Home / RIFLESSIONI / L’amore della mia vita

L’amore della mia vita

La prima parte è qui, per chi fosse interessato:
http://www.soffriredamore.com/lamore-della-mia-vita/

Riassunto delle puntate precedenti:
siamo stati sempre innamoratissimi, ma dopo 7 anni di matrimonio lei si sente trascurata dal mio atteggiamento spesso sfuggente, che la fa stare in pensiero, pensa che io abbia altre relazioni. Una delle cose che maggiormente l’ha stressata era la mancanza dell’arrivo di un figlio, dopo aver provato per un anno, e decide di lasciarmi.
Frequenta altri ragazzi ma continuo a piacerle io, ci vediamo saltuariamente.

Arriviamo a oggi:
A seguito di disguidi e incomprensioni litighiamo, e non vuole più vedermi. Vuole cambiare città per lavoro (circa 4 ore da qui), pensa che a me non me ne freghi niente di lei. Si organizza per andare via, predispone una separazione, e lascia anche il lavoro che aveva trovato qui.

Vuole incontrarmi per parlarmi di questioni legali e altro, ma rivedendoci c’è di nuovo quel feeling di un tempo, c’è quella magia che non c’è con nessun altro, e dobbiamo entrambi ammetterlo. Lei mi propone di andare con lei, di ricominciare tutto in un’altra città (lontano da mia madre con cui non andava d’accordo, da vari parenti di entrambi con cui non ha mai avuto un gran rapporto, da ragazze con cui avrei avuto dei flirt, ecc…).
Il problema è che io ho un lavoro che rende qui (ben più del suo lì, che è anche incerto), e poi mettiamoci anche familiari (quelli con cui lei va d’accordo), amici, e prospettive per il futuro (una casa di proprietà da ristrutturare). Le ho proposto a tal proposito di andare da lei ogni tanto, ma la sua posizione è “o tutto o niente” in quanto secondo lei poi starei con i piedi in due staffe e potrei avere una storia qui e una lì – cosa che non farei ma che lei purtroppo a causa di questo suo difetto di gelosia un po’ ossessiva continua a pensare.

Nel frattempo salta fuori un altro “problema” se così possiamo chiamarlo, una ragazza che veramente mi piace. Non come quelle di cui sospetta mia moglie, ma una ragazza seria con cui farei una storia. Il problema è che lei sta lontano circa 4 ore da me (quindi come la città dove andrebbe a lavorare lei).
Questa ragazza è innamorata di me, e io non nego di provare qualcosa per lei. Secondo i miei amici lei cambierebbe anche città per me.
Ma io non la prenderei mai in giro, e al tempo stesso non voglio prendere in giro i miei sentimenti, io e mia moglie ci amiamo, e l’ho capito perchè dopo dei mesi (ci siamo lasciati in luglio) ormai eravamo abituati alla nostra vita senza l’altro, ormai io non soffrivo più della sua assenza, ma quando ci siamo rivisti l’amore ha preso il sopravvento, e i nostri occhi hanno ricominciato a brillare come non avrebbero mai fatto.
Abbiamo parlato di alcuni ricordi, di alcuni progetti per il futuro, ma purtroppo ci sono dei blocchi: lei è fissata con l’andare via (e sarebbe tutto complicatissimo a livello economico, rischiamo di finire sotto un ponte soprattutto se perdo il mio progetto lavorativo qui), lei ancora non si fida e la sua gelosia la porta a pensare di me cose che in realtà non ho fatto e non farei mai. E soprattutto, lei ha una gran paura di buttarsi di nuovo con me.

Purtroppo l’altra ragazza, per quanto mi possa piacere, sarebbe un ripiego. Ho paura che mia moglie partirà e magari troverà un altro, e che io finirò insieme all’altra ragazza. E che poi ci sarà un irrefrenabile desiderio di tornare insieme. Non voglio prevedere il futuro, ma ho già visto troppe volte questa storia (amici, film, libri..).

Apprezzo consigli, apprezzo chi vuole anche solo leggere. La cosa bella di questo periodo della mia vita è che sicuramente non do nulla per scontato, e vivo fino in fondo ogni momento, provando sentimenti, a volte di gioia, a volte di dolore, sto apprezzando la vita, e sto apprezzando l’imprevedibilità delle cose. Niente è scontato.

da: Aldo

19 Commenti

  1. Eri partito bene.. Una speranza che, a volte, le storie non si buttano via. E, invece, niente!
    Cioè, considerato il titolo, non comprendo come puoi solo accennare ad altre donne?!
    Come puoi parlare di amore verso tua moglie e dire che provi qualcosa di più per un’altra?!
    E’ una contraddizione!!! Come si può mai dire ad una donna che è la donna della tua vita, ma:” Ho paura che mia moglie partirà e magari troverà un altro, e che io finirò insieme all’altra ragazza”?????
    Boh, il coraggio di rimanere soli e non prendere in giro nessuno, no, è?!
    Comunque, penso questo: non devi scegliere tra la “donna della tua vita” e la donna che “ti piace tanto”, ma chi e cosa vorresti se le due donne non ci fossero, perchè a mio avviso non ami nessuna delle due.
    Se amassi tua moglie davvero, il problema riguarderebbe solo una scelta lavorativa ed è presto detto che si sacriferà quella meno conveniente per i progetti di coppia, ma non mi pare questo il punto della tua situazione.

    • Fra mi dispiace ma forse non ero stato chiaro nella storia, mi spiego meglio:
      è logico che la mia affermazione del mettersi insieme ad altre persone non sia imminente, ma sia legato al futuro: nessuno sta da solo per sempre.
      Riguardo al cambio città: è più costosa, è meno pratica, il suo lavoro è breve e non molto retribuito (riuscirà a mantenersi anche grazie al mantenimento che le darò io) mentre io ho un lavoro con una carriera avviati qui. Proprio ieri le ho detto che se vogliamo ricominciare un futuro insieme l’unico modo è con la mia carriera, poichè senza, lei da sola non potrebbe mantenersi lì, e io con cosa crescerei la famiglia? Con l’aria? Con l’amore?
      Purtroppo non siamo più adolescenti e i sogni a volte si scontrato con la realtà.
      E soprattutto c’è la crisi, non si può rischiare di perdere le certezze economiche, anzi senza soldi le coppie si sfasciano ancor di più.
      Se io avessi tanti soldi da parte andrei anche a fare un tentativo, per poi convincerla pian piano a tornare, ma non posso perdere l’occasione di creare un vero futuro per quella che sarebbe una famiglia.
      Se tornassimo insieme ma senza un soldo e senza una situazione stabile cosa faremmo poi? L’elemosina?
      La mia idea è di convincerla che io lavoro qui in settimana e poi la raggiungo. E’ dispendioso sia in termini di tempo che di denaro, ma con l’amore si fa.

      • Così è già diverso. Ci si pensa a non stare soli, ma quando si è soli. Comunque, come detto, provate con la scelta più oggettiva. Appunto come dici, oggi non è il caso di lasciare un lavoro sicuro. Lei non può rimanere? Se dici che andrebbe via per un lavoro non ottimo, non trova nulla di simile dove sei tu? Comunque si, nel frattempo potreste fare così.. tra l’altro mantenete anche una certa individualità che non fa mai male.. ma a lungo andare, anche la distanza potrebbe infastidirvi.

        • Esatto, lei anche di recente ha pianto pensando di partire. Suppongo che la distanza la riavvicinerà di più, paradossalmente, a me.
          Riguardo al lavoro, in questo momento può farlo solo lì.

  2. Ero in procinto di intraprendere un importante corso di studi all’estero, nello stesso periodo frequentavo questa ragazza: un bell’essere umano, solo poco incline a canalizzare le proprie energie su un’unica cosa e abbacinata da certi ideali hippy che non ho mai condiviso. Due giorni prima della partenza mi fa, cito testualmente: “Resta , resta qui con me a fare il pirata!” inutile dire sono scappato talmente veloce che è rimasta giusto una nuvoletta di polvere in stile “road runner” . Il concetto è che se ti chiede di sacrificare tutto quello a cui tieni senza compromessi più che aMMore è possesso. Cari SalunZi

    • Rado comprendo il tuo paragone, che estremizzato riporta al mio.
      Hai azzeccato il concetto, senza le ingenuità di alcuni altri commenti..

      Certo da te è all’eccesso, ma anche da me i suoi sogni lavorativi si scontreranno prima o poi con il lato economico.
      Spero accetti il compromesso di vedermi ogni tanto, sarebbe perfetto, sarebbe una dimostrazione di maturità da parte sua, e una dimostrazione d’amore da parte mia.

  3. Concordo con Fra e ti invito a rileggere più e più volte questa parte:

    “secondo lei poi starei con i piedi in due staffe e potrei avere una storia qui e una lì – cosa che non farei ma che lei purtroppo a causa di questo suo difetto di gelosia un po’ ossessiva continua a pensare.
    Nel frattempo salta fuori un altro “problema” se così possiamo chiamarlo, una ragazza che veramente mi piace. Non come quelle di cui sospetta mia moglie, ma una ragazza seria con cui farei una storia.”

    Io personalmente mi sono messa a ridere, però parlando seriamente forse dovresti riflettere molto ma molto bene su quanto ti sei contraddetto, evidentemente tua moglie non ha tutti i torti a pensare che c’è il rischio che tu ti faccia un’altra storia. Oltretutto parli come se le cose ti accadessero passivamente…ho paura che finirò con l’altra ragazza, ho paura che mia moglie finirà con un altro.

    • Sinceramente rido anche io per la tua ingenuità, ma probabilmente hai un’altra età, e da adolescente anche io ragionavo così, dove è tutto bianco e nero.
      Poi si comprendono le sfumature di cui è fatto il mondo.
      Giusto alcune cose:
      1) noi non siamo più insieme da luglio, ed è normale che nei mesi si possa creare dell’attrazione o della simpatia per un’altra persona, siamo esseri umani.
      2) quando le strade si dividono, non è questione di essere passivi, ma è naturale che prima o poi si finisca con qualcun’altro e non si faccia la parte degli eremiti a vita. Ma quando si è stato insieme tanto tempo, è altresì naturale che il cuore ritorni verso l’altro. Basti pensare a Martina Colombari e Costacurta, a Liz Taylor e Richard Burton, o a tante storie che ho sentito direttamente dai miei amici.
      3) Ovvio che se lei se ne va per i cavoli suoi io prima o poi mi farei un’altra storia, se non vuole saperne di me! O devo farmi prete?
      Ma è ovvio per me, che se decido di impegnarmi con lei e di andarla a trovare quando non lavoro, allora resto solo con lei, sono innamorato, perchè dovrei trovare un’altra?

      • Certo ho un’altra età ma mi andava comunque di esprimerti la mia opinione..premesso che non sono d’accordo sul fatto che tu debba seguire lei e che penso invece che dovresti convincerla a ricominciare insieme dove già vi trovate, continuo a pensare che già stai troppo avanti se pensi ad avere un’altra storia, tra l’altro sei tu che lo hai esposto come un problema perché già sei attratto da un’altra e quindi c’è questa possibilità. anche se c’è una grande attrazione metti caso, se ami tua moglie davvero sai già che rifiuterai l’altra, quindi il problema non dovrebbe esistere. Quando dico che è “passivo” come ragionamento, è perché tu dici “ho paura che finirò con l’altra”…ma se non ci vuoi finire hai il potere di non finirci.

      • Concordo con te, ahinoi…

  4. Troppe seghe mentali.
    Non ho la presunzione di dirti cosa fare visto che le persone coinvolte in questa storia le conosci tu e solo tu sai chi è che meriterebbe un investimento a chi no.
    Così a sensazione mi viene da pensare che tua moglie sia sinonimo di Guai.
    Mai sopportate le persone che vogliono continuamente distruggere per ricominciare, quasi come fosse una tappa obbligata di questi tempi moderni.
    Personalmente a questa età preferisco le certezze all’avventura. Le certezze ti danno da campare. L’avventura no. Sicuramente L’avventura risulta Affascinante all’inizio ma c’è un tempo per ogni cosa.

    • Concordo al 100% col tuo ragionamento.
      “preferisco le certezze all’avventura. Le certezze ti danno da campare. L’avventura no. Sicuramente L’avventura risulta Affascinante all’inizio ma c’è un tempo per ogni cosa.”

      In questa frase riassumi chiaramente ciò che le sto cercando di far capire in questi giorni.

      Trascuri però una componente fondamentale: ci amiamo.
      Io spero che lei sbatta la testa e torni indietro.
      Certo se la sbatte in qualche mese, io molto probabilmente sarò qui ad aspettarla, ma più passa il tempo, e più le certezze cadono..

      Io l’investimento lo farei, e gliel’ho proposto: lavoro, e la raggiungo quando posso. Se la sua fiducia e il suo amore superano le sue paure e la sua gelosia, suppongo che arriveremo a qualcosa..

      • No no Aldo, non trascurerei mai un simile dettaglio!
        Ma nonostante ciò lei pretende da te che rivoluzioni la tua vita…e lei quali garanzie ti dà in cambio?
        Anche la mia ex pretendeva che io cambiassi la mia vita, mollassi il mio lavoro sicuro, la mia casa già pagata, i miei genitori anziani per trasferirmi da lei (a 250 km da dove vivo) che viveva ancora coi suoi, non aveva un lavoro e nemmeno una casa sua, le mancava l’indipendenza ma pretendeva ugualmente che mollassi tutto per andare da lei. Non ho ceduto, e ho fatto benissimo.
        Perché dopo un po di anni mi ha mollato lei con il classico “non ti amo più”. Tu pensa soltanto se avessi dato ascolto solo all’ammmmore che provavo per lei (e credimi che la amavo TANTO) sarei stato un incosciente!
        Mai fidarsi delle persone precarie e poco indipendenti. Mai! I compromessi e un po di sano realismo a questa età sono fondamentali per stare insieme.

        • Il punto è che andando là magari funzionerebbe alla grande fra noi (siamo già collaudati da quasi dieci anni) ma con l’amore non si pagano le bollette, gli affitti, il cibo, ecc… 😀

          E se andasse tutto bene, beh sarebbe come vincere la lotteria.

          • Magari sì e magari no.
            Dipende solo da quanto tu ti senta di rischiare.
            Ognuno di noi ha i suoi parametri personali, solo tu conosci bene le persone in gioco e cosa fare lo puoi decidere solo tu.
            Noi più che consigli e sensazioni non possiamo darti.

            • Il problema è che so quasi matematicamente che si va all’avventura. E secondo me se sorgono problemi economici la coppia ne soffre più che di tutto.
              Le coppie si sfasciano soprattutto per quelli di recente.

  5. Ciao Aldo! Mi ricordo di te…anzi del tuo post e di quanto eri convinto che sareste tornati insieme.

    Io sarò sincera, il lavoro non lo lascerei mai, soprattutto se è un lavoro che ti gratifica.
    Diceva mia nonna “senza soldi non si cantano messe”.
    Mollare una posizione per seguire l’amore della propria vita ma anche no, soprattutto perché ad una certa età si riescono a fare dei compromessi, gli out out “o via con me o niente” finiscono col far piangere la gente.
    Con questo non dico che si vive per lavorare, però di sti tempi riuscire a fare un lavoro che piace è una benedizione.
    Lei non rinuncerebbe ai suoi sogni per te, perchè tu devi rinunciare ai tuoi?
    Falle capire che non terrestri mai i piedi in due scarpe e che se ama te deve necessariamente farsi scendere il tuo lavoro e la tua famiglia.
    La distanza non cancella i problemi…i nuovi inizi, anzi i migliori nuovi inizi si sugellano sul divano di casa propria.

    • Esatto!
      Il punto è che non è solo per i sogni, ma soprattutto per i contrasti con alcune persone che si sono messe fra di noi.
      Ma come si vede nel finale di colazione da Tiffany, spesso si scappa da se stessi in realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close