Home / SOFFRIRE PER AMORE / Le parole che non ti ho detto

Le parole che non ti ho detto

Un anno e mezzo dopo. E non è passato un mattino che non mi svegliassi senza pensarti. Nè ho mai chiuso gli occhi senza almeno un sospiro che sapesse di te. Lettere scritte e stracciate, messaggi scritti e cancellati. Peccato che i miei, i nostri ricordi dal cuore non si possano né cancellare né stracciare. Non riesco ad odiarti neanche se mi ci metto d’impegno. Eppure lo meriteresti. Tu che mi hai lasciato di nuovo. Tu, che dopo dieci anni insieme mi hai gettato via senza pensarci su più di tanto. Tu, che mi avevi promesso ciò che si promette all’amore della propria vita. Quel “per sempre” che ancora oggi graffia le pareti del mio cuore sbrindellato. Mi hai cacciato via dalla tua vita sorridendo, come se tanti anni non fossero mai esistiti. Tu, che dal giorno dopo hai sbandierato ai quattro venti la tua felicità, il tuo essere libera, facendomi passare anche da coglione che stava male mentre la ex già se la spassava. Tanti “mi dispiace”, zero empatia verso la mia sofferenza. Ormai ero diventato solo uno scomodo ricordo già appartenente al passato. Non riuscivo a soddisfare la tua voglia di metterti in pari con le amiche che si sposavano. Non ti ho mai fatto mancare nulla, ma non potevi più aspettare. Dieci anni di fedeltà, un tradimento perdonato (il tuo), rospi mandati giù pur di stare con te, ancora, per sempre. Un atto di fede, mi dicevo. Ti ho creduta, sempre. “Non riuscirei ad immaginare la mia vita senza di te”, mi ripetevi. Mi hai lasciato ad annegare in un mare di sensi di colpa, mi hai fatto sentire un fallito. Mi sento un imbecille per aver creduto ai tuoi sentimenti, eri proprio brava a recitare la tua parte. Dovrei odiarti, dicevo. E invece non passa un giorno che questo cuore bastardo non pensi a te, ai tuoi sorrisi. Te ne sei andata senza mai voltarti indietro, come se il nostro amore fosse durato il tempo di un temporale estivo. Avrei potuto chiedere, indagare, riprovare, aggiustare. Ma scelsi la mia dignità, e non ti ho mai disturbata nel tuo nuovo cammino. So solo che sei felice, che lo sei stata fin da subito. Hai voluto urlare al mondo la tua nuova vita, come se il sottoscritto non ti avesse mai reso felice, in questi dieci anni. Ho iniziato a pensare e a convincermi di aver contato male. Di aver sentito male, di aver visto male. Ma si, probabilmente mi sono immaginato tutto. Dovrei odiarti, dicevo. E invece mi ritrovo ancora qui, ad affidare alle parole un dolore che sembra aver messo radici dentro di me.

Un dolore amplificato dal fatto che non lo meriti. Ti ho lasciata andare, dicevo. Mai una scenata, mai una chiamata, mai niente di niente. In barba al tuo accusarmi di essere immaturo, di dover crescere. Credimi, sono cresciuto, eccome. Sono cresciuto nelle mie lunghe passeggiate estive, solo, con i miei pensieri. Sono cresciuto nelle mie notti insonni a scalciare le lenzuola a bagnare quel povero cuscino con le mie lacrime amare. Sono cresciuto in tutte quelle domeniche in cui non tocco cibo, da quando mi hai lasciato. Sono cresciuto ad ogni chilo perso, ad ogni goccia di xanax che ho ingurgitato nel mese post-rottura.

Sono cresciuto, da solo. Senza mai cercarti, senza mai disturbarti. Lasciandoti godere quella felicità che con me non potevi più avere. Spero che l’hai trovato, alla fine, il principe azzurro dal conto in banca di cristallo. Spero che ti metterà al più presto l’anello al dito, cosi che tu possa sfoggiarlo con entusiasmo davanti a famiglia ed amici. Perché in fondo cos’è, oggi, l’amore, se non questo? Avevi ragione, io sono un debole, un fallito. Un debole ed un fallito che però ti ha amato e rispettato ogni giorno, che non ti ha mai tradito, che ti ha ripreso tra le sue braccia quando nessuno con un minimo di amor proprio lo avrebbe fatto. Che fesso. Buona vita, amore mio.

Da: NoMoreIllusions

10 Commenti

  1. Ti capisco benissimo.
    Anzi, sono così solidale con te che spero anche io che sta tipa nella vita si prenda una inculata grande come l’empire state bulding.
    Non avere rimpianti tu però, perchè si capisce da quello che provi che sei una persona di cuore. Ed esistono anche le tizie che apprezzano gli uomini di cuore. Ma non sono della stessa razza della tua ex, cioè quella razza da asfaltare.

  2. Leggerti mi ha trasmesso cosa stai provando.
    Avverto molta sofferenza. Un anno e mezzo dalla rottura è un tempo lungo per non concederti la “vendetta” di provare a star bene anche te. I sacrifici, i compromessi ed il perdono che si concedono quando si è innamorati, non sono mai sbagliati e non bisogna mai pentirsene! Se lei è stata così decisa, l’avrebbe fatto anche se vi foste sposati. Quindi, meglio prima, che troppo tardi.
    Il tuo sperare di odiarla per dimenticare è un passaggio naturale per tutti e sarebbe bello riuscirci perché così passa prima la sofferenza! se l’hai molto amata, non credo che riuscirai mai ad odiarla. Prova, invece, ad accettare la delusione di aver creduto in qualcosa che oggi non c’è più, forse ti aiuta!
    Spero che riuscirai a superare la delusione che provi.

  3. Amico…molla il xanax.
    Mi dispiace per tutto quello che stai passando perché le tue parole trasmettono molto bene quello che provi peró butta nel cestino quello schifo.
    Piuttosto iscriviti ad un corso di yoga…trovi la calma interiore e ti ritrovi circondato di gente nuova (soprattutto donne).

    Che poi se uno tanto ci tiene a sposarsi, lo può tranquillamente fare spedendo 16 euro (quelli della marca da bollo per il comune) il resto sono stronzate che piacciono tanto a quelle che per un giorno vogliono sentirsi principesse (cosa che reputo molto futile e banale).
    Ergo lei non ti amava altrimenti si accontentava di un si senza anelli e cerimonie.
    La pezzente fallita è lei.
    Buonafortuna per tutto.

  4. Sei un cucciolo! Mi dispiace per te 😘

    • Non ne vale la pena! Anzi devi ringraziarla… hai scampato una fossa non avendola sposata e sei ancora libero di scegliere facendo uno screening selettivissimo la donna della tua vita!
      Non sono tutte così! Esistono donne fedelissime come lo sei tu e lo sono io!
      Molla lo Xanax e vivi!!!
      Buona vita
      Presto troverai la tua anima gemella

  5. Più leggo queste storie di sofferenza e mi accorgo ancora una volta che un 70% delle donne oggi fanno veramente pena.
    E noi ci dobbiamo ridurre così? Noi uomini che dobbiamo essere il sesso “forte”. Sesso forte sto paro de palle!!
    Andiamo dallo psicologo per capire cosa non va o non andava in noi oppure ci imbottiamo di psicofarmaci e tranquillanti per non pensare e non passare intere notti insonni, mentre loro, se la spassano con il coglione di turno!!!
    ti sono vicino, evita i farmaci che fidati, io ne so qualcosa, peggiorano solo le cose!!! (passa eventualmente alle gocce omeopatiche)

  6. Quanta emozione queste tue parole! Mi hai fatta commuovere, dico sul serio. Quanta sensibilità, quanta dolcezza. Questo tuo dolore troverà conforto prima o poi. Sei adorabile, ti sono vicino.
    Un bacio 😘

  7. NoMoreIllusions

    Ringrazio tutti per l’affetto dimostratomi. Grazie davvero, di cuore.

  8. Non sai quanto ti sono vicina in questo dolore che è anche il mio in questo momento. Sono 3mesi che leggo quasi quotidianamente le storie pubblicate su questo sito,perché a volte, anche quando ti prometti che stasera è la volta buona che esci,e ti svaghi un po,poi in fondo ti scoccia stare in mezzo alla gente che sta bene,perché tu non stai bene un cazzo.Volevo ringraziare in particolare JJBad Daniela e Rado,per me siete stati in questi mesi come degli amici,leggere le vostre risposte agli altri mi ha dato spesso la carica.Non ho mai scritto qui,in fondo la mia è solo un’altra delle storie in cui lui ri lascia per la seconda volta,dopo 8 ANNI, e poi si pente,e poi in fondo non è così pentito,perché va già a letto con un’altra. Eh si questa è l’ultima novità, fresca fresca di ieri.Sono ripiombata in una spirale di dolore dalla quale stavo faticosamente uscendo,ma anche questa è la vita, un turbinio di schiaffi in faccia tutti insieme. Ti mando un abbraccio gigante, di quelli proprio immensi,di quelli belli.

  9. Dalle parole che scrivi si percepisce la tua sofferenza. E dalla tua dolcezza, il tuo essere buono , innamorato e semplice. Sei stato un grande a non farti più sentire da lei, ma il xanax no perché di xano, non ha un bel niente.
    Non ti indurire. Rimani quello che sei e scusa la citazione un po’ banale ‘ vedrai che una donna è già in cerca di te’. Coraggio!
    Per Davide79 non tutte le donne sono cosi. Purtroppo quelle non cosi si beccano sempre gli stupidi per non dire di peggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close