espressione del viso era come un pò turbata e quando mi sono alzato in piedi per farmi vedere lei ha guardato verso la mia finestra, ma chattando mi ha detto che non mi aveva visto e che guardava sempre verso la mia finestra quando ci passava. Io poi sono corso a prendere l’ascensore per parlagli e invece di essere soli è entrato un altro signore. Allora sono tornato al mio posto di lavoro e le ho scritto quello che ho spiegato più su nel testo.
Il giorno seguente non le ho scritto per tutto il giorno fino alla sera, scrivendole se avesse del tempo per parlare del accaduto e lei mi rispose che non aveva tempo perchè doveva lavorare e poi scappare per andare a prendere le chiavi del nuovo appartamento.
Allora non le ho scritto per tutto il fine settimana che è durato anche più a lungo perché qua cera il carnevale. Poi arrivato lunedì per tutto il mattino non le ho scritto, ma poi non ne potevo più e verso le 17 le ho scritto se non aveva un pò di tempo per parlare anche solo 5 minuti, allora mi rispose che lo sa che le voglio parlare , ma che ha tanto da fare e poi insistendo un’altro pò ha detto che ci potevamo vedere e ci siamo anche visti. Io mi sono scusato e le ho detto che non era quello che davvero pensavo e che lo avevo scritto per sbaglio e che mi fido di lei. E lei mi rispose che devo smettere di scusarmi e mi chiese cosa volessi da lei e io le ho risposto che vorrei tornare come a prima di quel maledetto giorno in cui le avevo scritto la caz…. Potendole scrivere e lei mi disse che potevo anche scriverle, ma dato che non avrà tempo per via del trasloco poteva essere che mi poteva scrivere solo tardi e io le risposi che per me va benissimo e che non ce problema.
Allora io nella stessa sera le scrissi sul messenger di facebook, perché il suo numero ancora non ce l’ho, per i motivi sopra citati, che mi rendeva triste non poterla aiutare con il trasloco e non mi aspettavo alcuna risposta. Però vidi che aveva ricevuto e visto il messaggio già verso le 20 di sera, ma come detto non mi aspettavo una risposta. E poi il mattino seguente le scrissi buon giorno con un semplice smile. Avevo visto che le era arrivato ma che non l’aveva guardato, solo in serata vidi poi che lo aveva guardato.
Nello stesso giorno, mercoledì, ieri, le ho scritto via Skype, cosa ne pensasse se andavo a mangiare a pranzo insieme senza perdere troppo tempo, perché so che ha molto da fare anche al lavoro. Anche se vedo sempre che uno ora di pausa a mezzogiorno se lo prende sempre, ma quando andavamo a mangiare a pranzo ci è capitato spesso di stare via per 2 ore, perciò le dissi di andare a mangiare senza perdere troppo tempo. E lei mi rispose che ha un problema e ne voleva parlare a pranzo con il collega prima del meeting pomeridiano. Allora io le riposi che non ce problema e che spero che possano risolvere il problema. E lei rispose con un grazie con il punto esclamativo. Allora andai a mangiare da solo in mensa.
Per poi anche vedere se continuava ad ignorarmi, dato che fino a prima del moi fattaccio mi sorrideva sempre e ci guardavamo senza poter levarci gli occhi l’uno dall altro.
Io ero seduto e lei mi passa accanto e mi guarda io accenn un leggero sorriso e lei non proprio, e si siedono giusto dietro di me, lei con le spalle verso di me. Io non ce l’ho fatta a mangiare tutto come mi capita da quel giorno maledetto, e son andato a deporre il vassoio e uscendo mi sono girato verso di lei, ma un cavolo di cartellone ci divideva e poi uscito dalla mensa passando ho guardato dentro dove potevo vederla e lei aveva lo sguardo chinato verso il basso.
Non so come interpretare tutto cio. Le ho fatto del male e non lo nego affatto, ma mi sono scusato , le ho detto in cosa ho sbagliato e le ho detto cosa voglio. Non le ho più scritto da ieri.
L’ho conosciuta prima di natale e dopo la prima volta che abbiamo preso il caffè e parlato per un’ora e ridendo come dei matti, nel ascensore ci siamo baciati e il giorno seguente anche. Poi è arrivato natale e per due settimane non ci siamo sentiti. Tornati al lavoro ci siamo rivisti e abbiamo continuato a vederci, al lavoro, di nascosto.
Alcune amiche dicono che io adesso devo stare calmo e non scriverle e lasciarla in pace affinché non saranno passati questi giorni in cui mi ha detto che sarà molto occupata per il trasloco e il lavoro. Ma con quello che è successo ieri e cioè che non sorride più quando vede me, ma che martedì ad esempio l’ho vista in mensa ridere e scherzare con i colleghi di lavoro. Non so cosa pensare. Ho paura che se per una settimana non le scrivo lei pensi che ho perso l’interesse, anche perchè prima le scrivevo sempre e tal volta anche un pò esageratamente troppo.
Io non riesco a stare così senza sapere dove stiamo. Fà male! Forse vuole davvero solo stare un po da sola, o forse mi tiene buono per paura che io vada a fare una scenata nel suo dipartimento. Un collega mi ha detto che devo calmarmi e mostrarmi forte perchè le donne ci vogliono sensibili, ma vogliono anche una spalla forte. Il fatto è che non riesco neanche a dormire più o meglio mi sveglio sempre un’ora e un quarto prima che suoni la sveglia. Insomma sto malissimo e ho il cuore che va a mille ogni giorno e comincio a sentire la stanchezza di tutto ciò, ma non voglio assolutamente perderla.

da: Luca

11 Commenti

  1. Luca, ho letto velocemente ma mi sono fatto l’idea che questa ti prende , ti ribalta come un calzino e poi come un calzino spaiato ti getta via a suo piacimento . Statti attento .

    • e allora cosa faccio, aspetto fino a martedì quando il trasloco sarà terminato?

      • ah , questo non lo so , spetta a te decidere. Il mio consiglio è un più generico ” non buttarci troppo il cuore” dieci anni di differenza sono un bel po’ quando tu ne hai ventisei e lei è alla soglia dei quaranta. Cerca di discernere bene cosa vuole da te : sei il giocattolino o vede in te un possibile compagno? Non me ne volere , parlo per esperienza di prima mano

        • Fino adesso sembravo tutt’altro che il suo giocattolino. E che adesso non sono proprio più niente. Almeno è quello che mi trasparre dalla completa assenza di comunicazione verso di me.
          Forse esagero ed è normale che non ci si senta per un certo periodo e me lo ha detto già un paio di volte che non avrà tempo questo periodo.

  2. Oggi mi ha fatto gli auguri di buon compleanno. Sarà solo gentilezza oppure ci tiene ancora a me?

  3. Ho provato a leggere la tua storia ma a metà ero già stanca di leggere. Un po’ di sintesi sarebbe stata meglio

  4. ciao Cristina
    Volevo che si capisse bene la situazione. non volevo annoiare nessuno 😐

  5. Ieri abbiamo chattato. Era il mio compleanno e le è dispiaciuto che non ha potuto farmi gli auguri di persona. E io le ho risposto che non era grave perchè l’unica cosa che conta siamo noi e che il caffè me lo poteva offrire quando torna.
    E che non sa quanto faccia bene risentirla.
    Poi lei mi ha ringraziato. e detto che prenderemo quel caffè insieme e che parleremo.
    E poi ha scritto che non vuole ferirmi. e io le ho scritto “ferirmi?”
    E lei “si” che non deve dirmi cosa io debba fare, Che non sono il suo bambino. Lei non vuole che io cambi personalità. Ma lei sente che è troppo difficile per lei gestire questa situazione.
    Io le ho risposto che so cosa voglio e cioè voglio lei e rispettarla. E non fare mai più il “bambino”.
    E le ho detto che lei non vorrà cambiare la mia personalità, ma è proprio quello che voglio io. e lei mi ha risposto dicendomi che non è una buona cosa e che non si può cambiare una persona e che io sono io, unico, e la persona che mi sta accanto deve amare questo e non chiederti di cambiare. E io le ho risposto che io rimarrò me, ma che voglio cambiare certe cose, perchè sono cose che nemmeno a me piaciono di me.
    Poi lei ha glissato che non è il giorno per queste cose e che deve essere un bel giorno per me e che devo gustare il più possibile.
    Come mi comporto adesso? È ovvio che non sa bene cosa sia giusto per lei e per noi. E non sa se ci sarà un noi.

  6. Uff.. che barba… e poi si capisce da come scrivi che sei veramente piccolo per lei. Non sottovalutare sta cosa dell’età. Amano farsi corteggiare ma non lasceranno mai la sicurezza che uno più adulto dà loro. Mi sembri troppo assillante, veramente. Te lo dico con il cuore. Calmati, hai troppa ansia. Nessuna donna vive i rapporti ansiogeni con tranquillità, a maggior ragione se è una traditrice. Non dovresti essere in questo rapporto, e lei è un po’ più lucida di te adesso nel capire che stai facendo il ruolo del bambino, che quando la mamma manca entra in panico. Mi spiace dirtelo, ma a me sembra così. Ti prego, non offenderti, ma letta da fuori è una storia troppo assillante, stancherebbe chiunque. Ti fai troppe domande e hai troppi dubbi. Vuoi fare una cosa carina? Vediti qualche video di Raffaele Morelli su youtube, vedrai che riuscirai a stare un po’ meglio e a gestire ansia e panico. Fidati, parola di chi ci è già passato 😉 poi facci sapere come va!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *