Home / RIFLESSIONI / Dichiararsi é sbagliato farlo se si sa che sarà un no?

Dichiararsi é sbagliato farlo se si sa che sarà un no?

Buongiorno.
La mia domanda è molto semplice e vorrei sentire le vostre opinioni in merito a questa cosa.

Sto per dire al ragazzo che mi piace quello che provo, pur sapendo che probabilmente non sono corrisposta. Lui è ignaro di tutto per ora.
Lo faccio per diversi motivi. Intanto non posso sapere al 100% se la sua risposta sarà negativa, anche se ho buoni motivi per crederlo.
Poi lo faccio per me stessa, perché devo riuscire a superare questo mio blocco. Devo essere in grado di fare una cosa del genere.
Inoltre credo che avendo la sua risposta sarà più facile cambiare pagina. Ora come ora per me è impensabile dimenticarmi di lui, la mia mente non ce la fa, proprio perché non ho la certezza che sia un no. La speranza é l’ultima a morire e io non voglio rimpianti.
Penso che sentire uscire dalla sua bocca le parole “no, non voglio stare con te” mi indirizzerá verso la strada che mi farà dimenticare.

Voi che ne pensate? Mi piacerebbe sentire le vostre opinioni! Grazie ^^

da: Lisa

4 Commenti

  1. Penso che fai bene.
    Nessun rimorso e nessun rimpianto.
    Buona fortuna!

  2. Come si dice, tira fuori il rospo, non ha nulla da perdere, anzi, non si sa mai nella vita.
    Forse potresti anche guadagnarci, nel senso buono!
    in bocca al lupo per tutto

  3. Lisa tu hai scritto..lui è ignaro di tutto ora.. Perchè ? Possibile che non gli hai fatto capire che hai interesse per lui? Una donna si fa capire facilmnete, non serve parlare.
    Guarda che il processo di innamoramento è una cosa complessa, che non passa dalla mente, che non richiede una risposta diretta. Conosco decine di casi in cui una indifferenza iniziale è diventata amore poco alla volta, conoscendosi piano piano… Persone che all’inizio erano indifferenti si sono poi avvicinate, innamorate e ora si amano come pochi. L’amore non passa dalla testa. E’ vero che esiste anche il processo opposto, colpo di fulmine, ma non sempre succede. Anzi, il colpo di fulmine alcune volte si rivela un fuoco di paglia. Se hai già lanciato tutte le tue frecce…beh allora fai la domanda diretta …. ma non prima. In bocca al lupo.

    • Eh diciamo che ho provato a farmi capire ma.. lui non ha capito.
      All’inizio sguardi, mezzi sorrisi.. poi mi sono avvicinata, ho cercato di instaurare un dialogo, di cercare il contatto, anche casuale.
      Ma lui niente. Nessun segnale proprio, ne di interesse ne di non interesse. Ok, sicuramente non sono un asso nel lanciare i segnali, complice il fatto che sono un po’ timida in questi casi, peró nulla.
      Un nostro amico in comune, del quale mi fido molto, dice che il ragazzo che mi piace è fatto così, non capirà mai perché vive nel suo mondo. Poi siccome esce da poco da una storia lunga, non sta “cercando” una ragazza ora ecco, non so se mi spiego.
      Poi chiaro, penso che se andassi davanti a lui e mi spogliassi sarei abbastanza chiara nelle mie intenzioni, e penso che lui capirebbe anche se é ingenuo, ma non è l’immagine di me che voglio dare.

      Comunque non si tratta di colpo di fulmine. All’inizio era un interesse blando, una curiositá, ma stavo sulle mie e non ci davo peso, anche perché ai tempi era fidanzato. Non ci pensavo più di tanto.
      Ma è stato un crescendo continuo.. più il tempo passava più mi accorgevo che era una cotta bella e buona la mia, ma restava il fatto che era fidanzato.. perciò ero vincolata da quello. Me lo dovevo scordare, non dovevi avvicinarmi più di tanto perché che senso aveva magari affezionarsi per poi non avere nulla?
      E poi si è lasciato.. o meglio, lei ha lasciato lui, e lui beh, ci è rimasto male chiaramente.
      Ho aspettato un po’… Poi ci siamo avvicinati un po’, abbiamo iniziato a parlare di più. . Dopo ho iniziato a lanciare qualche segnale, ma niente. Nemmeno segni di rifiuto, lui proprio non capisce. Sicuramente potrei lanciarli meglio, ma da come si è svolta tutta la faccenda ormai non resta altro da fare che dirglielo e togliermi questo macigno che, tra una cosa e l’altra, tra attese varie e quant’altro, mi porto dietro da più di un anno emmezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close