Home / SMETTERE DI SOFFRIRE / Non riesco a vivere

Non riesco a vivere

Sono una ragazza trentenne, sono sempre stata molto solitaria e introversa. Ho sempre avuto pochissima fiducia negli uomini e questo mi ha portato a essere così selettiva da essere quasi tutta la vita sola. Da poco più di un anno sto attraversando un periodo orribile, sono stata buttata fuori di casa per problemi economici gravi, subentrati a causa della perdita del lavoro. A causa di questo ho visto morire alcuni dei miei amici (ho da anni una sorta di rifugio), per i maltrattamenti inflitti da chi doveva solo trasportarli. Dopo un apparente periodo di salvezza,mi sfrattano anche dalla nuova casa, non riducendo a pagare ,non so quanto ci vorrà. Comunque il punto é che ad agosto conosco un ragazzo online. Come dicevo non mi sono mai fidata ,ma lui sembrava un angelo sceso in terra.

Tanto che anche mia madre mi ha incoraggiata tanto a conoscerlo. Comprensivo, dolce,attento a tutto, educato, rispettoso. Non si può spiegare che tipo di persona fosse. Gli spiego e racconto tutti i miei problemi e lui si dimostra comprensivo e mi capisce su tutto. Inizia a essere sempre più carino con me finché entrambi capiamo che vogliamo conoscerci. Arriva il giorno e lui si dimostra meraviglioso come pensavo. Abitiamo a circa 100 km e ci vediamo ogni tanto, eppure chiunque lo conosce ne rimane colpito. Tutti dicono che é sicuramente un bravissimo ragazzo,e che é quello giusto. Io sto benissimo con lui,mi aiuta mi fa superare il periodo difficile,mi fa sentire come una principessa. Anche se noto qualcosa come quella mancanza di “attaccamento esagerato” che spesso c’è a inizio relazione.

Lui so giustifica dicendomi delle sue delusioni e che quindi é un po’ distaccato per paura. Comunque é sempre pronto a incoraggiarmi a sostenermi, si preoccupa insomma meraviglioso. Questo per circa un mese e mezzo. Poi piano piano cambia sempre di più. Non so spiegare nemmeno bene,ma aumenta l’indifferenza, e il suo eccessivo attaccamento agli amici mi preoccupa. Iniziamo ogni tanto a discutere ma niente di grave. Il primo segno che mi preoccupa tantissimo é che lui praticamente smette di cercarmi,devo farlo sempre io..dopo giorni gliene parlo,lui dice che rimedierà. Ma io inizio a chiedermi; é normale? Se gli manco,non dovrebbe essere spontaneo cercarmi? Comunque quando ci vediamo lui é molto più premuroso che via sms.

L’amore nel modo in cui mi guarda e tratta é quasi palpabile. Le cose però continuano a peggiorare,sebbene lui dica che e tutto ok,io lo vedo sempre peggio,non é geloso,sembro non mancargli e il litigio a causa di una sua ex dove lui mi tratta anche male (ma poi ammette di aver sbagliato), spezza qualcosa. Io decido di parlargli di persona delle mie preoccupazioni, per il suo distacco. Lui si dimostra sempre comprensivo ma più come uh amico. Decidiamo di aspettare di vederci per parlarne, ma io nel frattempo divento un po’ distaccata perché temo mi lasci, mi sento spesso messa in disparte per i suoi amici e voglio parlargli del mio disagio (cosa che purtroppo non era una mia fantasia), inizialmente lui dice di star male per questa mia freddezza ma, gli spiego che e solo paura e capisce. Non abbiamo fatto in tempo a parlare,che pochi giorni fa mi dice che gli stress causati dai suoi problemi familiari e forse quello causato da me che volevo parlargli lo hanno bloccato. Non mi ama più. Mi ha sempre raccontato di come non concepisse il poter smettere di amare da un giorno all’altro.

Aveva il terrore che lo lasciassi come avevano già fatto..invece é successo a me. Chiariamo,non mi ha lasciata,ora si sente in colpa, vuole rimediare almeno aiutandomi e ha acconsentito a provare a stare ancora insieme per vedere cosa si può fare. Mi ascolta. Si preoccupa, spesso mi cerca. Ma a volte fa cose che mi fanno sentire rifiutata. Ad esempio mi dice che deve parlare coi suoi amici e per 7/8 ore tornando tardissimo non vuole farsi sentire nemmeno con un msg. Normalmente lo fa o almeno lo faceva, quando mancava per molto si faceva comunque sentite, stasera ha rifiutato,dicendomi di non insistere. Io non so che fare-

E’ vero soffrivo guarda di depressione e avevo subito dei traumi ma ora sono in un baratro. Queste sue attenzioni mi confondono, mi ascolta in tutto e per tutto ma quando mi “rifiuta” anche un msg dopo 4/5 ore mi fa stare malissimo perché non gli costerebbe nulla e non intendo che debba scrivermi di continuo,ma stando ancora insieme mi da fastidio questo atteggiamento. Sono in una trappola tremenda vorrei tentare tutto,per recuperare il suo amore e so che se lo perdo staro malissimo ma anche ora ogni notte la passo piangendo a causa sua, mi sento rifiutata e messa da parte, sentimento che ho avuto spesso ma con lui ora molto di più.

Si può smettere di amare da un giorno all’altro? Senza che accada nulla di grave. So che pensereste a tradimenti o bugie ma PER FAVORE, datemi consigli solo prendendo per vero quello che ho scritto e che lui mi dice. Valutando la situazione per com’è descritta e non aggiungendo sospetti. Sono in un baratro terribile, mi manca il sostegno che mi stava dando la forza di sopportare tutto il resto. Non ho amici. E ho subito l’ennesima illusione, vorrei morire mi sento rifiutata dal mondo, odiata, fuori luogo, tanta gente mi ha fatto del male e continua a farmene (e intendo sul serio). Passo le giornate tra ansia angoscia depressione panico, oppressione al petto. Soffro, vivo soffrendo e non ho le possibilità di pagare uno psicologo. Non ne posso più davvero di sentirmi così e che tutto vada sempre male ormai da troppo. Il mio problema è che amo troppo, con anima e cuore.

da: Eve

7 Commenti

  1. Cara Eve,

    Come te sono capitata qui dopo una delusione.
    Non posso sapere se il tuo lui sia sincero o meno, ma non posso fare a meno di notare una somiglianza con la mia storia. Quello che noto sono le continue scuse, nel mio caso una distanza dovuta dalla sua imminente laurea, nel tuo caso la paura e le altre cose che hai citato.
    è come se ci fosse sempre un copione in queste storie, non saprei come altro chiamarlo, nonostante le persone e le situazioni siano diverse. Anche nel mio caso mi sono sentita dire ‘non ti amo più’ da un giorno all’altro, ma confrontandomi con molte altre storie, credo che in realtà sia una scelta ponderata e non fatta dall’oggi al domani.
    A differenza mia, però il lui si sta facendo sentire, mentre il mio è sparito completamente senza nemmeno rispondere ai messaggi. Chiediti se questo sia un vantaggio o meno però. Non credi che sia meglio prenderti un periodo per te e cercare di capire che senza di lui la tua vita va comunque avanti? Sono dell’idea che ti servirebbe per metabolizzare la cosa e per vedere le cose da un altro punto di vista.
    Non farti prendere dal panico, te lo dice una che piange tutti i giorni da un mese. Per ora cerca di accettare la situazione e se mai un giorno vi rivedrete, con molta obbiettività forse riuscirete a capire se sia il caso di riprovare o meno.

    • Ciao Livia. Mi dispiace so come ti senti. E vero il fatto che lui non voglia abbandonarmi rende la cosa strana,difficile decidere il da farsi. Mi accontenterei di riuscire a parlarci di persona, perché per me le decisioni si prendono così non via messaggi. Dice che non può,che non é una scusa..sto attendendo questo per cercare di riuscire a dare retta alla ragione e non al cuore,anche se fa malissimo.. Un abbraccio.

      • Purtroppo per adesso l’unica cosa da fare è lasciar passar del tempo, anche se sembrano delle frasi fatte, ma è davvero davvero l’unica. Non cercare di reprimere il dolore e prendi tutto il tempo che ti serve per metabolizzare la cosa.
        Nel frattempo ti consiglio dei video che ho trovato su Youtube di uno psicoterapeuta, spero ti aiutino quanto stanno aiutando me e ti spronino ad andare avanti, li trovi facilmente digitando frasi come ‘basta autocritiche e sensi di colpa’, ‘superare la fine di un amore’, insomma roba che ahimè ho cercato parecchio nell’ultimo mese. In bocca al lupo e un abbraccio.

  2. Cara amica, la tua lettera mi ha colpita molto e ho visto somiglianze con la mia lunga e sofferta storia d’@?more. Un giorno, tempo fa dissi, in questo stesso sito che avrei scritto di lui, ma sono stanca ed esasperata aspettando la fine.
    D’ accordo con quello che scrive Livia , devi cercare di vedere se riesci a vivere solo per te stessa. Il che non significa essere egoista ,ma un po’ obiettiva.lui ora non c’ è. O c’ è a fasi alterne. Non è sicuro o se lo è non te lo dice. Lo smuove il senso di colpa e forse un po’ d’ amore, ma questo lui non lo sa. L’ unica cosa che puoi fare è guardare come si comporta. Intanto però tu vivi la tua vita, non ti chiudere ma apriti alla vita.non è colpa di nessuno , in fondo, non amare o non amare più. Lo è persistere nel proprio sbaglio . un grande abbraccio e ricorda che non sei sola.
    Barbara

    • Grazie Barbara, in questi casi vorresti almeno sapere cosa é successo davvero,il tuo consiglio e quello di Livia so nella mia testa che sono quelli giusti. Sto cercando di abituarmi all’idea prima che posso ma quando non lo sento mi manca letteralmente l’aria. Purtroppo chi ama é sempre chi ci rimette. Grazie per la tua solidarietà,un abbraccio

      • Cara Eve,
        sono un uomo( si ok lo vedi dal nome ) e leggendo la tua lettera trovo che ci sia una certa somiglianza con alcuni aspetti che hanno portato alla fine della mia storia durata 7 anni. Non te la racconto tutta, ti dico solo che ho lasciato mia moglie per questa che poi si è rivelata una traditrice ( ha ricontattato il suo ex di 25 anni fa che non ha mai dimenticato ) . Diceva che doveva mettere al giusto posto questo amore interrotto bruscamente per ritrovare la felicità, però mentre io non ero d’accordo, intanto flirthava e cosi si sono re-innamorati a vicenda. E’ successo un mese fa…immagina come sto !
        Detto questo, i motivi che tu adduci e che rimproveri a lui sono inesistenti per me, che sono un uomo e che ricevevo anche io , ma ti posso assicurare che nel mio caso erano puramente casuali,..quindi non sintomatici di qualcosa. Il rapporto si matura col tempo e lo stare a scambiarsi messaggi o avere delle discussioni su wapp, credimi ….è stato deleterio. All’inizio ci procuravano tanta complicità e piacere, ma non può essere che dalla mancanza di questo messaggiare si deve giudicare un rapporto o l’amore di un uomo.
        Il fatto che tu ne abbia bisogno non deve impedirti di vivere cosi male il rapporto, non deve consentirti di starci male, perchè il tuo primo presupposto deve essere il non SOFFOCAMENTO della persona amata. L’uomo ha bisogno anche degli amici per essere felice, e tu non puoi chiedergli di messaggiare quando li vede. Anche la mia li pretendeva ed io non sono mai riuscito a farle capire che non è per trascuratezza o qualcos’altro, non c’era nulla dietro.
        Io sono convinto che sia cosi anche per lui. Devi stargli meno addosso in queste cose, lasciagli la libertà di cercarti , non l’obbligo. Un uomo non vive bene se si sente braccato. Non assillarlo con le tue richieste ma anzi, appena puoi digli che hai capito questa sua esigenza e non gli chiederai e non ti arrabbierai se lui non si farà sentire. Digli che lo amerai lo stesso, che non si senta obbligato nei tuoi confronti. Forse otterrai più stima e comincerà a farlo spontaneamente…secondo me.
        Il tuo problema è anche che non hai amici che ti aiuterebbero a non stare li ad aspettare col cellulare in mano. Lo capisco, perchè l’ho provato anche io. Quindi quando lui esce con altri , fallo anche tu….sarà meno pesante.
        Spero che ti sia d’aiuto !
        Ciao.

  3. focalizzati su te stessa e su cosa hai ottenuto per te in questo trentennio.
    Io leggo di una persona che si aggrappa disperatamente ad un lui perchè incapace di stare in piedi da sola.
    anziché pensare a reinventarti lavorativamente e trovarti una fatica per essere nuovamente autonoma ed indipendente, ti concentri sulla cosa meno importante da fare in questo momento ovvero l’amore, manco fosse la panacea e cura di ogni male.

    Mettiti nei panni di sto uomo che alla fine ha detto chiaramente di non amarti (e ti sta aiutando stile fate bene fratelli) e chiediti se tu staresti e sopporteresti una persona come te…perché dovrebbe stare con una che in definitiva gli fa problemi per faccende inutilissime tipo il fatto che non ti messaggi abbastanza o che stia un po’ coi suoi amici o non si faccia sentire per ore…ma beata l’ora, vuol dire che si fida di te e non ha bisogno di controllarti! (Oppure non gliene frega nulla di te).

    Se sei malata, perché la depressione è una malattia, curati e non cercare la cura in un lui.
    Non servono soldi, basta andare dal medico di base e lui sicuro ti trova uno convenzionato e bravo al quale affidarti.
    E vedi che una volta guarita cambierai approccio alla vita.

    A 30 anni una donna dovrebbe avere in pugno la sua vita, o quantomeno dovrebbe avere le idee ben chiare sul che cavolo vuole fare dalla sua esistenza e non soffrire per amore perché di uomini dovrebbe averne avuti già un po’ e aver capito che sono animali piacevoli “a piccole dosi” e che quando si ha il culo di incontrare il proprio maschio alfa, bisogna avere la sagacia di non farlo scappare.

    Ripigliarti! Taglia con lui e concentrati su te stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *