Home / PROBLEMI DI CUORE / Senza via d’uscita

Senza via d’uscita

Buonasera, frequento clandestinamente una donna sposata con una figlia da oltre un anno. Vista la lontananza (per vedersi serve un aereo), l’unico modo per vedersi è una volta ogni 15/20 giorni rifugiati in un albergo durante i pomeriggi. Lei dice di non amare più suo marito, ma mi chiede tempo, per uscire dalla storia, cercando di non far soffrire sua figlia. Lei dice di aver comunicato al marito di non amarlo più, sta soltanto aspettando che lui decida di andarsene spontaneamente da casa. Nel frattempo io lo scorso anno ho lasciato la mia fidanzata (13 anni) perché innamorato perso di lei, ed ho provveduto a trovare una casa per poterla far venire da me.
Il tempo passa, le cose non cambiano, e giorno dopo giorno, sento che le difficoltà e i problemi ci stanno uccidendo. Le incomprensioni aumentano, e ci sono giorni che non ci sentiamo nemmeno in quanto arrabbiati l’uno con l’altra e viceversa.
Non so più che pesci prendere, sto pian piano spegnendo il mio entusiasmo.
HELP

da: Marco

4 Commenti

  1. Marco questa è la classica situazione in cui te lo ritrovi in quel posto senza nemmeno renderti conto di come è successo. Molla l’osso, coniglio fraterno

  2. Concordo con RAdo. Ti sei ficcato in una gran brutta storia. Troppo complicata da gestire, prima o poi finirebbe da sola questa cosa. Lascia perdere

  3. Concordo con quanto scritto dagli altri…fuggi finché sei in tempo.
    Questa il marito non lo molla perché ci saranno sotto troppi interessi, altro che la figlia. C’è gente che disfa e ricrea famiglie alla velocità della luce e questa dopo un anno ancora non si decide a mollare il marito?
    Non dico che debba mollare tutto e venire a vivere da te con sua figlia ma quantomeno separarsi dal marito… chi te lo dice che in realtà questa non stia tenendo il piede due scarpe? Magari fa la perfetta mogliettina e madre di famiglia e un paio di volte al mese si concede un diversivo con te.

    Meglio solo.

  4. Antonella Fabiani

    Essere amanti è bello perché vuol dire evadere dai pensieri da tutto ciò che è abitudine, quando anche questa trasgressione diventa impegno, diventa abitudine e sai abitudine per abitudine meglio tenersi chi ci fa star più sereni anche in maniera pratica.La storia dei figli nasce sempre quando uno dei due smette di pensare a quella situazione come una cosa da vivere finché dura.
    Poi le donne e te lo dice una donna, sappiamo essere fetenti, serte donne se litigano o non si sentono apprezzate dal proprio compagno se hanno una situazione parallela. Dicono e fanno cose verso questa che cose date dal momento, poi quando il compagno la gratificano, allora l altra diventa una situazione difficile da gestire.
    Le donne e non è una regola, premetto ma se parlano di figli lo dicono per convenienza altrimenti li avrebbe potuti tirar fuori il giorno dopo della passione, no perché sentite pressate.
    Pnsano al fatto che devono ricominciare tutto da capo alla casa a cosa stanno facendo a quello che direbbe la famiglia e a quello che possono perdere.quindi valuta solo i fatti no le parole del momento; )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *